Azienda agricola romagnola alle spalle dell'Adriatico, poco distante dalle spiagge di Cattolica e Gabicce. Carni fresche, cereali e relative farine, olio extravergine d'oliva e salumi eccellenti di mora romagnola e di suino bianco ma allevato semibrado. Anche in un'esclusiva linea custodita nella cera d'api.

Pubblicità

Sulle prime colline dell’entroterra romagnolo,a pochi chilometri dalle spiagge di Cattolica e Gabicce, si trova questa bella realtà rurale quasi autarchica e di filiera chiusissima, condotta in modo tradizionale. I fratelli Matteo e Giovanni Zavoli, insieme alle loro consorti Cristina e Michela, coltivano, allevano, producono. Cosa? Carni fresche, cereali, olio extravergine d’oliva Dop Colline di Romagna e salumi ricchi di sapore. E vendonoil frutto del proprio lavoro sia in azienda che in negozi e ristoranti di nicchia. L’allevamento comprende bovini di razza romagnola, suini di mora romagnola (del Presidio Slow Food dedicato) e polli romagnoli, tutte e tre razze autoctone, oltre a suini rosa large white ma tirati su come quelli rustici allo stato semibrado, e per questo ribattezzati dagli Zavoli “rustichelli romagnoli”. Coltivano cereali e foraggi per l’alimentazione del bestiame, ma anche farro e l’antica varietà di grano “gentil rosso”, che macinati a pietra in un mulino ad acqua diventano pasta fatta in casa e pane dal sapore antico e contadino.

 

La forza della materia prima

Le carni fresche sono eccellenti. Dipende sicuramente dalle razze utilizzate, dalla macellazione vicino all’allevamento, nel mattatoio Montefeltro, dalla frollatura al punto giusto, ma soprattutto dal tipo di allevamento, dal benessere degli animali e dall’alimentazione, “pascolo integrato da cereali coltivati e macinati in azienda, soia e mais no ogm esali minerali per un menu equilibrato”precisa Cristina, la moglie di Matteo “probiotici per i piccoli nei primi 5 mesi di vita e cure omeopatiche dove si può”. I suini, sia di mora romagnola sia biondi large white, vengono allevati semibradi, da aprile e settembre a pascolo e bosco, poi nelle casette, e con accoppiamento libero.

Pubblicità

La macellazione avviene quando hanno raggiunto i 150-160 chili per la mora, 180-200 per il rustichello. Le loro eccellenti carni vengono trasformate dagli Zavoli in salumi rigorosamente artigianali e senza conservanti, stagionati in modo naturale e senza fretta fino al raggiungimento della maturazione ideale. La gamma è vastissima: prosciutti con stagionature variabili, con e senza osso, anche aromatizzati al pepe rosa, poi guanciali tradizionali o al pepe, una decina di tipologie di lardo e tutto ciò che si può ricavare dal maiale. In particolare dalla mora romagnola ottengono il prosciutto stagionato da 18 a 36 mesi, il salame nel budello gentile, il lardo alle erbe aromatiche, il capocollo, il lonzino, il lombetto e la spalla. Con il rustichello romagnolo producono la coppa affinata nel fieno di maggio, la sella di prosciutto stagionato sotto la cenere di quercia, il salame impastato con la birra artigianale, il tarese (pancetta) al pepe, il lombetto affinato nelle vinacce e nelle foglie di tabacco, la spalla stagionata nel grano.

 

Salumi conservati nella cera d’api

C’è anche una linea di prodotti custoditinella cera d’api,una tecnica innovativa ma naturale e di concezione antica capace dimantenere i salumi dopo il periodo di stagionatura. La cera d’api isola il prodotto dall’aria, garantendo allo stesso tempo impermeabilità e traspirabilità e fungendo da contenitore sottovuoto, allungandone così la vita di quasi un anno. Questa particolare tecnica di conservazione ha fatto vincere all’azienda agricola Zavoli il premio Slow Pack 2012, promosso da Slow Food Italia, nell’ambito del Salone Internazionale del Gusto e Terra Madre, nella categoria Tecniche e materiali innovativi.

 

Pubblicità

La degustazione

Il prodotto di punta Zavoli è sicuramente il prosciutto crudo di mora romagnola, stagionato dai 18 ai 36 mesi, che ha conquistato le 3 Fette nella guida Grandi Salumi del Gambero Rosso. Invita all’assaggio già alla vista con il suo colore rosa intenso e il grasso marmoreo. Al palato sviluppa eleganti nuance di frutta secca che ben si legano con il carattere dolce e lievemente burroso del grasso. In bocca questa dolcezza bilancia bene l’intensa sapidità creando un gran bell’equilibrio, favorito dalla succosità e dalla scioglievolezza. Altro ottimo salume il lonzino di mora, abbastanza magro, con poca marezzatura e un grasso pulito e gradevole. Al naso spiccano le note di spezie dolci e una lieve frutta secca nel finale. Al palato è scioglievole, delicato dal punto di vista aromatico e invita alla seconda fetta. Più austero il salame di mora, che esprime intriganti note animali e di frutta secca; in bocca è sapido e persistente, di buona struttura e di consistenza solubile.

 

Zavoli| Saludecio (RN)| via Pulzona, 3678| tel. 0541.858041| www.aziendaagricolazavoli.com| [email protected]moraromagnola.eu

 

 

la prossima settimana:

Salumificio Santoro – Cisternino (BR)

 

a cura di Mara Nocilla

 

 

ACQUISTA LA NOSTRA GUIDA “GRANDI SALUMI” CLICCANDO QUI

 

Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Lovison: musetto e non solo. Un protagonista della salumeria friulana clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Giovanni Bazza: l’estremista degli insaccati naturali, crudi e cotti clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Coradazzi: il prosciutto San Daniele home-made clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Fattorie del Tratturo: Luigi Di Lello, l’ambasciatore della ventricina clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Vecchio Varzi: sinonimo di salame nobile clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Rosa dell’Angelo: il suino nero e i salumi gourmet in vaschetta clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. La Paisanella: filiera chiusa in nome del suino dei Nobrodi clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Villa Caviciana: dalla Germania al Viterbese sulle tracce del suino nero clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Savigni: norcineria di frontiera tra Toscana ed Emilia Romagna clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Devodier: l’aristocrazia del prosciutto di Parma clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Meggiolaro:salumicotti al naturale clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Masè: da oltre 140 anni i cotti della tradizione triestina clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Belli: lo speck da 6 generazioni clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Antica Corte Pallavicina: nel regno dei fratelli Spigaroli e del culatello di Zibello clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Squizzato: dal 1952 la tradizione veneta della maialata clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. La Granda: dalle carni di razza piemontese ai salumi tipici cuneesi clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Larderia Fausto Guadagni:l’oro bianco di Colonnata clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. F.lli Borrello: elogio del suino nero dei Nebrodi clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. S. Ilario: alla ricerca del Parma perfetto cliccaqui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Thogan Porri: l’artigiano del Varzi, l’aristocrazia del salame nell’Oltrepò Pavese clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Dok Dall’AVa: la verticale dei prosciutti cru clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Adriano Ferrari, l’ambasciatore della ‘nduja e del suino nero di Calabria clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. I Salumi di Martina Franca: capocollo come tradizione comanda clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Ruliano: un prosciutto di Parma fuoriclasse clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Cerati: la forza della filiera chiusa clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Rinascimento a Tavola: insaccati e biscotti delle corti cinquecentesche clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Simone Ferraro: una bresaola unica clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Boscacci: la bresaola di Bormio clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Urbevetus: salumi di porco cinturello nella campagna orvietana clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Gamba: salumi biologici nella Val Brembana clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Cellito: salumi di filiera nel Parco del Cilento clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Il Camarin: realtà artigiana del prosciutto San Daniele clicca qui
Per leggere Grandi salumi d’Italia. Casa della Carne: bresaola e salumi di selvaggina in Valtellina clicca qui
Per leggere Grandi salumi d’Italia. Massanera: salumi di cinta senese sulle colline fiorentine clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Dal Massimo Goloso: i salumi della montagna trentina e specialità esclusive clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Bertolin: la Maison del lardo di Arnad clicca qui