[caption id="attachment_93061" align="alignnone" width=""]http://med.gamberorosso.it/media/2013/03/335699_web.jpeg[/caption]

Quello di Pasqua è il primo week end tradizionalmente dedicato alla gita fuori porta, alla scampagnata e al pic nic. Iniziamo oggi la nostra indagine alla ricerca di soluzioni pronte all'uso per il pranzo all'aria aperta. Un percorso a tappe che ci accompagnerà per qualche settimana, con idee, indirizzi, suggerimenti per tutti i gusti e tutte le tasche.

Pubblicità

Avete presente Le déjeuner sur l’herbe di Édouard Manet? È quello che vi proponiamo per il pranzo di Pasqua e soprattutto per il picnic di Pasquetta. Una colazione sull’erba – clima permettendo – da gustare nel parco o nella campagna fuori porta, a bordo piscina o, perché no, nel giardino di casa. Dove quel che serve per il pic-nic non lo preparate voi, del resto, anche la tradizione vuole la “Pasqua con chi vuoi” e – aggiungiamo – come vuoi. Quindi via libera a ristoranti e indirizzi foodies per avere un cestino gourmet senza per questo trascorrere ore dietro ai fornelli.

Si tratti di catering tradizionali, da ristoranti aperti alle diverse esigenze di consumo, di gastronomie up to date, o di nuove realtà di una ristorazione moderna e veloce, il lunch box è più diffuso in ambienti metropolitani, legati a consumi sempre più frenetici e in movimento. Per questo anche più più aperti alla contaminazione di tradizioni “altre”.

 

Pubblicità

Nelle scatoline, più o meno graziose, le fettuccine al ragù di agnello o la minestra maritata lasciano spazio a preparazioni di più facile consumo: “è meglio evitare paste lunghe, preparazioni brodose o troppo salsate” dice Paolo Teverini, che nel suo ristorante a Bagno di Romagna ha affiancato un efficientissimo e ben rodato servizio catering, il Teverini Banqueting (con sede distaccata ad Arezzo), e che per il pic-nic ci fornisce un servizio veramente chiavi in mano: anche il telo che funziona da tovaglia e da plaid!

Ideali i grandi classici da asporto da mangiare a temperatura ambiente: torte rustiche, in primis la pasqualina, quiche, insalate fredde, panini e tramezzini, cuscus, uova sode e l’immancabile salame da affettare al momento. Ma ci possono essere diverse ispirazioni: italiane, regionali, moderne, vegetariane, etniche. L’importante è scegliere con attenzione o lasciarsi suggerire da chi, come per esempio i fratelli Damini di Arzignano, la sa lunga.

 

Con la macelleria che affianca il ristorante che affianca il catering, è impossibile non trovare la soluzione più adatta alle proprie esigenze e ai propri gusti. (Attenzione: il ristorante è chiuso a Pasqua e Pasquetta e la macelleria è aperta solo a Pasqua fino alle 13).

Pubblicità

Sono tante le formule, ma c’è chi pensa proprio a tutto… anche al prato: come Vivi Bistrot, ex fienile dell’800 immerso nel verde di Villa Pamphilj di Roma. Ci si va per il pranzo, la merenda, la cena o l’aperitivo, da gustare all’interno del casale o nei due dehor. Ma tutt’intorno ci sono i 180 ettari di Villa Pamphilj in cui è impossibile non trovare un angolo in cui fermarsi.

 

Basta scegliere uno dei molti pic nic box a tutto bio, secondo gusti e secondo esigenze, e per chi lo desidera anche la coperta, i piatti in ceramica e un quotidiano.

Per chi invece vuole dare un tono gourmet anche al pic nic di Pasquetta ci pensa Alfonso Iaccarino, nel Vivavoce del Gran Melià di Roma: frittata di maccheroni, parmigiana di melanzane, pizza di scarola e tutti i piatti classici della tradizione – pastiera inclusa – firmati dal grande chef, da gustare nell’incanto di Villa Agrippina, in pieno centro capitolino.

Un indirizzo di riferimento sul territorio fiorentino, a un passo dai giardini di Palazzo Pitti, è Convivium Firenze: gastronomia fredda di gran qualità, sandwich gustosi e originali, insalate con formaggi, come per esempio fave e pecorino, affumicati di pesce, affettati e altre proposte sfiziose in confezioni ermetiche, pronte all’uso. Voi pensate all’organizzazione, al cibo ci pensano loro.

Se il tempo non dovesse essere così clemente da regalare sole e alte temperature, arriva in soccorso  Soup&Go di Torino con la sua proposta mobile di zuppe dal mondo in contenitori monoporzione, secondi, insalate, macedonie.

Questi sono i nostri suggerimenti per il lungo week end di Pasqua, ma continuate a seguirci, insisteremo a darvi idee anche per le prossime settimane. E per le prossime scampagnate.

a cura di Antonella De Santis
29/03/2013

 

 

GLI INDIRIZZI

Convivium Firenze
Viale Europa, 4 – Firenze
Tel. 0556811757 – 0556802482
www.conviviumfirenze.it

Damini & Affini
Via Generale Cadorna, 31 – Arzignano (VI)
Tel. 0444452914
www.daminieaffini.com

Gran Meliá Roma
Via del Gianicolo, 3 – Roma
Tel. 06925901
www.granmeliarome.com

Soup&Go
Via San Dalmazzo, 8a  – Torino
Tel. 01119887604
www.soupandgo.it

Teverini Banqueting
Piazza Dante Alighieri, 2 – Bagno di Romagna (FC)
Tel. 0543911260
www.paoloteverini.it

Vivi Bistrot
Villa Doria Pamphili
Ingresso di Via Vitellia, 102 – Roma
Tel. 065827540
www.vivibistrot.com