Si chiama Fax Factory Art&Specialtycoffee, si trova al Pigneto ed è un nuovo polo culturale dove arte e caffè di qualità convivono in maniera armonica. L'ultimo progetto caffeicolo romano.
Pubblicità

Nuove aperture

Ci sono i caffè specialty, i chicchi di qualità tostati da torrefazioni di ricerca italiane e straniere, estratti in filtro e in espresso. Ci sono i dolci artigianali, ma c’è anche tanta arte – pittura, fotografia, letteratura – nel nuovo centro culturale aperto a Roma, nel quartiere Pigneto, uno spazio che si propone di essere una caffetteria a tutti gli effetti, con macchine d’avanguardia (per l’espresso c’è la Marzocco gb5) e sistemi di estrazione alternativi, monorigine pregiati e, a breve, anche caffè tostato in casa. Ma anche un punto di aggregazione, dove al piacere della buona tazzina vengono abbinate mostre ed eventi culturali.

Arte e caffè

Un esperimento già messo in campo la scorsa primavera da Ortica, caffetteria e concept store trasteverino ideato da un gruppo di artisti all’interno della Frutta Gallery, anello di congiunzione tra arte e cibo, attualmente chiuso ma che presto tornerà sulle scene italiane con nuovi progetti. Ora, è la volta di Gaia Aurora Olmedo e Luca Palazzi, giovani baristi che hanno già avuto modo di farsi le ossa presso Pergamino Caffè, il bar in Piazza Risorgimento gestito da Luigi Parise e sua moglie Laura, creato insieme al torrefattore Massimo Bonini di Lady Café. “Birra, caffè e cavalli: sono queste le mie passioni”, racconta Gaia, cultrice della tazzina che nell’oro nero sembra aver trovato la sua strada, non prima però di lavorare anche nell’ambito della birra artigianale, un settore che ha avuto modo di approfondire soprattutto grazie al periodo trascorso al mitologico pub Ma Che Siete Venuti a Fa’.

Gli ideatori

Mi interessa la parte di tostatura, che ho intenzione di cominciare presto nella mia casa in campagna fuori Roma. A dedicarsi al brewing – l’estrazione con metodo filtro – sarà principalmente Luca”. Entrambi si sono formati alla scuola per baristi di Davide Cobelli, titolare della Coffee Training Academy di Verona. Al momento, la tostatura in proprio non è ancora iniziata, ma gli amanti della tazzina di certo non resteranno delusi: per l’espresso, ci sono i chicchi di Neroscuro di Bassano del Grappa, “con i proprietari si è creata una bella sintonia fin da subito”, mentre per il filtro via libera a torrefazioni straniere, da Origin a Five Elephant, “e molti altri che cambieranno a rotazione”. Non manca il reparto pasticceria, con i dolci della Paneria, forno dei Castelli Romani con punto vendita in via Appia gestito da Simone Moroni, artigiano che ha deciso di scommettere sui sapori di una volta, interpretati attraverso l’utilizzo di materie prime di qualità.

Pubblicità

L’obiettivo

Il caffè resta il protagonista principale, ma avremo anche una selezione di birre artigianali e una piccola lista dei cocktail”. Cuore pulsante del Fax Factory Art&Specialtycoffee, poi, è la sua doppia anima: “Abbiamo intenzione di organizzare eventi e serate a tema, con musica dal vivo, presentazioni di libri, dibattiti, forum, proiezioni e mostre”. Si comincia il 20 dicembre, giorno dell’inaugurazione (“la caffetteria, intanto, è già aperta”), con una mostra fotografica pensata per l’occasione. Un primo passo verso la realizzazione di un progetto più ampio, uno spazio condiviso nel cuore del Pigneto, “quartiere in grado di accogliere ogni novità e che gode di un’ottima posizione: così, a Roma ci saranno Faro a Piazza Fiume, Pergamino a Prati e poi noi qui”. Per una mappa di caffetterie specialty che continua a crescere di anno in anno.

Fax Factory art&specialty coffee – via Antonio Raimondi, 87 – www.facebook.com/FAXFactory/?ref=br_rs

a cura di Michela Becchi