Il Pesce di Monteverde

28 Feb 2012, 12:41 | a cura di Gambero Rosso
[caption id="attachment_89544" align="alignnone" width=""]http://med.gamberorosso.it/media/2012/02/302867_web.jpeg[/caption]

Un nuovo localino, nel quartiere romano di Monteverde patria sempre più dell'intelighentia quarantenne capitolina, riporta alla ribalta il tema: come si mangia il pesce a Roma. Noi non abbiamo ancora una vera e propria scheda sul ristorante aperto alla fine del 2011, ma intorn

Pubblicità

o alla cucina e alle proposte dello chef

 

Pubblicità

 

Federico Circiello (foto) c'è già molto fermento... In attesa di un giudizio più tecnico e puntuale, vi proponiamo la scheda fatta da un nostro forumista molto attento e preciso...

 

Questo l'indirizzo:

Pubblicità

 

TRATTORIA DEL PESCE
Via Folco Portinari 27
00151, Roma
tel. 06 95945 393

 

 

"Monteverde sta diventando sempre più una zona privilegiata in quanto a quantità, qualità e differenziazione dell'offerta culinaria. Ne è una prova questa Trattoria del Pesce (nome banale, in verità) aperto credo da non molto in Via Folco Portinari , praticamente di fronte all' Antica Schiacciata Romana (attenzione, zona di abitazioni e quindi difficoltà di parcheggio, ma basta scendere verso via ramazzini e via folchi per risolvere il problema).

Il locale non è piccolissimo, arredato con cura in stile "finto povero" (tavoli in legno grezzo con tovagliato a quadretti), luce decente, una quarantina di coperti abbastanza comodi, alcuni mobili anni 50-60 a contorno.

 

 

Il menù, rigorosamente di pesce, è limitato (il che non è male) a 5-6 proposte per tipologia (antipasti, primi, secondi) a prezzi interessanti per essere piatti di pesce (per i primi si sta tra i 10 ed i 12 euro, per i secondi si rimane sotto i 20).

Appena accomodati ci viene portato il cestino del pane (buono, con diverse varietà di pane) e proposto un assaggio di olio della Sabina.

 

 

Abbiamo preso il grande antipasto di mare per 2 (una dozzina di assaggini tra crudi e cotti, tra tutti segnalo il polpo grigliato su vellutata di ceci (foto), i gamberi rossi di mazara e una sfiziosa falsa trippa alla romana, rivisitazione del classico piatto romanesco in cui al posto della trippa viene usata la rana pescatrice) accompagnato da due calici di Ferrari.

A seguire degli spaghetti al limone e gamberoni e degli gnocchetti ai frutti di mare, due piatti gustosi e di carattere con un bicchiere di riesling (ahimè non ricordo il produttore) barricato che ben contrastava la "aggressività" della pasta.

Il tutto, inclusa una bottiglia di acqua naturale (Stille della Lurisia per essere precisi), 78 euro (40 l'antipasto per 2, 20 i primi, 16 i vini e 2 l'acqua)

Servizio attento ma da affinare, carta dei vini presente ma non consultata

bonus la presenza di un seggiolone e, nel bagno, di un fasciatoio "

 

 

28 febbraio 2012

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X