C'è selvaggina da pelo e selvaggina da piume. La lepre è da pelo, e noi vi diamo la ricetta di un primo piatto che ci ha suggerito Enrico Mazzaroni del ristorante Il Tiglio. Quale? I fusilli alla lepre.
Pubblicità

Suvvia la dieta la comincerete il sette gennaio. Anche perché noi continuiamo con la carrellata di ricette adatte a questo periodo, in cui ogni occasione è buona per imbandire tavole e invitare parenti o amici a cena. Per Santo Stefano vi viene in soccorso Enrico Mazzaroni del ristorante Il Tiglio di Montemonaco, in provincia di Ascoli Piceno. La sua cucina vive un momento di grande felicità: dopo anni di ricerca e sperimentazione, i suoi piatti hanno finalmente trovato la loro identità rivelando personalità e maturità dello chef. La parola d’ordine è tradizione gastronomica marchigiana, che però viene reinventata con tecniche e idee moderne. La ricetta dei Fusilli alla lepre ne è un esempio. Leggere per credere.

Fusilli alla lepre(cominciare la preparazione 72 ore prima)

1 lepre freschissima

Il suo sangue

2 pomodori

Sedano cipolla e carota

1 cucchiaio di miso bianco

2 cucchiai Soia 

2 cucchiai di marmellata di ribes

1 foglio alga colombo

50 g di porcini secchi

1 bicchiere di latte di capra

1/2 l di vino Rosso Piceno superiore
300 g di fusilli trafilati al bronzo
Foglie di caccialepre
Olio extravergine di oliva

Pubblicità

Disossare la lepre. 
Dividere le ossa dalla carne, disporre in una teglia le ossa con cipolla carota e sedano e far tostare in forno; mettere da parte.
 Staccare le cosce e le spalle della lepre e lasciare da parte il filetto.

Mettere in una busta per il sottovuoto le cosce e le spalle, aggiungere i pomodori, la soia, il miso, i funghi, l’alga, il sangue, il latte, la marmellata, il vino rosso. Cuocere a bassa temperatura per almeno 72 ore a 55° C. A fine cottura estrarre il contenuto della busta e aggiungerlo alle ossa precedentemente tostate. Rimettere il tutto in una capiente pentola e far ridurre della metà a fuoco molto basso; passare al colino o volendo in una centrifuga. Tenere da parte un terzo del sugo per la finitura del piatto. Scottare leggermente il filetto.
Cotti i fusilli a metà cottura, immergerli nel brodo di lepre e completare la cottura lasciando che il sugo venga lentamente assorbito.
Impiattare i fusilli alternandoli con pezzetti di filetto e con foglie di caccialepre.
Completare il piatto irrorando i fusilli con il brodo di lepre rimasto e con un giro d’olio extravergine d’oliva fruttato con sentori erbacei e di mandorla fresca.

Il Tiglio | loc. Isola San Biagio | Montemonaco (AP) | tel. 0736.856441 | www.enricodeltiglio.it

a cura di Annalisa Zordan


PER LEGGERE LE ALTRE RICETTE DI NATALE

Pubblicità

La Seupa a la Valpellinentze di Maurizio Grange del ristorante La Clusaz a Gignod clicca qui

Il Risotto castagne, lardo e rosmarino di Garola e Lombardo de La Ciau del Tornavento clicca qui

L’Anatra nantaise di Karl Baumgartner del ristorante Schöneck clicca qui

Lo Sformatino di cardi di Laura Lorenzini del ristorante Mocajo clicca qui

L’Insalata di cappone di Stefano Cerveni del Due Colombe clicca qui

Il Cappon magro di Luca Collami del ristorante Baldin clicca qui

Tortelli di gorgonzola e Monte Bianco di Renzo Del Farra della Locanda San Lorenzo clicca qui

Toc in braide di Alessandro Gavagna del ristorante Al Cacciatore de la Subida clicca qui

Baccalà all’orvietana di Anna Rita Simoncini del ristorante I Sette Consoli clicca qui

Ravioli di cappone in brodo di mela di Salvatore Tassa del ristorante Le Colline Ciociare clicca qui