[caption id="attachment_91347" align="alignnone" width=""]http://med.gamberorosso.it/media/2012/09/327115_web.jpeg[/caption]


Un bel volume, pieno di foto e ricette che parlano dei sapori lungo la penisola visti da una blogger appassionata di cucina e di fotografia, belga ma anche italiana di adozione... Insomma, punti di vista particolari sul Belpaese in chiave gastronomica. Sigrid Verbert, che con noi del gambero ha fatto un percorso importante agli inizi della sua carriera golosa, ha raccolto in un libro per Rizzoli (appena uscito) le sue esperienze di viaggio (e di cucina) da nord a sud...

Pubblicità

alt

Pubblicità

Mi sento molto fortunata per i luoghi e le storie che ho incontrato, per i ricordi che mi hanno lasciato – afferma Cavoletto di Bruxelles, questo il suo nome d’arte e il suo blog – e credo che questo Paese si contraddistingua grazie all’abbondanza di ciceroni attenti e sensibili e per il mosaico ricchissimo di sapori e tradizioni conservati con entusiasmo e passione“.

alt alt

Così, Venezia ispira piatti col pesce della Laguna, mentre Sigrid ricorda le diverse volte, fin da bimba, in cui visitò la città sull’acqua… Dalle cappesante con le mandorle ai fazzoletti al granchio… dai risi e bisi con granchio e limone al radicchio trevigiano fino all’omaggio dolce al Bellini…

Pubblicità

Tra le ricette ci sono i ricordi e i racconti… Così le Marche, scoperte in età adulta, per Sigrid sono tutte nelle parole di Leopardi: “il cielo sereno, le vie dorate”. Come dorati sono i fritti caratteristici, olive (non esattamente) ascolane in primis…

alt

Le Langhe, invece, hanno il volto del vignaiolo Piercarlo Sperone, il profumo di un vin brulée e le consistenze di una rollatina di coniglio ai porcini e nocciole. Oltre al sublime connubio tra carbonare, tajerin e tartufo bianco di Alba…

alt

Ultima tappa è Karalis, ovvero Cagliari. Si parte dalmercato di San Benedetto, scrigno di tutti i segreti della cucina sarda, di terra e di mare. Largo alla buzzonaglia di tonno che incontra le linguine. E ai malloreddus, che si fregiano dello zafferano (sardo), delle vongole (di stagno) e alla salsiccia, una sorta di paella isolana a misura di foodie giramondo e in omaggio al meticciato gastronomico. Nella consapevolezza che nulla è più meticcia della cucina, anche della tradizione…

alt

Diario Italiano | Sigrid Verbert | Rizzoli | pp. 255 | 26 euro

Stefano Polacchi

12 settembre 2012