Bere ai tempi della crisi. “Basta con gli sprechi”, così l'Eliseo sceglie il vino al bicchiere

19 Mar 2014, 14:37 | a cura di Saverio De Luca
Spending review sulla tavola presidenziale francese. Dopo la vendita all'asta e la scelta di bottiglie più chip , adesso Hollande passa al tappo anti-crisi per non buttar via né vino né denaro.
Pubblicità

Anche l'Eliseo tira la cinghia: dopo l’asta delle più pregiate bottiglie in cantina e il loro rimpiazzo con etichette meno costose, adesso il presidente francese Francois Hollande ha trovato una nuova formula anti-crisi, il vino al bicchiere. Vino bevuto fino all'ultima goccia, insomma, grazie all'utilizzo di alcuni tappi speciali che permetteranno di conservare la bottiglia mezza piena fino al banchetto successivo. Obiettivo? Ridurre a 100 milioni di euro il costo di gestione del Palazzo entro il 2015. Per lo stesso motivo già lo scorso maggio la presidenza aveva messo all'asta 1.200 bottiglie di vino pregiato (tra cui alcuni Petrus del 1990), cioè un decimo della sua cantina, per sostituirle con vini meno costosi e versare il ricavato eccedente della vendita nelle casse dello Stato: totale 300 mila euro. "Crise, oblige", aveva commentato Hollande. Stessa sorte era toccata nel 2011 ai vini della Casa Reale inglese: segno che la crisi non guarda in faccia nessuno. Ma a che punto è la “spending rewine” italiana?

a cura di Loredana Sottile

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X