Un nuovo servizio di delivery, ma questa volta indirizzato ai neonati. Babygnam consegna “pappa fresca a domicilio” per bambini dai 6 mesi in su. 

Pubblicità

L’idea. Cibo a domicilio per neonati

Il food delivery è una comodità a cui tutti ci siamo affidati almeno una volta, che oggi sta prendendo piede anche in Italia nella sua variante gourmet, soprattutto nelle grandi città. Ed è infatti a Firenze che sta per prendere vita l’ultimo progetto che la consegna a domicilio la immagina dedicata a un cliente speciale: i bambini. Precisamente quelli dai 6 mesi in su, che a partire dal 3 aprile potranno contare su Babygnam, un servizio professionale studiato su misura per esaudire le esigenze alimentari dei più piccoli.

A ideare Babygnam è Nikola Jakubisova, 35enne esperta in lingue che ha alle spalle diverse esperienze professionali nel campo dell’interpretariato e del turismo. L’idea nasce nel 2014, mentre Nikola è in “pausa forzata” dai viaggi di lavoro per la nascita di suo figlio Jaro. Stanca di stare a casa, Nikola decide di aprire un laboratorio professionale di cibo fresco insieme al compagno Guido. “ Quando nel 2015 abbiamo iniziato lo svezzamento, era mia ferma intenzione nutrire il bambino senza dover ricorrere a prodotti industriali. Con questa convinzione ho realizzato quanto fosse impegnativo preparare ogni giorno il cibo per il mio piccolo”. Ed è così che comincia a interessarsi sempre più all’alimentazione, fino a sviluppare un servizio che possa garantire a tutte le mamme impegnate con il lavoro di nutrire i propri figli in maniera adeguata.

Le ricette e gli ingredienti

Cosa propone Babygnam? Una gastronomia per la prima infanzia con ingredienti 100% organici certificati, a km 0 e di stagione; i cibi sono sottovuoto e arrivano in tavola entro 24 ore dalla loro preparazione. Ad affiancare Nikola, la nutrizionista Silvia Ciani e la pediatra Monica Pieratelli. Il menu è disponibile in due versioni, autunno/inverno e primavera/estate, per un totale di 33 ricette. Tutti i cibi sono preparati seguendo rigorosamente le linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, e sono divisi per tre fasce di età consigliate: “gnam A” propone pochi ingredienti selezionati, adatti ai primi mesi di svezzamento (da 6 +), come la vellutata di riso e mela cotta, la crema di mais e pera cotta, o il dolce crema di riso; “gnam B” introduce latticini, legumi e cereali per un pasto completo, con porzioni più abbondanti, come il risotto con le zucchine, la pasta con crema di tofu, la crema di borlotti al profumo di rosmarino, il milkshake di frutta al latte vegetale (da 9 +); “gnam C” offre una selezione di piatti di carne e pesce, con piccoli pezzetti di cibo (adatti a 12 mesi +), come la “Vellutata nr.7”, con carota, patata, brodo vegetale, prosciutto cotto, olio, o “La preferita”, con brodo di pollo.

Pubblicità

E non finisce qui: Babygnam introduce nell’alimentazione dell’infanzia ingredienti insoliti come il sorgo e l’alga kombu, ricca di sali minerali, per abituare fin da subito i più piccoli a gusti e sapori differenti. I fornitori sono soprattutto toscani e bio, come i produttori della Fierucola in piazza Santo Spirito o l’erboristeria Sugar Blues di Firenze. Nessuno di loro utilizza OGM, fitofarmaci, concimi chimici, mentre vengono usati fertilizzanti organici e la pratica delle rotazioni colturali. L’acqua è oligominerale, i dolcificanti naturali, la cottura al vapore preserva al massimo il valore nutritivo.

Inoltre Babygnam è etico anche nel packaging: tutto il materiale extra-alimentare è riciclabile o compostabile, e anche la consegna viene effettuata a bordo di una bici elettrica. Il vasetto in cui vengono serviti i piatti può essere scaldato a bagnomaria o nel microonde, comodo anche in viaggio o al ristorante.

www.babygnam.com

a cura di Michela Becchi

Pubblicità