[caption id="attachment_138580" align="alignnone" width=""]spaghetti all'acqua di limone di peppe guida[/caption]

C'è voluto tempo per perfezionare il format, ottenere i permessi, e completare il locale, proprio nel cuore di Napoli. Ma da qualche tempo lo store Di Martino presenta a napoletani e turisti a spasso per la città 126 formati di pasta di Gragnano. E ora inaugura il pasta bar: 15 ricette di Peppe Guida, e due menu degustazione tutti a base di pasta. E lo spaghetto con scarpetta da passeggio. 

Pubblicità

Gli store della pasta. A Napoli e nel mondo

Alla serata inaugurale, il 31 luglio, dietro ai fornelli c’era Peppe Guida, il re della pasta celebrato sulla copertina di agosto del mensile del Gambero Rosso e recentemente protagonista su Gambero Rosso Channel di Bolle in Pentola, con Laura Ravaioli. Del resto, all’antica Osteria Nonna Rosa la pasta nel piatto è solo quella del Pastificio dei Campi di Gragnano, di cui è ambasciatore nel mondo. E del progetto Pasta Bar, in piazza Municipio a Napoli, è uno degli ispiratori e protagonisti. SeaFront Di Martino Pasta Bar è l’ultima invenzione di Giuseppe Di Martino, pastaio di terza generazione e fulgido esempio di imprenditoria del cibo made in Italy (l’ultimo “affare” è l’acquisizione, all’inizio di maggio, della quota di maggioranza di Grandi Pastai Italiani, player della produzione di pasta fresca; tre anni fa, invece, l’acquisto del Pastificio Amato), che nasce nel cuore della città all’interno dello store del pastificio inaugurato a maggio con grande successo di pubblico, napoletano e non. Il format, infatti, fa capo a un progetto di più ampio respiro riassunto sotto il marchio Di Martino Air, per l’esportazione nel mondo di un modello di pasta store e pasta bar che sin dall’inizio ha contemplato un’espansione su vasta scala, con 35 aperture in programma nei principali scali aeroportuali internazionali per valorizzare la pasta di Gragnano Igp. Il primo apriva nell’autunno 2015 a Capodichino, mentre più di recente, lo scorso febbraio, il pasta store monomarca ha esordito a Bologna, all’aeroporto Marconi (in programma anche Roma e Venezia).

 

Il negozio. 126 formati di pasta secca da scoprire

Ma è certamente il punto vendita nel centro di Napoli, con le sue 126 trafile ordinate sugli scaffali per la gioia degli appassionati della pasta secca, a costituire il modello vincente per quello che sarà lo spazio del Pastificio all’interno della Fabbrica Italiana Contadina di Eataly World, dove Di Martino potrà contare su una “fabbrica” dedicata. In piazza Municipio, lo store ha inaugurato lo scorso maggio, dapprima con la proposta retail, in attesa di presentare – alla fine di luglio – la versione più completa del format rodato negli aeroporti, con possibilità di degustazione take away (lo spaghetto to go) e un bar ristorante con cucina a vista per sperimentare in tranquillità le moltissime ricette elaborate negli ultimi anni da Peppe Guida. Che proprio un paio di giorni fa si è ritrovato a porte chiuse al nuovo SeaFront in compagnia dei più celebri pizzaioli della città, per una sera orfani della pizza, e ben felici di prestarsi a celebrare un altro simbolo della tradizione gastronomica campana: la pasta. Quella di qualità, condita alla perfezione. In vendita, dunque, tante confezioni di pasta (anche la linea biologica e quella integrale) dal caratteristico involucro blu, e poi confezioni regalo in scatola di latta retrò, una linea di piatti in ceramica su disegno esclusivo, e tanti oggetti di merchandise, dai grembiuli ai gadget legati all’universo della pasta. Nulla è stato lasciato al caso, compresa la guida con i consigli per l’uso, in italiano e inglese, che incoraggia a rispettare il prodotto, e per i più pedanti propone l’abbinamento ideale formato-ricetta.

Pubblicità

Il pasta bar con le ricette di Peppe Guida. E la Devozione da passeggio

L’idea del pasta bar a tu per tu con i cuochi, invece, discende direttamente dalle serate Indovina chi viene a cena del Pastificio dei Campi, come ha raccontato lo chef durante la serata inaugurale: “Il format va fortissimo. Perché non replicarlo per il grande pubblico? L’idea è quella di trasmettere la tradizione della nostra Campania”. E scommette molto anche sull’esperienza didattica dell’avventore, – “un’esperienza metropolitana, dove la pasta ha la dignità di un piatto di alta gamma”, dice Di Martino – che mentre aspetta di mangiare potrà carpire i segreti per l’esecuzione impeccabile di un buon piatto di pasta, con formati spesso ignorati nella dispensa di casa. La supervisione, chiaramente, resta affidata a Guida (date un’occhiata ai suoi consigli per acquisto, preparazione e cottura della pasta), ma a condurre la brigata ci sarà ogni giorno Pierpaolo Giorgio, “una mano molto felice con la pasta, da tre mesi da Nonna Rosa proviamo ricette di pasta da colazione a cena”. In carta una quindicina di proposte – 3 di carne, 3 di verdure, 3 dall’orto, 3 di tradizione, 3 dolci, uno a base di pasta – e due menu degustazione per i più curiosi; 24 posti in tutto, secondo la formula del banco bar (due chef in cucina, per ognuno 12 ospiti da seguire), e vista sul mare (seafront) dal piano rialzato dello store, dove trova spazio anche un tavolo dello chef. Un assaggio su tutti? Lo Spaghetto Antico Scarpariello 2017, con pomodorini e zuppa di pomodoro acerbo, cotto in zuppa di foglie di pomodoro. In abbinamento una selezione rigorosa di etichette di vino. Per chi non ha tempo di fermarsi, invece, lo spaghetto to go al pomodoro in box da passeggio – la Devozione – corredato di pane per la scarpetta: 130 grammi a 5 euro. E ci tocca dirlo di nuovo: nulla è lasciato al caso. “Essere a piazza Municipio 1, per me, è un orgoglio fantastico”, chiosa Giuseppe Di Martino.

 

Seafront Di Martino Pasta Bar | Napoli | piazza del Municipio, 1 | tel. 0811 8496287

Pubblicità

 

a cura di Livia Montagnoli