Gambero Rosso, diffidate dalle imitazioni

12 Gen 2012, 12:46 | a cura di Gambero Rosso
[caption id="attachment_89030" align="alignnone" width=""]http://med.gamberorosso.it/media/2012/01/300515_web.jpeg[/caption]

Lo pensavamo, ma pensavamo pure di tirarcela un po’ troppo… Eppure, sembra proprio così: siamo il marchio più imitato al mondo! In parte ci inorgoglisce… però dobbiamo anche mettere in guardia i nostri fan dal… diffidare dalle imitazioni! La vicenda della causa con il Gambero Rozz

Pubblicità

o si è chiusa da tempo (e con il divieto per gli editori di continuare a parafrasare il nostro marchio a fini bassamente commerciali). Ma se ne apre subito un’altra, questa volta su Facebook.

Ci scrive un povero cittadino polacco, infatti, per raccontarci la spiacevole odissea vissuta a Danzica, quando pensava di portare la famigliola a mangiare nientepopodimenoche al Gambero Rosso: sì, quelli che recensiscono i ristoranti italiani e si occupano del buon cibo e del buon vino italiano. Peccato, però, che non eravamo noi! Né imitatori quantomeno appassionati: infatti il povero Michal si è ritrovato dopo pranzo con indicibili contorcimenti di pancia e con la povera moglie in ospedale, intossicata.

Faremo giustizia anche di questi usurpatori… Ma intanto ve lo diciamo: diffidate dalle imitazioni! Noi siamo una casa editrice, organizziamo eventi e corsi di cucina, degustazioni, facciamo libri e riviste… Ma non abbiamo ristoranti. Beh, finché ci chiedevano se il Gambero Rosso di San Vincenzo (e del grande Fulvio Pierangelini) era nostro, dicevamo di no ma tutto sommato ci inorgoglivamo. Così però no! Perché, come ci scrive lo sventurato gourmet polacco, si rischia l’ospedale!!!! 

Pubblicità
cross linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X