Basta sottovuoto! La tecnica non si mangia!

29 Feb 2012, 10:53 | a cura di Gambero Rosso
[caption id="attachment_89556" align="alignnone" width=""]http://med.gamberorosso.it/media/2012/02/302915_web.jpeg[/caption]

Questioni di cottura: bassa temperatura, con le uova in testa, e sottovuoto imperversano nei menu di grandi e non. Che sia una moda, e qualche dubbio inizia a venire, oggi si cucina così, per ottenere cibi morbidi, carichi di sapore, che per dirla con uno dei più noti slogan del food advertising "si tagliano con un grissino".

Pubblicità

 

La questione da sciogliere spiega Fabio Barbaglini del ristorante La Cassolette dell'Hotel Mont Blanc, è semplice: è la tecnica al servizio dell'ingrediente o l'ingrediente al servizio della tecnica? "Il sottovuoto", spiega Fabio, "è stata una grande conquista, risolve molti problemi e consente di mantenere tutti i sapori di una preparazione che con altri sistemi andavano persi. Ma certamente non è una tecnica applicabile a un intero menu". Il punto è proprio questo: come ogni metodo si dovrebbe utilizzare solo se contribuisce a dare al piatto determinate caratteristiche, agli ingredienti consistenze e sapori ben precisi. Perché Barbaglini non ha timore di dire che la tecnica, alla moda e sempre la stessa, uniforma: "non devo mai dimenticare che quello che do da mangiare al mio cliente non è di certo una tecnica!". Con il rischio di perdere sapori e consistenze formidabili come la tostatura e la croccantezza di una buona carne cotta al forno.

Pubblicità

 

E Il suo stinco di vitello disossato e profumato al tartufo con topinambur e castagne sull'argomento la dice lunga. Arriva in tavola intenso e morbidissimo, basta un boccone ed esperti e critici non hanno dubbi: se non è sottovuoto è bassa temperatura. E invece no, è cotto semplicemente al forno. Si ripete l'assaggio: gli aromi di tostatura, tipici di una carne ben rosolata, il gusto leggermente affumicato, qui c'è lo zampino di un metodo antico.

 

La pensa allo stesso modo anche Emanuele Scarello del ristorante Agli Amici di Udine. "Non bisogna dimenticare che uno dei piatti più amati in assoluto è la carne alla brace. E quel gusto, affumicato e croccante, sarà insostituibile".

Pubblicità

Che si parta dagliingredienti, dagli abbinamenti,la tecnica non è altro che uno strumento. E la legge, si spera, è uguale per tutti, sottovuoto compreso.

 

Sara Bonamini

29/02/2012

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X