Ancora uno scandalo per TripAdvisor. Il falso ristorante guadagna il primo posto in classifica sul portale di recensioni

22 Giu 2015, 15:49 | a cura di Livia Montagnoli
Italia a Tavola ha promosso l'esperimento per verificare l'attendibilità del portale di recensioni più consultato nel mondo. Il ristorante La Scaletta ha “aperto” a Moniga del Garda alla fine di aprile e da allora ha collezionato dieci (false) recensioni eccellenti, che gli sono valse il primo posto. Ma chi controlla? 
Pubblicità

Il falso profilo. La Scaletta di Moniga del Garda

Ci risiamo. Ancora una volta Tripadvisor viene colto con le mani nel sacco. Il sito di recensioni più celebre nel mondo è stato nuovamente messo alla prova da un'azione in incognito, promossa dalla testata Italia a Tavola, già promotore della campagna #NoTripAdvisor. E se ancora vi affidate alle classifiche del noto portale, vi basterà seguire l'evidenza dei fatti per cominciare a dubitare della veridicità delle recensioni di presunti utenti imparziali.
Il primo passo è stato quello di creare un falso profilo sul sito, registrando un ristorante mai esistito a Moniga del Garda, che in poche settimane, grazie a dieci recensioni (chiaramente inventate) è balzato in testa alla classifica degli esercizi locali (alcuni recensiti da centinaia di utenti), risultando il miglior ristorante della cittadina bresciana.
E così il ristorante Scaletta, “aperto” alla fine di aprile, ha ricevuto il suo primo giudizio in data 25 aprile: 5 pallini verdi e commento eccellente inventato di sana pianta. Poi, nel giro di un mese, le successive nove recensioni, tutte con il massimo punteggio, che hanno portato il neoristorante a surclassare quello che oggi viene segnalato come secondo in classifica, l'Osteria H2O, che vanta trecento recensioni di cui oltre duecento eccellenti.

Un portale fuori controllo. Chi verifica l'attendibilità?

Di fatto, il portale non ha effettuato il minimo controllo sulle finte recensioni positive indirizzate al falso profilo, né tanto meno si è preoccupato di verificare l'esistenza dell'attività (tra l'altro facilmente riconducibile a un indirizzo esistente e a un numero di telefono in disuso della polizia municipale locale) al momento della sua iscrizione. L'esperimento dimostra così l'inattendibilità del mezzo per la totale assenza di filtri e controlli, dovuti in parte alla natura stessa del portale, “in balia” degli utenti del web.
A quanto pare non è bastata la multa di 500mila euro comminata dall'Antitrust a Tripadvisor solo qualche mese fa per incentivare il gruppo a prendere provvedimenti e rassicurare così operatori e consumatori che si affidano allo strumento. E Italia a Tavola torna ancora una volta ad avanzare una semplice proposta per arginare il problema: subordinare la pubblicazione di una recensione alla foto della ricevuta fiscale del pasto consumato (o del servizio di cui si è usufruito), come prova inconfutabile di veridicità. Mentre TripAdvisor si è già affrettato a cancellare le recensioni e le foto del falso ristorante Scaletta. Ancora certi di volerlo seguire?

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X