Il Granchio ritrova il mare

13 Mar 2012, 10:22 | a cura di Gambero Rosso
[caption id="attachment_89671" align="alignnone" width=""]http://med.gamberorosso.it/media/2012/03/303247_web.jpeg[/caption]

(Quasi) pronti, partenza, via. Manca poco, anzi pochissimo, per la serata di inaugurazione della nuova sede del Granchio di Terracina. Mercoledì 14 marzo, infatti, Daniela Onorato e Luca Ciamberlano daranno il là ufficiale alla seconda vita della loro creatura, forte di ben diciotto anni di onorata esistenza nella piccola quanto gr

Pubblicità

aziosa location in via del Rio.

 

Pubblicità

 

Da mercoledì in poi, dopo una decisione “cotta e mangiata”, un trasloco (nella foto la nuova terrazza) gestito in sordina e durato appena un paio di mesi (durante i quali, occorre precisare, il ristorante ha continuato normalmente a essere aperto), per assaggiare il pesce “vivo” che Luca si accaparra all'asta e che Daniela tratta con sensibilità, talento e originalità straordinari, bisognerà arrampicarsi fino a Terracina alta, in via San Francesco.

Tanto spazio in più (ben 200 metri quadrati complessivi) per accogliere comodamente gli ospiti, e un'iniezione di entusiasmo - non che i due ne avessero bisogno - per inventarsi qualcosa di nuovo, nella sostanza oltre che nella forma. Ovvero un'offerta doppia: accanto al Granchio così com'è sempre stato (un gioiellino per non più di 28 persone, con una cantina più ricca e la stessa notevole scelta di birre artigianali per sbizzarrirsi negli abbinamenti) ci sarà una parte bistrot, adiacente a esso ma dall'identità ben definita.

Qui Daniela si diletterà nel proporre le ricette della tradizione terracinese, anche quelle  antiche (come la zuppa di sarde o di sgavaglione, ma anche una grande pasta e fagioli), in un menu più easy perlopiù di terra e di carne. La squadra sarà rinforzata (sempre con la preziosa e bravissima Sandra ad affiancare nella gestione della sala l'inesauribile patron), e per il momento l'apertura sempre solo serale (eccezion fatta per la domenica a pranzo), con la possibilità di venire anche solo per un bicchiere di vino o un dolce, in tutto relax.

Pubblicità

 

 

E chi prima pativa nel non poter vedere il mare mentre assaporava piatti come la passata di sparnocchie con trancio di fragolino al vapore e polpettine di cime di rapa, o come le meravigliose vongole di Sant'Anastasia cotte alla griglia, ora può mettersi il cuore in pace. Perché il vero sogno che si avvera è proprio una grande terrazza con panorama sul Circeo, che promette scenari da incanto, in particolare dal tramonto in poi. Per godere, finalmente, del meglio che offre questo mare, con tutti e cinque i sensi e - è proprio il caso di dirlo - da ogni singolo punto di vista.

Il Granchio

via San Francesco

Terracina (LT)

tel. 0773 709696

 

 

Valentina Marino
13 marzo 2012

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X