Dopo le grandi abbuffate di fine anno è il momento di adottare un regime alimentare più sano, ma adatto al clima rigido. Quale? Basta affidarsi a quanto offre la natura a Gennaio.

Pubblicità

Eccoci al nuovo anno: l’Italia è nella morsa del freddo e le temperature stanno attorno allo zero. Proprio in questi giorni, però, l’esigenza di depurarsi dagli stravizi delle feste di fine anno impone un regime dietetico più sano. È indispensabile dare più attenzione ai dettami della natura, che porta sulle nostre tavole quanto necessario per rispondere alle esigenze di questo periodo dell’anno. Come sempre l’invito è scegliere un’ottima materia prima: fresca buona ma soprattutto di stagione, per avere il massimo risultato nei nostri piatti e anche un tesoro dal punto di vista nutrizionale, fondamentale per resistere al clima rigido di questa stagione.

LA VERDURA…
Tra le verdure ci sono bietole, tutta la famiglia delle crucifere – broccoletti, verza cavolfiori, cavolini di Bruxelles, cavolo rosso – poi cardi, carote, carciofi (è tempo di mammole, i cosiddetti carciofi romaneschi), cicoria, cipolle, finocchi, indivia riccia, lattuga romana, patate, porri, scarole, radicchio, rape e barbabietole.

…E LA FRUTTA
Oltre ai dolciumi che la Befana porta nelle nostre case, il mese di gennaio apre le porte anche a tantissima frutta di stagione: mele, pere e kiwi sono accompagnati da profumatissimi agrumi, veri protagonisti dei giorni più rigidi e un toccasana per fare il pieno di vitamina C: limoni, cedri, mandarini, arance e pompelmi. Fatene anche scorta per preparare liquori o marmellate.

Pubblicità

SENZA DIMENTICARE IL PESCE
Prima di concludere vogliamo ricordare, come sempre, di rispettare anche la stagionalità, sempre troppo trascurata, delle specie ittiche. Nel mese di gennaio i nostri mari abbondano di sarde, sogliole, triglie, merluzzi e rane pescatrici: orientarci verso queste specie marine ci permetterà di gustare al meglio le loro caratteristiche, rispettandone allo stesso tempo la riproduzione. Salute, risparmio e sostenibilità.