Il ristorante che ha saputo conquistare una stella Michelin nell’ultima edizione della guida, grazie allo chef Antonello Sardi, aveva già chiuso i battenti (della vecchia location in via Pacinotti) qualche settimana fa. Ora il team guidato dalla famiglia Thottrup, già proprietaria dell’hotel Borgo Santo Pietro nella campagna senese, si trasferisce nel nuovo spazio di Lungarno Cellini, a pochi minuti dal centro cittadino. Ancora cucina contemporanea nel rispetto della tradizione locale, ingredienti selezionati in arrivo dall’azienda agricola di proprietà, ampia carta dei vini e interni di design.
Pubblicità

Un nome che trae in inganno, ma non può lasciare indifferenti i gourmet che conoscono la buona tavola fiorentina. Una genesi, quella dell’attuale Bottega del Buon Caffè, che procede per tappe: all’iniziale torrefazione con bar nei pressi di via dei Mille si affianca (fino a sostituirla in seguito) la gastronomia, che assurge con gli anni a bistrot accattivante (rilevato da Jeanette e Claus Thottrup). Pochi coperti, ambiente elegante, proposta gastronomica curata e ampia carta dei vini valgono al ristorante una stella Michelin – conquistata nell’ultima edizione 2015 – e l’apprezzamento di pubblico e critica.
A dicembre (l’inaugurazione è prevista per mercoledì 3) si cambia ancora. La Bottega arriva sulle rive sull’Arno (Oltrarno, nel quartiere di San Niccolò), spostandosi a pochi minuti dal centro cittadino, e guadagna un nuovo spazio – un lounge bar – che affiancherà il ristorante stellato. L’allestimento degli interni, curato dalla stessa Jeanette Thottrup (designer di fama internazionale), combinerà design classico con elementi contemporanei e arredi di lusso artigianali provenienti da tutto il mondo.
Confermato alla guida della cucina lo chef Antonello Sardi – già a fianco di Enrico Bartolini al Devero di Cavenago Brianza – che ha saputo impostare la proposta moderna del ristorante nel rispetto della tradizione culinaria fiorentina e regionale, potendo disporre dei prodotti coltivati dall’azienda agricola di proprietà della famiglia Thottrup, che completa i possedimenti dell’hotel a cinque stelle Borgo Santo Pietro nel territorio senese. Da qui arrivano a Firenze ortaggi e verdure dell’orto, uova biologiche, fiori, miele e erbe che sposano gli ingredienti dei fornitori locali.
E l’ampia selezione di vini in carta continuerà a costituire un elemento distintivo dell’offerta della Bottega del Buon Caffè; si affiancano a Claus Thottrup, nella cura della ricca cantina, i sommelier Simona di Goro e Saverio Roseni.

La Bottega del Buon Caffè | Lungarno Benvenuto Cellini 69/R, Firenze | Chiuso domenica sera e lunedì | Tel. 055 5535677 | www.labottegadelbuoncaffè.com