Oli d'Italia 2012... sua eccellenza extravergine!

26 Mar 2012, 17:56 | a cura di Gambero Rosso
[caption id="attachment_89825" align="alignnone" width=""]http://med.gamberorosso.it/media/2012/03/303725_web.jpeg[/caption]

"C'è del sentimento per chi fa questo lavoro. Questo è un pezzo di Italia vera che rappresenta la parte migliore di questo paese. L'eccellenza trascina gli altri produttori e imprenditori a fare sempre meglio. Inoltre non bisogna avere paura dei voti perché se dati con rispetto rappresentano un grandissimo vantaggio e au

Pubblicità

mentano la credibilità di tutto il settore."

 

Queste le parole del presidente di Gambero Rosso Paolo Cuccia durante il convegno "La filiera olivicola italiana incontra il mercato" organizzato da Gambero Rosso, Unaprol e Mipaaf al Vinitaly di Verona, al termine del quale è stata presentata la seconda edizione della guida Oli d'Italia 2012. Un incontro tra istituzioni e produttori durante il quale si sono succeduti molti interventi, tutti accomunati dall'appello alla tutela del vero extravergine italiano e in generale del Made in Italy.

Pubblicità

 

 

In particolare un intervento appassionato e militante è stato quello del presidente dell'Unaprol Massimo Gargano che parlando della proposta di legge di iniziativa popolare "norme sulla qualità e trasparenza della filiera degli oli di oliva vergini" (ora diventata disegno di legge e presentata in Senato), ha dichiarato "bisogna mettere in condizione le imprese di essere tutelate e che ci siano le condizioni per entrare in altri mercati e questa guida dà una mano a esaltare i prodotti del territorio legati all'enogastronomia".

 

Pubblicità

A lui si è succeduto l'intervento della senatrice Colomba Mongiello che parlando della questione degli alchil esteri ha detto di aver richiesto al ministro Catania di abbassare ulteriormente la soglia già definita dall'Unione Europea e si dice preoccupata per i recenti accordi tra UE e Marocco che contribuirebbero a creare ulteriori problemi per la tracciabilità.

 

In conclusione del convegno è stata quindi presentata dal curatore Stefano Polacchi e dal capo panel Giulio Scatolini la guida Oli d'Italia 2012, frutto degli sforzi degli ultimi mesi di lavoro, nonchéun importante strumento per l'identificazione e la conoscenza degli oli di qualità in tutto il territorio italiano. Un prodotto indispensabile non solo per i gourmet, ma per tutti quelli che vogliono imparare a conoscere e degustare l'eccezionale oro verde che abbiamo in Italia.

 

 

Indra Galbo

26/03/2012

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X