È possibile far convivere ricerca, innovazione e salute alimentare? È il tema del Salone Internazionale della Ricerca, Innovazione e Sicurezza Alimentare che coinvolge ben 97 relatori tra Milano, Roma e Napoli. Tre giorni di dibattito sull'argomento per approfondire le tematiche legate al cibo, alla sua produzione, alla trasformazione e alla conservazione. In occasione del World Food Day.
Pubblicità

Tre giornate di studio, tre città, 15 convegni e oltre 97 relatori. Questi i numeri del Salone Internazionale della Ricerca, Innovazione e Sicurezza Alimentare, appuntamento organizzato nell’ambito degli eventi dell’Expo 2015, il cui tema – lo sappiamo – è Nutrire il Pianeta. Il salone, che ha la natura polimorfa di un eventoinformativo-divulgativo-educativo, si snoda in incontri scientifici, eventi istituzionali, appuntamenti culturali e laboratori educativi tra Milano, Roma e Napoli dal 15 al 17 ottobre. E affronta il tema dell’innovazione e della sicurezza alimentare attraverso diversi argomenti quali le normative, l’evoluzione del mercato, la tutela dei consumatori, delle piccole realtà produttive artigianali e del made in Italy.

La manifestazione – che ha l’Adesione del Presidente della Repubblica e il Patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, di Expo2015, FAO, World Food Programme, della Commissione Europea e di EFSA – porta intorno allo stesso tavolo istituzioni, mondo della ricerca, aziende e operatori del settore agroalimentare, per aprire una discussione a più voci su un argomento tanto urgente quanto quello del cibo. E lo fa in occasione del 16 ottobre, Giornata Mondiale dell’Alimentazione della FAO, che quest’anno ha per tema i “Sistemi alimentari sostenibili per la sicurezza alimentare e la nutrizione”.

Cibo sicuro e sicurezza alimentari sono dunque le sponde di questa riflessione, che in questi giorni è amplificata dalle aspre critiche suscitate dall’assegnazione del World Food Prize alla Monsanto, discussa multinazionale del food, oggi per tutti strettamente connessa alle biotecnologie e agli OGM, ma in passato coinvolta anche in altre attività molto controverse, duramente criticate dalle organizzazioni ambientaliste e non solo da quelle, e non di rado vietate dopo attenti studi di settore. La Monsanto si aggiudica il Nobel del cibo mentre in Italia si riflette su ricerca innovazione e salute alimentare, e tutto in occasione del World Food Day. È un fatto che per quanto contraddittorio deve far riflettere sulla complessità di un tema urgente come quello dell’alimentazione. Il punto nodale sembra essere: cibo per tutti, ma anche cibo sano per tutti.
Le esigenze della produzione alimentare sono in prima linea nella lotta contro la fame ma – sono dati dell’Ime (Institution of Mechanical Engineers) – quasi metà del cibo prodotto viene sprecato. Un altro argomento di riflessione che rischia di essere OT, se non fosse che tutti questi elementi convergono in un unico obiettivo: combattere l’emergenza fame che, è notizia di questi giorni, è tornata a interessare anche l’Europa dove 43 milioni di cittadini non hanno cibo a sufficienza, nei paesi dell’est e del sud del continente, ma non solo: la Croce Rossa lancia infatti un piano di aiuti per la Gran Bretagna per la prima volta dopo la seconda guerra mondiale.
La questione in ballo è: come utilizzare l’innovazione e la ricerca applicata alla produzione, alla trasformazione e conservazione del cibo senza mettere a rischio la salute delle persone e quella dell’ambiente, e – aggiungiamo – come far sì che queste attività non siano un’ostacolo a un tipo di economia equa e solidale? Si tratta, volendo sintetizzare, di food safety e food security, ovvero salubrità e sicurezza alimentare del cibo e sua equa distribuzione. Potremmo chiamarla sostenibilità alimentare.
Il Salone approfondisce diverse tematiche con un approccio multiculturale che non dimentica l’esigenza di formare nuove generazioni più consapevoli riguardo al connubio cibo-salute-sostenibilità, per questo a Milano, una delle tre sedi del convegno, sono stati organizzati lavoratori didattici per bambini delle scuole primarie e secondarie.

Pubblicità

Salone Internazionale della Ricerca, Innovazione e Sicurezza Alimentare | dal 15 al 17 ottobre 2013 | Milano, Roma, Napoli | www.salonecibosicuro.it

a cura di Antonella De Santis