Tricarico

13 Dic 2011, 18:28 | a cura di Gambero Rosso
[caption id="attachment_83152" align="alignnone" width=""]http://med.gamberorosso.it/media/2011/12/299420_web.jpeg[/caption]

La città delle tre vette fu il centro di incontri tra civiltà e comunità: cittadella longobarda, poi roccaforte araba, quindi città fortificata bizantina  e poi contea della potente famiglia normanna dei Sanseverino. Nel tempo si alternarono anche comunità ebraiche e albanesi. Il risultato è una con
Pubblicità

taminazione di stili e culture che si riflettono sulla sua architettura: le torri (della Saracena, della Ràbata e la torre normanna), la Cattedrale di Santa Maria Assunta dove nel 1383  Luigi I d'Angiò fu incoronato re di Napoli, il Palazzo Ducale e il museo archeologico. All'insieme di queste culture sono legate anche Le maschere di Tricarico: mucche e tori che rappresentano il rito della fertilità nel periodo di carnevale. Ecco come Carlo Levi descriveva l'evento: "Il paese era svegliato, a notte ancora fonda, da un rumore arcaico, di battiti di strumenti cavi di legno, come campane fessurate (...)". La cucina rimanda ai sapori arabi che tendono a unire dolce e salato, come nel caso delle  "Làgane" con mollica e uva passa.

 

locale Nome Indirizzo Telefono WEB EMAIL
Ristorante Il Campanaccio Via fratelli bandiera 4/2 0823723229
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X