Chi l’ha detto che le carote sono solo arancioni? Ecco come usare al meglio quelle viola, disponibili in più varietà.
Pubblicità

Cosa sono le carote viola

Carote sì, ma viola. L’orto è colorato, molto più variopinto di quanto tendiamo a pensare: frutta e verdura possono assumere sfumature e sapori diversi, perfetti per arricchire i nostri piatti e renderli ancora più originali, creando contrasti netti o armoniche composizioni. Quindi, perché limitarsi a utilizzare le classiche carote – ora in piena stagione – quando si possono utilizzare ortaggi alternativi, ottenendo anche più benefici per l’organismo? Le carote viola sono caratterizzate da un altissimo contenuto di antiossidanti naturali, sostanze utili per combattere l’invecchiamento cellulare, e si distinguono per la presenza di antociani, i pigmenti che conferiscono loro il peculiare colore scuro. Presentano, poi, tutti i benefici delle carote classiche!

Origine e tipologie delle carote viola

Se la buccia è tendente al viola o al porpora, il cuore della carota è invece arancione o al massimo rosso, a seconda della varietà. Tre le tipologie più diffuse: la Deep Purple, con le radici appuntite e lunga fino a 25 centimetri, la Purple Haze, dal colore porpora scuro e con il centro violetto, e le carote di Polignano, eccellenze made in Italy tipiche della Puglia. Queste ultime sono in realtà carote di più colori, che variano dal giallo tenue al viola scuro, passando per arancione e giallo intenso, e fanno parte dei Presidi Slow Food. Al di là della varietà, la coltivazione delle carote viola risale a più di 5mila anni fa nei territori dell’Afganistan, mentre la loro popolarità in Europa comincia dal XII secolo, con l’intensificazione degli scambi commerciali con i Paesi mediorientali.

Scopri caratteristiche e proprietà dell carote viola

Proprietà delle carote viola

Oltre ad avere un contenuto maggiore di antociani, le carote viola contengono meno zuccheri rispetto a quelle tradizionali e sono dei potenti antiossidanti naturali. Aiutano, inoltre, a ridurre il livello di colesterolo cattivo nel sangue e favoriscono la corretta circolazione sanguigna. Buona la percentuale di vitamine B, C, D ed E, e anche la presenza di sali minerali come potassio, ferro, calcio, fosforo, magnesio e zinco. Indipendentemente dal colore, poi, le carote sono verdure ricche di proprietà, preziose soprattutto durante la stagione estiva per via delle vitamine presenti, che aiutano a mantenere l’abbronzatura e tenere in salute la pelle.

Pubblicità

Come si cucinano le carote viola?

Versatili e dal gusto delicato, queste verdure si prestano a molte ricette, proprio come le carote arancioni classiche. Se si sceglie di servirle come contorno, la cottura in forno è sicuramente la più indicata: il consiglio, come sempre, è quello di lavare bene l’ortaggio e cuocerlo con tutta la buccia, così da preservarne i principi nutritivi ed evitare gli sprechi. Si possono poi cucinare in padella, tagliate a rondelle sottili e rosolate in un tegame con olio extravergine di oliva e uno spicchio d’aglio, allungate con un po’ di brodo vegetale. Naturalmente, nulla vieta di usarle crude, a julienne o dadini, per arricchire insalate e piatti freddi, perfetti soprattutto nella stagione estiva. Proprio come le carote canoniche, poi, il loro gusto dolciastro le rende adatte anche per la preparazione di torte e pasticcini: allora perché non creare dei muffin o una classica torta di carote colorata di viola?

Dove si trovano le carote viola?

Le ricette, quindi, sono molte. Ma dove comprare le verdure? Per chi si trova a Bari e provincia, nessun problema, perché ci sono quelle di Polignano, ma nelle altre regioni è bene cercare nei negozi di ortofrutta più forniti o fra i banchi dei mercati, che spesso riservano piacevoli sorprese. Come sempre, si può fare poi affidamento sulle piattaforme online dedicate al servizio a domicilio di frutta e verdura, ben fornite e il più delle volte con diverse varietà e tipologie di ortaggi a disposizione.

La ricetta: carote viola con composta di mele

Ingredienti

  • 8 carote viola
  • 1 cucchiaio di burro
  • 1 spicchio di aglio
  • Timo q.b.
  • 3 mele

Sbollentare le carote in acqua salata per 1 minuto. Scolarle e metterle in padella intere con un cucchiaio abbondante di burro, aglio e timo. Far cuocere per 5/6 minuti a fuoco lento. Per la composta di mele: Mettere in casseruola le mele coperte e far appassire per una quarantina di minuti. Setacciarle finché sono ancora calde fino a creare una purea. Sistemare le carote nel piatto, spennellare con la purea di mele, polvere di curcuma, sesamo nero e coprire con una spolverata di tonno secco. Collocare a lato una piccola quenelle di composta di mele.

Pubblicità

a cura di Michela Becchi