[caption id="attachment_89991" align="alignnone" width=""]http://med.gamberorosso.it/media/2012/04/304693_web.jpeg[/caption]

Sul mensile di aprile trovate la classifica delle migliori tavolette di cioccolato al 70% di cacao (range 68-75%). Una classifica assoluta, con la top ten che è il risultato di una degustazione com

Pubblicità

parativa trasversale, senza fare distinzioni tra cru, blend e provenienze del cacao.

 

Sul web, invece, vi proponiamo a puntate delle degustazioni orizzontali per singole tipologie di cioccolato, sempre al 70% di cacao circa, quella più consumata e preferita dalla maggior parte dei consumatori.

Pubblicità

 

Cominciamo con il Chuao, un’antica varietà di cacao criollo, la più famosa del mondo, prodotta in microscopiche quantità nella penisola venezuelana di Chuao, appunto. Non a caso chiamato l’oro dei Re: a chi se non loro poteva esser destinato un prodotto così raro e ricco di profumi, sapori e aromi sontuosi e pervasivi dove la forza del cacao, la grande dolcezza e la rotondità vengono bilanciate da una bella spinta acida e accompagnate da note aromatiche di prugna, frutti rossi, frutta esotica e secca e da sensazioni mielose?

 

Due le aziende italiane che producono tavolette di cioccolato con il pregiato cacao Chuao, Amedei e Domori, in un sorta di derby che si conclude in pareggio, diciamo 3-3. Del resto si tratta di due campioni, che partono non dalla massa di cacao ma dalla fava e si approvvigionano della materia prima direttamente nel luogo di produzione.

Pubblicità

 

Il primo, Amedei, unisce alla pasta di cacao e allo zucchero di canna il burro di cacao e la vaniglia (naturale, ovviamente). Così le note di degustazione del suo Chuao. Al naso bouquet medio-intenso con note primarie cioccolatose accompagnate da sentori dolci burrosi e vanigliati evoluti, ben sposati insieme, molto suadenti e avvolgenti. In bocca si avverte al primo impatto un’acidità di frutti rossi seguita da una dolcezza rotonda e piena di frutta essiccata morbida (fichi secchi), esuberante ma non esagerata, e sempre con l’acidità presente che fa salivare e pulisce il palato; una leggerissima e piacevole sapidità esalta il sapore e un corredo aromatico ampio in cui spiccano le note di frutti rossi, sensazioni tostate rotonde e ricordi mielosi. Buona persistenza, bella evoluzione in bocca, grande freschezza e pulizia e una scioglievolezza magnifica.

 

 

In tutt’altra direzione procede il Chuao Domori (da qualche anno nel gruppo Illy). Intanto gli ingredienti sono solo due: la pasta di cacao e lo zucchero di canna per un cioccolato senza compromessi, come tutti gli altri prodotti Domori. Già al naso capisci che qui si fa l’esperienza estrema per l’impatto aromatico forte, quasi esagerato, con in bell’evidenza le note legnose e tostate, e ricordi di erba e di torba: provoca quasi una contrazione facciale. Al palato offre una straordinaria evoluzione continua, “discese ardite e risalite” come nella famosa canzone di Lucio Battisti. Si parte con una grandissima acidità di frutti di bosco poi tutto si placa e si aggiusta lasciando la bocca pulita e serenamente appagata. Una leopardiana quiete dopo la tempesta. E poi una persistenza e una pulizia incredibili, una solubilità assoluta, una sincerità della materia prima di partenza espressa fino all’anima, quasi con crudezza. 

 

Conclusione? Tanto il Chuao Amedei è diplomatico e ruffiano nel senso migliore del termine, con la vaniglia e il burro di cacao che accompagnano e ampliano lo spettro aromatico, quanto Domori da talebano e purista quale è basta a se stesso senza bisogno di ingredienti che interferiscano con il cacao, in evidenza in tutta la sua verità. Tanto l’uno è semplice (ma non banale) e immediato, quanto l’altro è complesso e sofisticato. L’Amedei è un prodotto per tutti, esigenti e neofiti, o semplicemente per chi vuole godersi il cioccolato senza troppo impegno e sovrastrutture. Il Domori è roba per gli intellettuali del gusto e per coloro che del cioccolato hanno una passione bruciante e preferiscono gustarlo in tutta la sua verità. Uno straordinario 3-3.

 

Amedei | Pontedera (PI) | fraz. La Rotta via San Gervasio, 29 | tel. 0587 484 849 | www.amedei.com

 

Domori | None (TO) | via Pinerolo 72/74 | tel. 0119 863 465 |www.domori.com

 

Mara Nocilla
16/04/2012