Aspettando il PizzaFestival. Parla Gennaro Battiloro di Princi di Milano

26 Mag 2014, 08:18 | a cura di Giuseppe Buonocore

Chi lo ha detto che la vera pizza napoletana si fa solo a Napoli? Oggi lasciamo la parola a Gennaro Battiloro della Pizzeria Princi di Milano. Lui è il testimonial di oggi del prodotto simbolo di Napoli, in vista del PizzaFestival che inaugura domani, martedì 27 maggio.

Pubblicità

Anche fuori dalla Campania si può trovare la vera pizza napoletana. L'importante è che sia fatta a regola d'arte. Per assicurare la fedeltà del prodotto c'è l'Associazione Verace Pizza Napoletana che da 30 anni garantisce che procedure e ingredienti siano rispondenti a quelle originali. L'associazione è presente nei 5 continenti, attraverso circa 400 locali associati. La tutela di questo prodotto passa anche attraverso la formazione di mastri pizzaioli, artigiani che lavorano secondo regole antiche, espressione di una sapienza che ha fatto grande la pizza napoletana nel mondo. A festeggiare i 30 anni di questa importante istituzione ci sono i locali di tutto il mondo che aderiscono al PizzaFestival e che per 4 giorni, dal 27 al 30 maggio, organizzano serate di degustazione, appuntamenti a quattro mani, corsi e menu speciali per far conoscere al meglio questo prodotto. Il capoluogo campano è il cuore di questa grande festa, ovviamente, e partner della manifestazione è la Città del gusto di Napoli, sede del corso Professione Pizzaiolo e set di Margherita e le sue Sorelle, il programma di Gambero Rosso Channel (in onda dal lunedì al venerdì ore 17.30 e 23.00) che vede lo chef Andrea Golino alle prese, in ogni puntata, con un diverso pizzaiolo che spiega il suo modo di fare la pizza. Anche noi vogliamo presentarvi alcuni protagonisti di questa arte, oggi è il turno di Gennaro Battiloro della Panetteria e Pizzeria Princi di Milano.

A che età ha iniziato a muovere i primi passi, o meglio ad avere le mani in pasta?
Beh l’età esatta del mio primo impasto, o meglio di quando mi sono letteralmente impastato da solo, non la ricordo ma ero piccolissimo. Fin dalla giovane età, infatti, sono stato sempre attratto dalla magia della lievitazione, dal profumo della farina e da tutto ciò che ruota attorno alla pizza in generale. Con il passare degli anni, poi, ho cercato di affinare sempre di più questa mia passione che fortunatamente oggi è diventata anche il mio lavoro.

Lenta lievitazione, ingredienti di prima qualità e giusta temperatura di cottura; princìpi semplici ma in grado di nascondere un coefficiente di difficoltà elevatissimo. Qual è il segreto per preparare una buona pizza napoletana?
L’elemento fondamentale per preparare una buona pizza napoletana è sicuramente la passione: è lei che ti spinge a sperimentare temperature e umidità sempre migliori, a ricercare ininterrottamente materie prime di primissima qualità e affini all’identità di ogni singolo pizzaiolo.

Pubblicità

L’Associazione Verace Pizza Napoletana compie trent’anni; cosa significa far parte di un’associazione che da ormai tre decenni promuove, tutela e diffonde la vera pizza napoletana in tutto il mondo?
Per me oltre che un piacere è soprattutto un onore far parte dell’Associazione Verace Pizza. Essendo uno degli associati più giovani mi sento un po’ come un figlio dei grandi maestri che da anni portano in alto il nome della vera pizza napoletana nel mondo. Anche perché non provenendo da una famiglia di pizzaioli, ho iniziato davvero da zero, con tanta passione, umiltà e sacrificio, arrivando nel 2010 a partecipare al corso di formazione AVPN per appassionati fino a ritrovarmi oggi a essere non solo delegato nazionale AVPN ma anche responsabile per la regione Toscana.

Sappiamo che in occasione di PizzaFestival sarà possibile degustare inedite pizze e rivisitazioni speciali. Quali saranno le sue proposte?
Ho tante idee che mi frullano per la testa. Io amo tantissimo il mondo della ristorazione, la ricerca sfrenata di alzare sempre di più l’asticella del possibile in cucina; di conseguenza mi piace immaginare la mia pizza come un gustoso e morbidissimo piatto in grado di ospitare combinazioni infinite di ingredienti e consistenze diverse. Una pizza proposta in occasione di PizzaFestival potrebbe essere una gustosa Mastunicola con sugna di maiale nero, provolone del Monaco e confettura di pera pennata di Agerola… chissà!

Princi Milano | Milano | piazza XXV Aprile, 5 | tel. .02.29060832 | www.princi.it
PizzaFestival: http://pizzafestival.pizzanapoletana.org

a cura di Giuseppe Buonocore

Pubblicità

Per leggere la prima intervista di Aspettando il PizzaFestival: Parla Giovanni Improta della Pizzeria Al 22 clicca qui
Per leggere la seconda intervista di Aspettando il PizzaFestival: Parla Lello Surace della Pizzeria Mattozzi clicca qui
Per leggere la terza intervista di Aspettando il PizzaFestival: Parla Guglielmo Vuolo di Eccellenze Campane clicca qui

cross linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X