Extravergine. La fabbrica del gusto

30 Ago 2012, 17:02 | a cura di Gambero Rosso
[caption id="attachment_91230" align="alignnone" width=""]http://med.gamberorosso.it/media/2012/08/325739_web.jpeg[/caption]

Amaro, piccante, floreale, carciofo, cardo... Cosa c'è dietro ai profumi e ai sapori dell'olio extravergine di oliva? Ci sono le olive, certo, le differenti cultivar, i diversi gradi di maturazione, le diverse tecniche di produzione. Ma c'è anche e soprattutto la testa e la capacità dell'uomo di dosare, calibrare, avere in

Pubblicità

mente a chi si rivolge il suo prodotto e di conseguenza calibrare tecniche e tecnologie. Alla fine è un po' come per il vino.

E bisognerebbe che tutti i produttori seri e bravi, onesti soprattutto, capissero davvero che dietro un grande olio ci sono gandi conoscenza e capacità. Che la strada del vino è quella da seguire: ogni campagna olearia è diversa dall'altra, in campo e in frantoio, come per il vino. Ogni prodotto può essere diverso dall'altro, anche dalle stesse olive... Ce lo spiega un po' Giuseppe Palumbo, della Valle dell'Usignolo di Sermoneta (Latina), che coltiva Itrana e si è aggiudicato le Tre Foglie nella nostra guida Oli d'Italia 2012. 

Pubblicità

Pubblicità

Stefano Polacchi

30 agosto 2012

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X