Non solo food design e proposte ristorative: a Torino l'arte incrocia l'enogastronomia in forme nuove e creative e apre così la porta a feconde interferenze e intrecci di progetti e suggestioni. Ecco cosa succederà a margine delle fiere Artissima, Photissima, Paratissima, The Others.
Pubblicità

Torino capitale dell’arte contemporanea e del food. Più che mai in questi giorni, quando la città diventa scenario di mostre ed eventi nel progetto Contemporary Art, la grande rassegna di arti visive, musica, teatro, danza, cinema e performing art. Un calendario ricco che si snoda tra manifestazioni, luoghi e ispirazioni diverse. E che incrocia, in più punti, il cibo e le sue migliori espressioni.

C’è Artissima con una selezione di 190 gallerie da 38 paesi all’Oval del Lingotto, Fiera Internazionale dell’Arte Contemporanea, quinta fiera più importante al mondo arrivata alla ventesima edizione. Ci sono le Luci d’Artista che fino a metà gennaio accendono di installazioni luminose il centro della città, senza contare gli appuntamenti con la creatività giovanile di Paratissima – 500 artisti, gallerie d’arte, mostre tematiche e progetti speciali – Photissima all’ex Manifattura Tabacchi,The Others, progetto internazionale dedicato all’arte contemporanea emergente, e ancora la rassegna One Torino in collaborazione con le maggiori istituzioni d’arte contemporanea locali, fino all’imperdibile Notte delle Arti Contemporanee in programma sabato 9 novembre. Un panorama goloso con interferenze e rimandi al food che vanno ben al di là dell’ormai quasi-scontato concetto di food-design.
Qualche esempio? Cominciamo dalle Luci d’Artista. Una delle due nuove installazioni dell’edizione 2013-2014, firmata da Vanessa Safavi e allestita in piazza Bodoni – la centralissima piazza del Conservatorio – si chiama Ice Cream Light ed è un’infilata aerea, sospesa sui quattro lati della piazza, di circa 50coni gelato che riproducono le insegne al neon di gelaterie torinesi. Come ha dichiarato l’artista, svizzera di nascita e berlinese d’adozione:“dopo aver visitato Torino in più occasioni, ho notato che la città ha molte insegne con neon stupefacenti… Alla fine un segno ha focalizzato la mia attenzione: piacevole alla vista e carico di significati. Un segno che potrebbe essere uno dei simboli della cultura italiana popolare e molto altro ancora: l’insegna della gelateria, il cono gelato. Il gelato è un simbolo dello stile di vita dell’Italia e della sua cucina, ed è riconoscibile da tutti: il gelato è simbolo di puro piacere”. A Torino il gelato è un cult e la città ha festeggiato, proprio in piazza Bodoni, l’inaugurazione di Luci d’artista con le delizie di quattro gelatieri torinesi, Mara dei Boschi, Gelateria + di un Gelato, Gelateria il Pinguino e Torino Gelato.Un’altra installazione spettacolare, Amare le differenze del maestro Michelangelo Pistoletto, accende di luci il grande mercato coperto di Porta Palazzo, siglando l’unione fra cibo e arte.

Ad Artissima Giovanni Grasso e Igor Macchia, i due chef de La Credenza di San Maurizio Canavese, gestiscono per il terzo anno consecutivo la Vip Lounge all’Oval, dall’inaugurazione del 7 finoal 10 novembre:100 posti per il pranzo e proposte “fusion, non confusion”. Tradizione e innovazione insieme, declinati con stile personale. Punto fermo il Piemonte e i suoi prodotti, ma rielaborati attraverso i ricordi di tanti viaggi. Dal raffinato menù alla carta alle proposte veloci dell’easy restaurant, dal celebrato uovo di Paolo Parisi con mandorle e fonduta (più una bella grattata di tartufo bianco) agli agnolotti serviti nel tovagliolo con olio di nocciola Pariani e grana padano, dal croissant salato con frittata alle erbe fino alla selezione di salumi artigianali. Grandi vini al bicchiere proposti anche come aperitivo (fino alle 20, venerdì 8 e sabato 9) insieme a una degustazione di formaggi tipici piemontesi; oppure birre come la Orval belga e la piemontese Menabrea.
A Paratissima (già l’anno scorso niente male quanto a food), dal 6 al 10 novembre all’ex Moi, il mercato ortofrutticolo all’ingrosso di via Giordano Bruno, l’Enoteca Rabezzana propone degustazioni di vini e specialità del territorio (alle 18 e alle 20, ticket 3,50 euro). Puntando al binomio “vino e arte” Rabezzana sceglierà proprio a Paratissima la nuova etichetta del suo Grignolino, destinato al mercato estero, fra tutte quelle esposte che hanno partecipato al contest di “artichettatura”. Mentre Molecola, la cola torinese, presenta a Paratissima il suo progetto speciale, un innovativo percorso di installazioni sonore e video.

Pubblicità

Food che diventa arte anche alla fiera d’arte indipendente The Others, dall’8 al 10 novembre all’ex carcere delle Nuove. Nella manifestazione verrà selezionato un artista chevincerà una residenza di cinque settimane a Torino con l’obiettivo di realizzare un’opera legata al Pinguino®, ilprimo gelato ricoperto su stecco, brevettato nel 1939 da Pepino, partner di The Others. Il risultato di questo lavoro verrà presentato a The Others 2014. Come spiega Edoardo Cavagnino, titolare di Gelati Pepino 1884 intendiamo sempre di più legare il nostro marchio al mondo dell’arte, del design e della moda, e in generale alla cultura. Inoltre, il 2014 ci vedrà coinvolti direttamente con i festeggiamenti dei 130 anni dell’azienda e dei 75 anni del Pinguino®: da qui l’idea di poter aiutare un giovane artista ad esprimersi e interpretare la nostra storia”. E allo Spazio Pepino di The Others, oltre allo storico carretto dei gelati, anche i wooden popsicles di Johnny Hermann, al secolo Mauro Savoldi, artista milanese che ha realizzato serie di “popsicles” – i gelati su stecco – di legno, già presentati tra le mura della gelateria: insoliti, curiosi, originali, ognuno è un pezzo unico e numerato. E da vedere a The Others c’è anche il percorso del blog Eat Piemonte – One Year, 10 ritratti legati al food del fotografo Davide Vitrano.

Info e programma di tutti gli eventi torinesi di Contemporary Art su www.contemporarytorinopiemonte.it.

Ristorante La Credenza | San Maurizio Canavese (To) |via Cavour, 22 | tel. 011.9278014 | www.ristorantelacredenza.it
Enoteca Rabezzana | Torino | via San Francesco d’Assisi, 23/C | tel. 011.543070 | www.enotecarabezzana.it
Progetto Molecola: http://paratissima.it/_/2013/molecola/
Pepino | Torino | piazza Carignano, 8 | tel. 011.542009 | www.gelatipepino.it

a cura di Rosalba Graglia