[caption id="attachment_84529" align="alignnone" width=""]http://med.gamberorosso.it/media/2009/07/226146_web.jpeg[/caption]

Dal bancone del Gambero Rosso, nell'area relax dei delegati, sono passati tutti. I ministri italiani: oltre alla Gelmini, Sandro Bondi (Beni Culturali) e Michela Vittoria Brambilla (Turismo). Poi il sottosegretario Paolo Bonaiuti, tanti delegati esteri e il giornalista Bruno Vespa, nativo proprio de L'Aquila, che si è cimentato in una scu

Pubblicità

ola di cucina volante, illustrando come si fanno le ferratelle, i tipici biscotti abruzzesi che vengono realizzati con un particolare ferro rovente.

 

Grande successo anche per il pranzo preparato da Niko Romito appositamente per le first ladies. E’ lo stesso chef, del Reale di Rivisondoli e tre forchette del gambero Rosso a commentare e motivare il suo menu.
”Ho letto sul Corriere della Sera che Michelle Obama aveva voglia di un gelato italiano – spiega Romito – e allora ho pensato di inventare questo gelato”.

Pubblicità

Il gelato viene servito come portata di benvenuto, insieme a flute di Ferrari rose’. A seguire, piatto tipico di baccala’ e peperone.

 

”Si tratta di baccala’ di prima salatura, lacerato con olio extravergine di oliva – precisa Romito -, accompagnato da granita di patate al rosmarino e assoluto di peperone arrosto”.

La portata successiva e’ rappresentata da tortelli liquidi di piselli tardivi con pomodoro fresco, basilico e pecorino di Castel del Monte.

Pubblicità

”E’ un piatto estivo fresco – commenta lo chef abruzzese. Come secondo vitello glassato con orapi croccanti e macedonia tiepida di patate. Per dolce ho previsto caldo-freddo di cioccolato e finocchio, ”un gioco tra il cioccolato caldo e il finocchio freddo.

 

Abbiamo cercato di preparare un menu per accontentare gusti e usanze culturali – continua Romito -. C’e’ chi non mangia agnello o maiale, quindi abbiamo preparato un menu che rappresentasse l’Abruzzo in chiave moderna”.

Il pane e’ stato fatto con farina di solina, ”grano tipico di alta montagna che si sta riscoprendo”. Sono stati  serviti i vini della migliore tradizione abruzzese, tra cui Masciarelli, Valentini, Barba e Marramiero, il tutto concluso da caffe’ e pasticceria tipica.