[caption id="attachment_85336" align="alignnone" width=""]http://med.gamberorosso.it/media/2009/11/234398_web.jpeg[/caption]

Cos'è un lunario? Lo dice il nome stesso: un calendario che tiene conto delle fasi della luna e dei suoi influssi in agricoltura, che sia seminare i pomodori o potare un albero.

 

In alcuni almanacchi l'osservazione lunare è a 360° e i consigli pratici non riguardano solo l'orto e il giardino

Pubblicità

, si allargano ad alimentazione, bellezza, salute, astrologia e divinazione.

 

Ma non tutti sanno che il primo lunario tascabile realizzato in Europa è nato a Genova, dove era chiamato affettuosamente “bouxardìn”, bugiardino. 

Pubblicità

 

La Raxone de la Pasca, del 1474, è l’antesignano di una tradizione popolare ligure che continua con il Gran Pescatore di Chiaravalle, della metà Settecento, con gli ottocenteschi lünài do Scio Tocca e do Scio Reginn-a, e con il Casamara, pubblicato fino al 2003.

 

Si richiama nel nome e nei temi Il Bugiardino – lunario agenda delle terre liguri, una pubblicazione tascabile erede di questa tradizione, realizzato dal 2007 dal Consorzio della Quarantina nella figura del suo presidente Massimo Angelini.

Pubblicità

 

Al suo quarto anno, è un’agenda settimanale con informazioni legate ai luoghi e ai tempi della Liguria, rivolto al mondo rurale ma non solo: oltre ai lavori del mese e ai giorni della semina, sono contenute curiosità della memoria e della cultura popolari della regione.

 

Il Bugiardino 2010, 128 pagine illustrate, si trova in tutte le edicole e librerie della Liguria a 4,50 euro, ma può anche essere ordinato per posta ordinaria inviando la richiesta (e allegando 5 euro) al Consorzio della Quarantina, casella postale 40, ufficio 06, 16149 Genova.

di Mara Nocilla

 

05/11/2009