Con proposte che vanno dal brunch al cocktail dopo cena, senza dimenticare i format più innovativi, Torino continua nel suo fermento culinario. E anche la gelateria ricopre un ruolo fondamentale in questa crescita gastronomica, al punto che possiamo contare ben 11 insegne d'eccezione.

Pubblicità

Il gelato a Torino

Sono superati gli anni in cui la Fiat scandiva i tempi e i ritmi della città sabauda. Torino, e più in generale il Piemonte, rappresentano un immenso giacimento di prodotti, cultura agroalimentare, artigianalità e imprenditorialità. Dalle caffetterie alle pasticcerie, dai cocktail bar ai ristoranti, dalle trattorie tradizionali ai bistrot contemporanei, il capoluogo piemontese è una fonte inestimabile di indirizzi golosi e allettanti per tutti gli appassionati della buona tavola. Per gli amanti del dolce, la proposta si fa interessante anche sul fronte della gelateria: in città, si contano infatti 11 locali che hanno fatto della qualità e la ricerca delle materie prime migliori il loro marchio di fabbrica. La guida Gelaterie d’Italia del Gambero Rosso ha individuato 8 insegne ottime, segnalate con i Due Coni, e 3 eccellenti, premiate con il massimo riconoscimento, i Tre Coni. Ecco quali sono gli indirizzi da appuntare in agenda.

Alberto Marchetti – Tre Coni

Latte fresco delle valli piemontesi, più un tocco di condensato per ottenere il gusto cremoso-caramellato che caratterizza lo stile torinese. Alberto Marchetti, figlio d’arte, è amante dei gusti semplici e genuini, dei sapori autentici di una volta, ma è anche uno sperimentatore: l’artigiano, infatti, si diletta a giocare con la cucina, collaborando con Igor Macchia de La Credenza di San Maurizio Canavese. Cura meticolosa nella lavorazione ma soprattutto un’attenta selezione di piccoli produttori locali contraddistinguono il lavoro di Alberto: il cioccolato è quello di Guido Gobino, le nocciole sono le trilobate di Lana, la frutta è sempre fresca e di stagione, lo zucchero è di barbabietola, ma in sostituzione il gelatiere utilizza anche il destrosio d’uva. Gianduja, crema all’uovo, nocciola, pistacchio, sorbetto al Chontalpa, tiramisù con i savoiardi del forno di Giovanni Moro, nel Nuorese: questi e molti altri i gusti da non perdere, disponibili in diversi punti vendita distribuiti fra Torino, Milano e Alassio.

Pubblicità

Mara dei Boschi – Tre Coni

È stato Marco Serra a guidare il locale – che conta oggi una seconda sede ad Alba – fino allo scorso anno, e a formare l’attuale gelatiere, Davide Ferrero. Classe ’90, Davide ha cominciato a destreggiarsi in gelateria a soli 18 anni, facendosi le ossa anche all’estero, dapprima a Londra e poi a Lisbona, per poi approdare definitivamente a Torino, dove realizza gelati cremosi e leggeri a base delle tante specialità del territorio. Come si intuisce dal nome, protagonista è la fragolina “mara des bois”, che racchiude l’intera filosofia della bottega, incentrata sulla naturalità degli ingredienti. Settantacinque gusti diversi, di cui venti sempre disponibili e altri che cambiano a rotazione, assecondando il ritmo delle stagioni. Alta attenzione sulle materie prime: frutta fresca, yogurt al sesamo, crema al caffè del vicino bar Orso Laboratorio Caffè per i gusti più classici. Presente però anche il gelato gastronomico, dal sesamo al peperone fino ad arrivare alle olive taggiasche, oltre a una linea tutta dedicata alle erbe.

Ottimo! Buono non basta – Tre Coni

La qualità e la ricercatezza del prodotto si intuisce già dal nome: Ottimo! Buono non basta è una gelateria che punta sempre al massimo, con uno studio attento e costante delle materie prime, unito alla creatività dei gelatieri, Giulio Rocci ed Emanuele Monero. Il primo proviene dal mondo della cucina, in particolare da una lunga e solida collaborazione con Davide Scabin, mentre il secondo fa parte della storica famiglia torinese che ha ideato le Pastiglie Leone. Alla base di tutto, c’è il latte integrale della Cascina Cerea di Pralormo, pastorizzato un’unica volta in gelateria e che varia secondo il periodo e l’alimentazione degli animali. Un prodotto particolare che consente ai gelatieri di ottenere gusti d’eccezione, ma che, al contempo, li obbliga a bilanciare di volta in volta le ricette per tenere sotto controllo la quantità di zuccheri e grassi. Fra i gusti imperdibili, la crema Saint Tropez, la ricotta di pecora con miele e zafferano, la Passeggiata nel bosco – croste di pane, fiordilatte aromatizzato al pino, salsa ai frutti di bosco – e i sorbetti all’arancia e al basilico. Non mancano, poi, i grandi classici come il fiordilatte, il fondente (con fave di cacao macinate a pietra) e lo zabaione.

Pubblicità

Conogelato – Due Coni

Daniele Diverio è un architetto che si occupa di moda, ma ha da sempre il pallino del gelato. L’amore per il territorio lo porta a ricercare i migliori ingredienti locali, laddove possibile a Km0, e mescolarli fra loro con tecnica e precisione. Il latte è quello di bufala del celebre caseificio Moris di Caraglio, elemento che rende i gusti cremosi e dolci. Fra i più popolari, fior di bufala, pistacchio, gianduia, mascarpone, zabaione, cioccolato al latte – con un cru di cioccolato studiato su misura dal gelatiere – cioccolato fondente a base di acqua, crema sabauda con biscotti sbriciolati e sale. Ma ci sono anche i sorbetti di frutta – sempre di stagione – e il gelato espresso, che viene mantecato al momento.

Cascina Roseleto – Gelateria Contadina – Due Coni

La gelateria torinese è aperta tutti i giorni per via della sua duplice anima, che comprende anche la parte della latteria con vendita di yogurt, burro, formaggi e latte fresco, ma la sede dove tutto è cominciato si trova a Villastellone, dove Claudia Masera e la sua famiglia conducono due attività: l’azienda agricola Cascina Roseleto e l’omonima gelateria contadina (con laboratorio di trasformazione). Nel 2013, l’azienda ha sposato il progetto del Latte Nobile Alta Qualità, convertendo la coltivazione da mais a erba, e nel 2017 si è dedicata alla produzione di Lait Real (latte da animali alimentati ad erba e fieno), aderendo al più severo protocollo stabilito dal DiSAFA (Dipartimento Scienze Agrarie, Forestali e Ambientali) dell’Università di Torino, che prevede l’obbligo di pascolo. I prodotti sono tutti locali, a cominciare dalla frutta che proviene da contadini della zona, fatta eccezione per gli agrumi e i pistacchi che arrivano dal Sud Italia. Fra le specialità della casa, Bacio del Roseleto, Ciaparat, Muuh Film Festival, Bagigio. Non mancano i sorbetti, di vari gusti (sempre di stagione), dalla pesca di Canale d’Alba all’uva fragola.

Gelateria La Tosca – Due Coni

Qui la gelateria è di casa: RiccardoSerraè figlio d’arte e condivide la passione con il fratello Marco, fondatore di Mara dei Boschi. Gelateria La Tosca basa la sua filosofia su una ricerca attentissima delle materie prime migliori, dalla pasta di nocciole piemontesi IGP al pistacchio di Bronte DOP, dal Moscato di Terrenostre di Cossano Belbo al latte di mucche piemontesi allevate allo stato brado. Gusto di culto è, naturalmente, la Tosca, una crema di nocciola variegata con diversi cioccolati di intensità diverse. Ma ci sono anche la crema al limone con paste di meliga del Monregalese, la crema di arachidi caramellate e i sorbetti, ovviamente senza latte, adatti anche a chi soffre di intolleranze. Anche i coni artigianali rispondono alle esigenze di tutti, perché privi di latte, farine e glutine.

Gelaterie Popolare – Due Coni

Nel cuore del quartiere di Porta Palazzo, Maurizio De Vecchi coniuga alla perfezione il sapore autentico della tradizione con il gusto più contemporaneo. Ci sono la nocciola, il cioccolato fondente, lo zabaione, lo yogurt ma anche il gelato alle caldarroste e i sorbetti alla frutta aromatizzati con spezie: mela e cannella, arancio e cardamomo, pera e chiodi di garofano, pesca con amaretti e grué di cacao. La frutta fresca arriva dal vicino mercato, a eccezione dei frutti di bosco che provengono da piccoli produttori del Canavese. Niente additivi o basi semi-preparate: il gelato è 100% naturale e prevede, come unico addensante, la farina di carrube. Dopo il successo del locale di Torino, Maurizio ha aperto anche una seconda sede, questa volta nella località marittima di Loano, in provincia di Savona.

Gelato Dok – Due Coni

Gianduiotto Dell’Agnese, zabaione, marron glacé, meringata, nocciola Igp, pistacchio, cioccolato Varhona, cioccolato e pesche: sono questi i gusti più apprezzati di Gelato Dok, locale nato dalla creatività del pasticcere Giovanni Dell’Agnese. Il punto vendita si trova proprio a fianco al laboratorio di pasticceria, con un collegamento interno, e per alcune proposte attinge direttamente dalla porta accanto. Tanti gusti a base di creme, in linea con la formazione da pasticcere di Giovanni, ma una buona selezione anche di gusti alla frutta, dall’uva fragola al caco, dal mandarino all’accoppiata limone e zenzero. Nella stagione invernale, poi, l’artigiano offre anche cioccolata calda fumante con palline di gelato alla crema, una bevanda unica nel suo genere che gioca sull’assonanza dei gusti e il contrasto delle consistenze e temperature.

L’Essenza del Gelato – Due Coni

Un gelato leggero, equilibrato, ma che non rinuncia alla cremosità tipica della tradizione torinese. Come addensante viene utilizzata la farina di semi di carrube e l’inulina, una fibra vegetale ricavata dalla cicoria, che va a sostituire una parte di zuccheri. A elaborare le creazioni della gelateria, Pierbruno Malara, che si destreggia fra gusti classici e creativi, come la cheesecake ai frutti di bosco, Principe Amedeo, a base di cioccolato fondente con nocciole e sale, Sacher, Capretta del bosco – ricotta di capra con miele di castagno e pinoli tostati – crema di zenzero al pompelmo rosa, zafferano e pesche bianche. Fra i gusti di punta, Oh my darling clementine, una crema ai chiodi di garofano con clementine candite.

Miretti – Due Coni

Siciliano di nascita ma torinese di adozione ormai da molti anni, Leonardo La Porta gestisce dall’87 questa caffetteria/gelateria di stampo classico. Il gusto principale qui, infatti, è il tradizionale fiordipanna, cremoso e leggero. E ancora la crema con latte fresco, tuorlo d’uovo e panna, il gianduia, il caffè, il torroncino, la nocciola e il marron glacé, che riprendono i sapori tipici della tradizione piemontese. Ma ci sono anche lo zabaione con amaretti, la meringata e poi i gusti più innovativi, come il cioccolato nero senza latte, la crema con scorzette di arancia e granella caramellata, la Dama Bianca, un fiordipanna al cioccolato bianco, il nocciolino di Chivasso, e un gusto che cambia a rotazione come il riso ciok, con riso soffiato al gianduia e flakes, oppure il variegato ai gelsi. Celebre anche il gusto in onore di Papa Francesco, il Pane della Carità, con crema di pane, pepe e zafferano, divenuto da anni simbolo della festa patronale di San Giovanni.

Vanilla – Due Coni

A pochi passi da piazza Castello, Vanilla offre un gelato artigianale di qualità con materie prime attentamente selezionate. Zero grassi, coloranti, aromi e additivi chimici: le basi vengono prodotte direttamente nel laboratorio annesso alla gelateria. Fra i gusti più popolari, la zuppa inglese, la tarte tatin, la Sacher, la pastiera napoletana, il bunet e il cioccolato noir Black Dream. Non mancano, poi, le specialità di stagione e i gusti più particolari che variano di mese in mese a seconda della creatività del gelatiere e della disponibilità degli ingredienti, come il caramello al sale grigio di Bretagna, lo zabaione con nocciolini di Chivasso, lo yogurt greco con miele e noci e il cuneese al rum. Golosi e originali anche i sorbetti, da quello a base di pere all’amaretto a quelle con mele cotte alla cannella, dal melone al Grand Marnier alle fragole al Porto, senza dimenticare le caldarroste.

Alberto Marchetti | Torino | piazza CLN, 248 | tel. 011 544383 | www.albertomarchetti.it

Conogelato | Torino | Via Cesare Battisti, 3 – Via Giuseppe Mazzini, 22 | tel. 011 5621491 | www.facebook.com/ConogelatoTorino/

Cascina Roseleto – Gelateria Contadina | Torino | via Madama Cristina, 121 | tel. 342 9704100

Gelateria La Tosca | Torino | via Luigi Cibrario, 50 | tel. 011 4379807 | www.gelaterialatosca.it/

Gelateria Popolare | Torino | via Borgo Dora, 3 | tel. 348 6708713 | www.gelateriapopolare.com

Gelato Dok | Torino | corso Unione Sovietica, 417 | tel. 011 616157 | www.dellagnesegiovanni.it

L’Essenza del Gelato | Torino | via Principe Amedeo, 21 f | tel. 011 0767531 | www.essenzadelgelato.it

Mara dei Boschi | Torino | via Berthollet, 30 h | tel. 011 0769557 | www.maradeiboschi.it

Miretti | Torino | corso Giacomo Matteotti, 5 | tel. 011 533687 | www.gelateriamiretti.it/

Ottimo! Buono non basta | Torino | corso Stati Uniti, 6 c | tel. 011 19504221 | www.buonononbasta.com

Vanilla | Torino | via Palazzo di Città, 7B | tel. 011 4362745 | www.vanillacreams.it/

a cura di Michela Becchi

>Dove mangiare il gelato a Bologna. Le migliori 6 insegne della città