[caption id="attachment_84360" align="alignnone" width=""]http://med.gamberorosso.it/media/2009/05/217674_web.jpeg[/caption]

Con quale frequenza gli italiani mangiano fuori casa? E quanto è rilassante uscire a cena, in pizzeria oppure al ristorante? Quali sono i servizi più graditi di cui si gode quando si pernotta in albergo?
Sono alcune delle domande alla base di una ricerca condotta dall’Ispo di Renato Mannheimer sui comportamenti deg

Pubblicità

li italiani in tema di industria dell’ospitalità.

I risultati sono stati resi noti a Milano durante la presentazione della 36° edizione di Host, il salone dell’ospitalità professionale previsto al quartiere fieramilano di Rho da venerdì 23 a martedì 27 ottobre 2009.

Da quanto emerge dai risultati del sondaggio, la cena al ristorante oppure in pizzeria ed il rapido spuntino al bar o in gelateria, per un caffè o un gelato, sono le situazioni in cui più comunemente si consuma fuori casa.

Pubblicità

Per 4 italiani su 5, sono infatti situazioni abituali: la cena per lo più qualche volta al mese, mentre il rapido spuntino più volte alla settimana.

Alla metà degli italiani capita, almeno una volta all’anno, di pernottare in albergo, soprattutto ai più giovani, tra i quali si raggiunge una percentuale di quasi il 70%.

I più giovani sono, in generale, i più soliti al consumo fuori casa, tanto è vero che al 65% dei 18-24enni capita durante l’anno di vivere tutte le situazioni proposte: spuntini al bar o in gelateria, pranzi e cene fuori casa, pernottamenti in albergo.
Per 4 italiani su 10, mangiare fuori casa non è necessariamente sinonimo di scarsa qualità e sono convinti della genuinità di ciò che si consuma.

 

Pubblicità

I più inclini, invece, a non riporre fiducia nei luoghi di consumo fuori casa, sono sopratutto le casalinghe e i residenti al Sud o nelle isole maggiori. Ancora più diffusa tra la popolazione, inoltre, è la curiosità di visitare le cucine o di vedere come vengono preparati i cibi, che registra il 69% di pareri favorevoli. Grande interesse, quindi, per il “dietro le quinte” della ristorazione.

Tra coloro che hanno soggiornato in albergo, l’aspetto più gradito è legato alla gentilezza del personale, all’accoglienza riservata al cliente e alla disponibilità dello staff. Pulizia ed igiene, invece, sono gli aspetti sui quali viene più spesso espressa la necessità di un miglioramento.

Il sondaggio si è concentrato, inoltre, su un ulteriore argomento: la capacità di appeal esercitata dai negozi. Il 65% degli italiani dichiara, infatti, di entrare talvolta in un negozio senza avere intenzione di comprare, ma solamente perché attratto dall’ambiente interno; a più della metà degli intervistati, invece, capita di rinunciare al proprio acquisto se ad un primo sguardo il negozio sembra organizzato male.

Caratterizzato da un concept espositivo che integra filiere complementari nella logica del “fare sistema”, Host si presenta all’appuntamento biennale forte dei risultati dell’edizione 2007: 1.865 espositori (+3,61% rispetto al 2005) di cui 350 esteri, con 135mila Visitatori Professionali da 134 Paesi.

“I segnali dal settore lasciano presagire che l’industria dell’ospitalità continuerà a crescere nonostante la crisi”, commenta Corrado Peraboni, Amministratore Delegato di Fiera Milano Expocts, organizzatore di Host, “e che sia destinata a confermarsi sempre più come uno dei comparti trainanti dell’economia mondiale nei prossimi anni. Host è pronta a raccogliere questa sfida e, presentando in un’ottica di sistema tutte le componenti della filiera, con una prospettiva globale, rappresenta un momento di incontro e confronto e un’opportunità di business unica per tutti gli Operatori del settore”.

 

Sette le aree tematiche di Host 2009, che coprono in modo completo e articolato tutte le tre grandi macroaree del settore ospitalità-ristorazione: Ristorazione professionale (attrezzature, impianti e accessori) e Mippp (Milano – Salone Pane Pizza Pasta); Bar (macchine da caffè e attrezzature per bar), Gelateria & Pasticceria (macchine, attrezzature, arredamenti, accessori e prodotti per gelateria e pasticceria) e Sic (Salone Internazionale del Caffè); Hotel Emotion (Salone dell’industria alberghiera) e Shop Project (Salone internazionale di progettazione e arredo per punti vendita).

Una manifestazione sempre all’avanguardia che riunisce filiere complementari, secondo la logica del “fare sistema”, consentendo ai Visitatori Professionali, spesso comuni alle diverse filiere, di valorizzare contemporaneità e sinergie per ottimizzare la loro visita e incrementare le opportunità di business. In quest’ottica quindi, la novità di quest’anno è la completa integrazione di Shop Project in Host. Host 2009, inoltre, si svolgerà in contemporanea e in sinergia con Franchising & Trade e con Wellness Spa & Beauty Exhibition (anch’esse organizzate da Fiera Milano Expocts) dando luogo a numerosi eventi informativi e promozionali, che permetteranno al pubblico di operatori, spesso comune tra queste manifestazioni, di ottimizzare ulteriormente la visita.

 

L’appuntamento con Host è al quartiere fieramilano di Rho da venerdì 23 a martedì 27 ottobre 2009. Per informazioni aggiornate: www.host.fieramilanoexpocts.it