[caption id="attachment_92892" align="alignnone" width=""]http://med.gamberorosso.it/media/2013/03/335081_web.jpeg[/caption]

A Torino per giocare con il cibo. Inizia il 20 marzo la quarta edizione Play with Food – La scena del cibo, il primo festival di arti visive e di performance interamente dedicato al food. Il festival nasce da un'idea dei

Pubblicità

anti.it” target=”_blank”>Cuochivolanti, alias Roberta Cavallo, Davide Barbato, Patrizia Capuzzi e Chiara Cardea, che sono insieme teatranti e chef e spaziano dai servizi di catering ai cabaret-aperitivo, dalle performance di live cooking alla cucina a domicilio, affiancati spesso (come in questo caso) da altri cuochi, artisti e teatranti dell’Associazione CuochiLab, che attraverso forme nuove e creative propongono al pubblico temi relativi al cibo come nutrimento e convivialità.

 

Nel 2010 dall’esperienza artistico-gastronomica dei Cuochivolanti e dell’Associazione CuochiLab nasce un festival che unisce le proposte di teatranti, performers, artisti visivi, fotografi, danzatori per confrontarsi in modo creativo con il tema del cibo. Ne nasce una riflessione che non è solo gastronomica, ma artistica, politica e filosofica, con un tocco di gioco e il divertimento.

Pubblicità

 

Cibo e creatività sono l’obiettivo centrale anche del programma della nuova edizione di Play with Fooddal 20 al 24 marzo 2013 – frutto di quattro bandi d’idee rivolti ad artisti, videomaker, fotografi, teatranti, grafici, e creativi in genere.

Inaugurazione alle ore 18.30 del 20 marzo allo spazio Qubì di via Parma, dove apre la ricca sezione dedicata alle arti visive (visitabile per tutta la durata del festival), con una ventina di opere video, installazioni e fotografie di artisti torinesi e non, accompagnata da PlaywithGNAM!, il contest culinario curato da TorinobyGNAM lanciato via facebook due settimane prima del festival (info su www.torinobygnam.it) e un ricco aperitivo curato dai Cuochivolanti (5€).

 

Pubblicità

Tra le novità della quarta edizione, il 21 marzo, alle 19 e alle 21, le underground dinner. Ovvero cene in contemporanea in due location private, che rimangono segrete fino all’ultimo momento, realizzate in collaborazione con ‘brigata della cucina’ romana di The Fooders, e accompagnate da due performance intriganti. Si tratta di L’odore di spezie che ha il buio di Sara Allevi: in cui un tavolo nella semioscurità, ricoperto di semi, radici, fiori e cortecce è la location di un suggestivo banchetto che permette un viaggio esplorativo nel mondo delle spezie, assaporate non solo attraverso le papille gustative, ma sentite con gli occhi, il naso, la bocca, la pelle, attraverso un’esperienza totale del corpo. Seconda performance: Lezioni pratiche di erotismo a tavola di Chiara Vallini, che in versione-gatta dà lezione ai commensali di arte dell’eros a tavola, fra gusto e seduzione, per offrire al pubblico la possibilità di scoprire i segreti di un’esperienza culinaria erotica e godere del cibo.

 

Il programma continua il 22 marzo nella location della Cavallerizza Reale di via Verdi, dove vanno scena Elvira Frosini per Kataklisma Teatro con Digerselz, e i torinesi Enrico e Salvo di Chi per Es Teatro con Gusto e disgusto. Si tratta di due  spettacoli con aperitivo. Il 23 marzo chiusura ufficiale allo spazio Qubì alle 21 con un concerto + aperitivo (10€). Sul palco Fabio Bonelli con Musica da cucina, concerto-spettacolo che dal 2007 porta per il mondo i suoni della cucina accompagnati da chitarra, clarinetto e fisarmonica, con performance organizzate all’interno di case, ristoranti, mense, orti pubblici ma anche teatri, gallerie d’arte, rassegne e festival… E alle 22 festa con i DJ di Radioflash, con musica e balli (a ingresso gratuito).

Domenica 24 marzo, infine, alle 10.30, saluto conclusivo al pubblico con un CineBreakfast (colazioni e proiezioni di corti italiani e stranieri, tutti a tema cibo in collaborazione con il Centro Nazionale del Cortometraggio) al Cineteatro Baretti di via Baretti, nel quartiere di San Salvario. Tra le iniziative collaterali da segnalare, presso il Circolo dei Lettori di via Bogino, i due incontri Siamo tutti nella stessa pentola!, il 22 alle 18 e il 23 alle 16, curati dall’ONG torinese CISV nell’ambito della Campagna per il diritto al cibo e la Sovranità alimentare

www.playwithfood.itwww.cuochivolanti.it

 

a cura di Rosalba Graglia

07/03/2013