6 nuove tavole d'albergo per un soggiorno gourmet nella Milano dell'Expo

1 Mag 2015, 11:01 | a cura di Antonella De Santis
Facciate monumentali o giardini segreti, terrazze mozzafiato e sexy steakhouse. Ecco gli alberghi da non perdere nella Milano dell'Expo.
Pubblicità

Boscolo Milano

È una coppia di giovani talenti quella che anima la terrazza del Boscolo Hotel. Sarebbe dire un trio, perché la presenza del Duomo che s vede di lontano è ben più che una scenografia. È un protagonista di brunch e dopo cena, con il menu studiato dai due cuochi. Doppia mano, e doppie ispirazioni, vista la provenienza dei due: Christian Milone della Trattoria Zappatori di Pinerolo (in Piemonte) e Giuseppe Iannotti del Kresios di Telese Terme (in Campania). Nord e sud, grande brio e mano felice e brio. Il Boscolo Milano è un luogo che racconta di una Milano profondamente cosmopolita, che guarda e accoglie l'anima più mondana della città.
Boscolo Milano | Milano | corso Matteotti, 4 -6 | tel. 02.77679611 | http://milano.boscolohotels.com/it/

Excelsior Hotel Gallia
È un bel ritorno in città quello dell'Excelsior Hotel Gallia dopo quattro anni di chiusura. I lavori hanno restituito all'originaria bellezza la facciata monumentale con delle aggiunte contemporanee, mentre all'interno le linee sono pulite, gli ambienti ariosi e lineari, gli spazi ampi. Un luogo che vuole conquistare il cuor non solo dei turisti, ma anche dei milanesi, aprendo gli spazi anche agli esterno, a partire dalla colazione, ma anche per una pausa con un drink e un giornale, magari in attesa del treno., vista la vicinanza alla stagione. Firmato dall'architetto Marco Piva, il progetto è una sintesi di appeal retrò, atmosfere moderne, spazi ampi e prospettive studiatissime, materiali pregiati, design italiano, e l'idea di ogni stanza come un appartamento, da usare anche per riunioni di lavoro,
Al timone dell'offerta food Davide Castoldi, che declina con originalità ma senza eccessi prodotti del territorio, proposte classiche, per piatti lineari ma non banali.
Excelsior Hotel Gallia | Milan | piazza Duca D'Aosta 9| tel. 02.6785 1 | www.excelsiorhotelgallia.com/

LaGare Hotel Milano

Fresco fresco di apertura: era febbraio 2015 quando LaGare Hotel Milano ha aperto i battenti, a un passo dalle stazioni Centrale e Garibaldi, andando ad arricchire il più moderno distretto milanese. Quello di Porta Nuova, nel cui skyline si inserisce con una struttura moderna: 13 piani a forte vocazione business, arredi essenziali, in continuità con il fratello maggiore: LaGare Hotel Venezia, aperto un paio di anni fa a Murano. Con questo, oltre al design pulito, condivide anche i dettagli realizzati in vetro, ad esempio vasi e illuminazione. 
Si tratta di un moderno design hotel che riserva particolare attenzione per al benessere, quello degli ospiti, con 141 stanze con forte attenzione a comfort e design, spa e area fitness, e quello dell'ambiente, visti i criteri di sostenibilità ambientale con cui è stato realizzato (con tanto di certificazioni al suo attivo). Sul fronte food oltre al bar e al caffè, al quarto piano e con ampio terrazzo, si trova LaGare Bistrot. Salvatore Perrone, propone una cucina mediterranea classica, ovviamente con un occhio di riguardo all'equilibrio dei piatti e all'origine materie prime, preferibilmente bio. Non mancheranno, durante i mesi dell'Expo. Appuntamenti culinari ad hoc oltre, naturalmente, a pacchetti che comprendono pernottamento, prima colazione, Milano Card e ticket Expo.
Lagare Hotel Milano | Via G. B. Pirelli, 20 | tel. 02.8725241 | http://lagarehotelmilano.it/

Pubblicità

Magna Pars Suite Milano

Inaugurato nel 2013 e recentissimamente ampliato, il Magna Pars è un Hotel à Parfum che nasce sulle fondamenta della ex fabbrica di profumi della famiglia Martone. Tutti gli ambienti si affacciano su giardini interni, attigui e complementari dove si gode del susseguirsi delle stagioni, del variare della luce e dei profumi dei giardini interni. Nel 2015 si sono aggiunge 11 suite alle 28 precedenti e un giardino segreto, ricco di aromi a testimonianza dell’origine dell’intero complesso. Non solo: unica e in sintonia alle altre, ogni suite si ispira a ingredienti olfattivi tipicamente italiani e tradizionali usati nell’arte della profumeria. Il progetto è firmato da Luciano Maria Colombo, Paola Benelli e Roberto Murgia e si caratterizza per l’elegante e imponente parete di cristallo, di taglio contemporaneo, in dialogo con alcuni elementi da cui giunge l'eco del passato: dettagli post industriali, mura originali, corridoi a vista e ringhiere di acciaio. All’interno domina il bianco riscaldato dal legno e da collezioni di libri antichi internazionali, e ovunque c'è il richiamo dei giardini.
Un'ampia sala interna illuminata da un’intera parete di vetrate che si affaccia direttamente sul giardino interno ospita il ristorante Da noi in, guidato da Fulvio Siccardi. In carta piatti raffinati e stagionali, che rivisitano grandi classici e racchiudono nella proposta le mille ricchezze italiane. La cantina a vista è ben fornita, con tante referenze dal Piemonte, ma anche vini francesi. Vari i menu degustazione, tra cui quello "corto" per il pranzo. Articolato il programma di proposte per l'Expo.
Hotel Magna Pars Suites | Milano | via Forcella, 6 | tel. 02.8338371 | www.magnapars-suitesmilano.it/

Mandarin Oriental, Milan

Aprirà dopo parecchi rinvii nell’estate 2015 il Mandarin Oriental, Milan. Progettato dallo studio Antonio Citterio Patricia Viel and Partners si colloca all’interno di quattro edifici storici tra via Andegari e Via Monte di Pietà, per un totale di 104 camere. Tanto nell’interior design quanto nell’organizzazione degli spazi, gli architetti hanno voluto ricordare le atmosfere delle residenze dell'alta borghesia del capoluogo lombardo, nella palette dei colori come nel mix dei pezzi di arredo, citazione contemporanea dello stile milanese dagli anni 20 ad oggi. Il ristorante fine-dining e il bar bistrot si trovano al piano terra dell’Hotel, che fa parte di Mandarin Oriental Hotel Group, prestigioso gruppo che conta 43 tra hotel e residenze, operativi e in fase di sviluppo, in tutto il mondo. Si accede all'area food Via Monte di Pietà grazie a due ingressi separati dall’entrata principale. Doppio binario per la proposta gastronomica, coordinata dallo chef Antonio Guida (con un secondo d'eccezione: quel Matteo Lorenzini artefice nel 2014 dell'exploit, poi finito male, del ristorante Le Tre Lune a Calenzano), che, pur con due declinazioni diverse, trova un filo conduttore nel rispetto delle origini, l’attenzione alla qualità degli ingredienti, e l tecniche di influenza francese. Più sofisticato il fine dining, più semplice e legato alla tradizione il bistrot. Differenti anche le fasce di prezzo. Per i mesi dell'Expo è prevista l'offerta “A taste of Expo”, che include tra le altre cose i biglietti d’ingresso al sito dell’Esposizione Universale con Fast Pass e transfer privato dall’hotel.
Mandarin Hotel, Milan | Milano | via Andegari, 9 | tel. 02.87318888 | www.mandarinoriental.com

ME Milan

Raccoglie l'eredità dell'hotel Duca di Milano, e rinnova dall'interno uno degli edifici più noti di Aldo Rossi. Il ME Milan apre il primo maggio, praticamente insieme all'Expo. E lo fa con un restyling a opera di un team internazionale composto dallo studio milanese Arassociati, l'architetto spagnolo Alvaro Sans di Palma di Maiorca e dallo Studio Nicola Gallizia. Un concept che declina una ideale design promenade, una passeggiata tra le opere dei maggiori progettisti della città in un percorso che si sviluppa sui diversi piani dell'hotel che ospitano i loro pezzi più significativi. Design e ospitalità anche nelle 132 camere, di cui 32 chic suite e le due suite uniche: Personality Suite e la ME Suite. Se il design è visibile in ogni piano, il nuovo modo di concepire l'accoglienza: “l'Aura” lo è in ogni momento, con una proposta di servizi per gli ospiti a 360°. Tra questi il bar panoramico Radio via Marco Polo, e STK Milan che apre l'11 maggio, primo indirizzo italiano del gruppo di steakhouse ad alto grado di sensualità: colori, sapori, atmosfere e musiche per questo indirizzo in cui l'atmosfera lounge con tanto di dj cambia la percezione del ristorante. Come per ogni locale del gruppo il menu è firmato dallo chef Barry Vera, ma a Milano in cucina ci sarà Adriano Venturini. Ambienti raffinati e atmosfera soffusa, e una proposta food che abbina, alla classica bistecca di ispirazione Usa, una scelta di piatti di ispirazione più mediterranea. E intanto il gruppo Melià pianifica un nuovo grande investimento in città: sarà la società spagnola a gestire la Torre Galfa, storico grattacielo milanese da tempo in abbandono che Unipol sta iniziando a restaurare...
ME Milan | Milano | piazza della Republica, 13 | tel. 800.788333 | www.melia.com
STK Milano | piazza della Republica, 13 | dall'11 maggio tel. 02.84220110 | http://stkhouse.com

a cura di Antonella De Santis

Pubblicità
cross linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X