[caption id="attachment_88574" align="alignnone" width=""]http://med.gamberorosso.it/media/2011/06/276797_web.jpeg[/caption]

 

 

Nato a Roma nel 1940, figlio di un proiezionista, ha lavorato in quasi tutti i film di Bernardo Bertolucci, da Il conformista (1970) a Il piccolo Buddha (1993). La sua  carriera internazionale i

Pubblicità

n Italia non ha pari. Tre i premi Oscar conquistati: nel 1980 per Apocalypse now, il capolavoro di Francis Ford Coppola, poi con Reds , di Warren Beatty (1982), e L’ultimo imperatore di Bernardo Bertolucci (1988). Tutti lo chiamano “direttore della fotografia”, ma lui si definisce “cinematographer”, come dicono nei paesi di lingua anglosassone, e cioè “autore della cinematografia”. «Il cinema è una arte in movimento, non statica come la fotografia, e poi il termine direttore è un modo per mettersi in competizione con il regista» spiega lui.