Street Food. Il ritorno dei fritti

16 Nov 2011, 16:47 | a cura di Gambero Rosso
[caption id="attachment_88669" align="alignnone" width=""]http://med.gamberorosso.it/media/2011/11/298476_web.jpeg[/caption]

{loadposition interstizial1}

Sarà la crisi, sarà la voglia di novità o anche il desiderio di tornare ai bei tempi... Sta di fatto che - dopo un periodo di demonizzazione in chiave salutistica e dietetica - la moda del fritto ha ripreso piede, sopratutto a Roma dove le friggitorie erano i locali del ma

Pubblicità

ngiarsempre storico. 

 

Pubblicità

 

Così, ci sono una serie di locali che puntano a ricreare quegli ambienti, con le scritte e l'uso di immagini d'epoca, con proposte e nomi evocativi. Come I Fritti della Sora Milvia, a ponte Milvio, appunto. O come Il Cartoccio di corso Vittorio.

 

Pubblicità

 

 

Si tratta di due locali take away che pensano al fritto come una sorta di menu completo, dai dolci al salato, verdure comprese. Quindi, i classici supplì, le crocchette di patate o di altro, le polpette, i fiori di zucca, il baccalà, le vedure in pastella, le pizze... fino alla crema fritta di cui la Sora Milvia sta mettendo a punto la giusta ricetta per fane, come dicono in cucina, "la migliore crema fritta della capitale".

 

 

Poi ci sono i classici, tipo Mizzica o - anche se un po' più polveroso - Dagnino che però merita più per i dolci siciliani che non per i fritti. O Nobel, sull'Appia di fronte a Villa Lazzaroni, che fa gli arancini espressi e che ha appena citato per danni un locale che ha appena aperto i battenti in centro (a due passi da piazza in Lucina) con la sua stessa insegna. Poi c'è la storica Siciliana Svizzera in piazza Pio XI (Aurelio): molto cara, ma di ottima qualità in tutte le sue creazioni, fritti siciliani in primis. Per non parlare di Mondo Arancina, molto popolare, ma anche molto omologato. 

 

 

Ugo De Luca

16 novembre 2011

 

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X