[caption id="attachment_90388" align="alignnone" width=""]http://med.gamberorosso.it/media/2012/05/312870_web.jpeg[/caption]

E' il social network che gli amanti della cucina creativa attendevano da tempo, dove l'illusione mediatica si concretizza e la creatività e l'innovazione spazzano via dalla rete i soliti blog, a volte un po' ripetivi. Il suo nome è Wikifood, una piattaforma dove t

Pubblicità

utti i gourmet ottengono la possibilità di entrare in contatto con i più grandi chef italiani. 

 

Come funziona? Un gruppo di chef (la cui identità viene celata) elabora una ricetta inedita da pubblicare sulla piattaforma online, scritta su un foglio di carta ma nascosta all’utente tramite un software applicativo detto steganografia, il sistema ideato dal programmatore Claudio Agosti,che consente di celare un’informazione. Informazione che diventa visibile solo scaricando un programma dalla rete. 

Pubblicità

 

Cucina come divertimento dunque e come atto magico che viene a concretizzarsi, concetti ai quali molti volti importanti del mondo gastronomico hanno aderito accettando di farsi fotografare con una maschera, facendo una linguaccia. Gli stessi utenti avranno poi un profilo “steganografato” da mostrare a chi si voglia e palesare la propria simpatia non con un “mi piace”, ma ognuno potrà parlare di “amici” o “nemici” includendole le persone nel proprio gruppo o evitandone l’amicizia.

 

L’ideatrice è l’artista Franca Formenti che con la collaborazione del web developer Andrea Franz ha intuito quanto fosse importante creare un progetto che ponesse attenzione sulla sicurezza delle persone che giornalmente navigano su internet con l’esigenza di assaporare esperienze più oggettive o concrete possibili.

Pubblicità

 

“Wikifood – spiega Franca Formenti – darà la possibilità a coloro che si registreranno di preservare i propri dati personali attraverso licenze Creative Commons. Tutte le informazioni rimarranno nelle mani di coloro che le hanno prodotte o registrate, nessun dato sarà ceduto ad aziende come succede su facebook.”

 

La proprietà intellettuale sarà custodita e preservata come anche le ricette. Attendiamo con ansia di conoscere Wikifood, un modo consapevole e responsabile per creare nuovi piatti, confrontandosi con persone, condividendo passioni. Dall’inizio di giugno online.

 

Stefania Annese

28/05/2012