Sabato 19 settembre, in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio, molti dei musei e dei luoghi della cultura statali osserveranno un orario prolungato con modalità e variazioni di orario che verranno rese note sul sito www.beniculturali.it. L’ingresso dalle 20.00 fino alla chiusura della biglietteria avrà il costo di 1 euro. 

Pubblicità

Quasi mille eventi e aperture straordinarie per raccontare “L’alimentazione e la storia dell’Europa” e affrontare un viaggio inedito tra le identità culturali e alimentari del nostro Paese. 

Giornate Europee del Patrimonio 2015 (#GEP2015). Sabato e domenica 19-20 settembre

Come ogni anno, il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo aderisce alle Giornate Europee del Patrimonio (GEP), manifestazione promossa nel 1991 dal Consiglio d’Europa e dalla Commissione Europea per favorire il dialogo e lo scambio in ambito culturale tra le Nazioni europee. La manifestazione avrà luogo sabato e domenica 19-20 settembre 2015 e coinvolgerà tutti i luoghi della cultura statali, compresi archivi e biblioteche. All’iiniziativa, com’è ormai tradizione, hanno aderito anche moltissimi luoghi della cultura non statali tra musei civici, comuni, gallerie, fondazioni e associazioni private, costruendo un’offerta culturale estremamente variegata.

Quest’anno, in concomitanza con Expo, la tematica privilegiata dalle iniziative culturali sarà l’alimentazione, che guiderà il calendario di eventi, aperture straordinarie, visite guidate sperimentali, strettamente connesse ai valori dell’identità storica e artistica, oltre che enogastronomica, dell’Italia.

L’Europa gastronomica. Un dialogo tra territori e identità

La storia dell’alimentazione rappresenta una delle chiavi di lettura dell’identità di una nazione, delle sue evoluzioni culturali, anche come risultato di relazioni con altre popolazioni. Ecco il motivo della politica di tutela e valorizzazione del patrimonio agroalimentare tipico di ogni Paese messo in atto a livello nazionale e comunitario, con la promozione di marchi di qualità (DOP, IGP, DOC e STG) direttamente legati alle origini geografiche e alle tradizioni culinarie della filiera enogastronomica europea.

Pubblicità

E l’Expo di Milano offre un’opportunità importante per la promozione del nostro Patrimonio culturale, consentendo di indagarne la profondità materiale, artistica e storica attraverso uno degli aspetti più comuni del nostro vivere quotidiano: la produzione, il consumo, la sociologia e la ritualità del cibo. Così per il prossimo appuntamento con GEP il tema sarà La Cultura è il cuore dell’Europa. Ritualità e storia dell’alimentazione attraverso l’arte italiana

Il calendario delle GEP 2015

Durante le Giornate Europee del Patrimonio il pubblico potrà visitare monumenti e aree archeologiche solitamente inaccessibili o prendere parte a visite inedite presso musei e spazi culturali su tutto il territorio nazionale, con un focus sui risvolti che la tematica alimentare può assumere in ambito iconografico o stilistico, o nell’influenzare gli aspetti materiali di una società, dalla trasformazione degli alimenti alla loro circolazione, ponendo l’accento sulla correlazione tra passato e mondo contemporaneo in prospettiva antropologica. Il tutto a partire dalla consapevolezza profonda che la storia dell’umanità coincide con quella dell’alimentazione e che l’uomo è tale anche in virtù della sua capacità di cucinare (si vedano gli studi di Massimo Montanari nel suo Il cibo come cultura, Roma-Bari 2004). 

Un racconto corale e tematico

La Direzione Generale Musei ha individuato cinque macro-argomenti correlati al più ampio tema della storia dell’alimentazione, cui si aggiunge a complemento un sesto ambito appositamente pensato per quegli istituti  di cui si vogliono valorizzare aspetti inediti o poco conosciuti del loro Patrimonio:

1) Il paesaggio e le “vie” del cibo

Pubblicità

L’interazione dell’uomo con la natura nelle fasi di acquisizione, produzione e circolazione delle risorse alimentari.

2) L’immagine e l’immaginario del cibo

L’immagine del cibo nel tempo, nelle sue molteplici trasformazioni, in relazione al gusto e all’estro dei vari possibili ambiti culturali.

3) Cibo e cultura

Il cibo come mezzo di integrazione e di confronto e come strumento per la [ri]costruzione dell’identità culturale.

4) Sociologia dell’alimentazione

Il cibo come dispositivo di socializzazione e di espressione\esibizione sociale.

5) Ritualità, religiosità e sacralità del cibo

Tradizioni, rituali e religiosità del cibo tra passato e contemporaneità.

6) La Cultura è il cuore dell’Europa

Iniziative e aperture straordinarie, visite guidate sperimentali, eventi non direttamente correlati alle tematiche dell’alimentazione ma corrispondenti allo spirito delle GEP.

 

Per il calendario completo degli eventi e delle aperture straordinarie dei siti statali e non statali www.beniculturali.it/GEP2015