Meta turistica per italiani e stranieri, il Lago di Como è ormai anche una meta gastronomica. Ecco dove mangiare sul Lago di Como, tra tavole d'hotel, cocktail bar, ristoranti di ricerca.
Pubblicità


LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI THE BEST IN LOMBARDY

Il Lago di Como è tra le mete più amate per i mesi caldi tanto dagli italiani quanto dagli stranieri, e quest’anno la stagione parte di slancio, con la Como Cocktail Week, vero e proprio battesimo dell’estate della località. Così, se sul fronte drink la manifestazione offre un’ampia panoramica dell’offerta della zona, ci siamo chiesti quali sono le esperienze gastronomiche più interessanti  da fare qui. E non sono poche: il lago lombardo si sta trasformando in meta gourmet. Qui, infatti, ci sono alcuni degli indirizzi più interessanti del nostro panorama gastronomico, a partire dal Portico di Paolo Lopriore, che si è trasferito ad Appiano Gentile (che dista un po’ da Como, ma la meta vale il viaggio) nella seconda fase della sua carriera, quella in cui le sperimentazioni più ardite lasciano il posto a un approccio più quieto, che sta rifondando la cucina di tradizione. Siamo andati dunque a scoprire cosa propone il programma estivo di alcune delle più iconiche strutture alberghiere affacciate sul lago. Ecco alcune proposte, tra cocktail, whisky e ristorazione dall’alto profilo da provare quest’estate.

berton al lago

Dove mangiare sul lago di Como: i ristoranti

Berton al Lago

Mangiare bene, ma mangiare sano. Questo pare il mantra che guida la mano dello chef Raffaele Lenzi, in carica al ristorante Berton al Lago, situato nel prestigioso hotel Il Sereno sul Lago di Como. I suoi piatti traggono ispirazione dai viaggi compiuti in giro per il mondo, ma soprattutto dalla dedizione nei confronti di una sana alimentazione, figlia anche della pluriennale collaborazione con una nutrizionista che lo supporta nella scelta degli alimenti, con caratteristiche specifiche, da utilizzare nei suoi piatti. Una cucina vegetale, con un persistente ritorno d’influenza asiatica che affianca la materia prima mediterranea: “credo che l’amore per la cucina vegetale abbia le sue radici nella mia infanzia napoletana, quando durante i pranzi domenicali mia madre non faceva mai mancare 4 /5 tipi diversi di vegetali serviti e cotti diversamente l’un dall’altro” racconta. In tal senso è da non perdere il menu degustazione Radici Tuberi e Vegetali, che vede protagonisti assoluti i frutti della terra, in un costante omaggio alla stagionalità e alla materia prima nella sua essenza più pura e vera

Pubblicità

Torno (CO) – via Torrazza, 10 – 031 5477800 – www.serenohotels.com

Lago di Como ristoranti: L’Aria del Mandarin Oriental
Piatto di bistrot Co.Mo

Mandarin Oriental

Se al Sereno si respira un’aria di pace, al Mandarin Oriental ci si prepara invece per la guerra. Lo splendido resort immerso in un lussureggiante giardino botanico si appresta infatti – per il secondo anno di seguito – a ospitare i grandi nomi della miscelazione nelle Bartenders Battle, in cui il bar manager del CO.MO Bar & Bistrot LucaDeFilippis si scontrerà amichevolmente con alcuni dei bartender italiani più in voga, per creare cocktail originali ispirati ogni sera a uno spirit diverso. Le Battle cominceranno con una sfida “in casa” tra Luca De Filippis e Antonio Rosato, del Mandarin Bar & Bistrot del Mandarin Oriental, Milan. Le serate successive, che dureranno fino al 17 settembre, vedranno Luca confrontarsi con mixologists del calibro di Benji Cavagna del 1930, Marco Torre, del Bar Cavour di Torino, Guglielmo Miriello del Ceresio7, Matteo Di Ienno di Locale Firenze e Gabriele Stillitano, de La Dispensa di Lugano. Ogni Bartenders Battle sarà un’occasione per una serata all’insegna dell’eccellenza della mixology, dell’ospitalità di Mandarin Oriental e del panorama mozzafiato sul lago di Como.

Anche per gli appassionati di cucina ci sono ottime notizie, in quanto è tutto da sperimentare il nuovo corso del ristorante L’Aria che rinasce con una proposta fusion Italia e Giappone di Massimiliano Blasone, e infine per chi amasse le novità, da segnalare anche il ritorno di Masters of Pizza, che ogni lunedì offre agli ospiti la possibilità di scoprire di più sull’arte bianca grazie ai più noti maestri pizzaioli tra cui Raffaele Acampora e Simone Nicolosi, dell’insegna Cocciuto di Milano, Roberta Esposito, Renato Bosco, Diego Vitagliano e Paolo De Simone.

Blevio (CO) – via E. Caronti, 69 – 031 32511 – www.mandarinoriental.it

Pubblicità

villa lario

Villa Làrio

Villa Làrio ha riaperto a inizio aprile, presentandosi al pubblico dopo il restauro del palazzo, una classica villa ottocentesca, in cui tutte le otto nuove suite hanno tutte accesso diretto al molo privato della struttura e alle barche. La proposta ristorativa invece riparte da Michele Tamburrino, executive che qui lavora dal 2017, affiancato dal giovane Alex Visconti. Con Tamburrino, Alex creerà menù stagionali incentrati su soli cinque ingredienti italiani chiave. Per la primavera ad esempio il menu proponeva pistacchio di Bronte, zafferano di L’Aquila, cipolle di Tropea, asparagi bianchi di Bassano e Parmigiano Reggiano come elementi fondanti della proposta. Lavorando con questi ingredienti specifici, Michele e Alex intrecciano metodi tradizionali di cucina italiana radicati nella storia culinaria della regione con modernità e innovazione. Per i mesi estivi e autunnali, verranno selezionati diversi ingredienti stagionali e verrà creato un menu completamente nuovo.

Pognana Lario (CO) – via Giacomo Matteotti, 34 – 031 5375064 – https://www.villalario.com

gran hotel tremezzo

Grand Hotel Tremezzo

Il Grand Hotel Tremezzo annuncia la propria novità della stagione in tema di ristorazione, ovvero la nascita di Giacomo al Lago, in collaborazione con il Gruppo Giacomo Milano. Niente di meglio dell’ iconica spiaggia del Palace per gustare le ricette di pesce che hanno reso Giacomo Milano protagonista della città meneghina. Giacomo al Lago offrirà ai suoi ospiti, in prima linea, il pesce, di mare, freschissimo, dai gamberi rossi di Mazara del Vallo a scampi, saraghi e dentici. A pranzo, i crudi saranno i protagonisti del menu, perfetti per un light lunch a bordo piscina, accompagnati da alcuni grandi classici. La sera, invece la proposta sarà più articolata, arricchita da un’ampia scelta di piatti iconici e da una selezionata carta dei vini, da sempre fiore all’occhiello dei ristoranti del Gruppo Giacomo Milano. “Siamo particolarmente felici di collaborare con il Grand Hotel Tremezzo, con cui condividiamo valori quali l’ospitalità tipicamente italiana e la costante ricerca della qualità” – afferma Cristian Taormina, General Manager del Gruppo Giacomo Milano – “ringraziamo la famiglia De Santis per questa occasione, che per noi rappresenta il primo di una serie di nuovi progetti che stiamo affrontando con grande entusiasmo e passione”.

Tremezzina – via Regina, 8 – 0344 42491 – https://www.grandhoteltremezzo.com/it/home/

Materia Cernobbio

Materia

Davide Caranchini ha poco più di trent’anni ma un curriculum di tutto rispetto nelle cucine in giro per il mondo, da Aspley’s di Heinz Beck a Maze di Gordon Ramsay, da Gavroche di Michel Roux al Noma di René Redzepi. Premiato da Forbes 100 Under 30 come uno dei trenta giovani più talentuosi di Europa poco dopo aver aperto il suo ristorante. Da Materia stupisce con una cucina tecnica, pragmatica, concettuale e al tempo stesso tutta orientata al gusto, in cui fa tesoro delle esperienze passate rielaborandole con personalità e carattere tra contrasti amari-acidi cari a Redzepi d lavoro sul territorio, specie se si tratta di pesci d’acqua dolce, anche se di fatto interpreta benissimo pure la carne e i vegetali: frutta, verdura, erbe e fiori eduli che raccoglie dalla serra personale e che finiscono per diventare parte integrante dei piatti. Anche di quelli del nuovo locale che aprirà nei prossimi mesi a un passo dal primo.

Cernobbio (CO) – via Cinque Giornate, 32 – 031 2075548 – www.ristorantemateria.it

I migliori ristoranti da provare sul Lago di Como: Mistral del Grand Hotel Villa Serbelloni

Mistral del Grand Hotel Villa Serbelloni

In un contesto spettacolare e curatissimo quale Villa Serbelloni, una buona cucina di routine, gustosa e corretta, sarebbe sufficiente per conquistare applausi. Invece Ettore Bocchia prosegue la sua ricerca sul prodotto in Italia e all’estero, visto che è un instancabile viaggiatore e sfrutta sempre i mesi di chiusura dell’hotel per controllare i fornitori e trovarne di nuovi. Dal suo continuo lavoro escono piatti dove la classicità (francese, in primis) non è mai esercizio di stile o tocco vintage, ma al contrario esalta il gusto di un pesce persico, di un granciporro, di un’anatra. L’hotel dispone anche del ristorante La Goletta, decisamente più informale.

Bellagio (CO) – via Roma, 1 – 031 956435 – www.ristorante-mistral.com

I migliori ristoranti da provare sul Lago di Como: Alle Darsene di Loppia

Alle Darsene di Loppia

Posizione estremamente piacevole, soprattutto durante la bella stagione, quando si può sostare all’aperto in un uno dei tavoli sotto il pergolato, allestito proprio ai margini del porticciolo di Loppia. Ma non è soltanto questo. Perché, anche accomodandosi negli accoglienti ambienti interni, è la proposta, radicata nel territorio e ben articolata tra piatti di terra e di pesce, sia di lago che di mare, ad essere convincente: gustosa e rilassante, mai banale.

Bellagio (CO) – via Melzi d’Eril – 031 952069 – https://www.ristorantedarsenediloppia.com/it/ 

I migliori ristoranti da provare sul Lago di Como: I Tigli in Theoria

I Tigli in Theoria

La suggestiva location è quella del Palazzo del Vescovo, storico edificio eretto nel 1466 tra lago e duomo per volontà vescovile. E gli ambienti interni, eleganti e curati, non tradiscono l’importanza della cornice. Si può bere un drink al lounge bar o riservare una delle quattro stube ai piani superiori, oppure si può mangiare nella grande e affascinante sala o nel delizioso cortile. La proposta si attesta su ottimi livelli, grazie alle mani sapienti dello chef Franco Caffara, con una proposta in cui mare e terra si alternano (sia nella carta, sia nei due degustazione: TerraMare a 147€ e Breve a 109€) spaziando con raffinatezza tra l’Insalatina di calamaretti spillo, vongole veraci, limone, pomodori canditi, piselli, acqua di vongole, aria di prezzemolo, il Risotto vegetale al sapore di ostrica, e poi Sovrana di piccione, patè di fegatini, sedano rapa, pomodoro fermentato  o Rosa di foie gras, ciliegie, dragoncello e riduzione di cherry.

Como – via Bianchi Giovini, 41 – 031 305272 – www.theoriagallery.it

I migliori ristoranti da provare sul Lago di Como: Kitchen Como

Kitchen Como

Il gourmet nel parco dello Sheraton Hotel resta un approdo sicuro per una cena suggestiva e senza strappi. In regia il giovane Andrea Casali, che si destreggia bene sui due menu degustazione, Green (65€, disponibile anche in versione vegan) e L’Italia secondo noi (90€). Ma potete anche scegliere dalla carta dove ci sono proposte sia di terra che di mare, come crudo di gamberi rossi, mandorla, asparago di mare e limone, Petto d’anatra, rabarbaro, ribes e pannocchie baby, Spaghettone “Monograno Felicetti” allo zafferano, capesante in crudo, burro acido e alloro o il coniglio di Carmagnola confit con spuma di patate al tè affumicato e chips vegetali. Bella l’idea di proporre l’aperitivo con le tapas dello chef.

Como – via per Cernobbio, 41a – 031 516460 – www.kitchencomo.com

Feel Como - Lago di Como ristoranti

Feel Como

In pieno centro storico, fra le strette vie della città murata, Feel è un piccolo e curato locale, regno dello chef Federico Beretta e la manager sommelier Elisa Forlanelli. Qui lo chef porta avanti la sua cucina di prossimità, dove protagonisti sono i prodotti del territorio – pesce di lago in testa – con piatti come lo storione tonnè, salmerino ai frutti rossi, la carpa accompagnata da sedano bianco, riso in cagnone al pesce persico, germano reale selvaggio, il salmerino alpino o l’anguilla al bbq.

Como – via Diaz 54, Como – 334 7264545 – www.feelcomo.com

 

Se ancora avete voglia di cocktail

Whisky Week

Se l’estate inizia con una settimana dedicata ai cocktail, quale miglior finale se non una dedicata agli assaggi dei migliori whisky provenienti da Scozia, Irlanda, Stati Uniti, Giappone e Italia? Il team di Whisky Club Italia (realtà da oltre 16mila iscritti, il più grande whisky club italiano) organizzerà infatti proprio a Como il primo di una serie di incontri itineranti che toccheranno nei prossimi mesi le tantissime città italiane in cui si annidano appassionati del nobile distillato. La settimana coinvolgerà i principali bar, ristoranti e hotel comaschi, e culminerà domenica 29 agosto presso Villa Revel Parravicini, dalle 12 alle 22. L’idea è quella di una salutare scampagnata in riva al lago visto che le stazioni ferroviarie sono a soli 10-15 minuti di camminata dalla location, e rendendo così il tutto raggiungibile in treno partendo dalle principali città della Lombardia. Le degustazioni si terranno in villa, ma anche in aria (su un elicottero) e in acqua (a bordo di un motoscafo). Dalle 12 alle 22 di domenica, ai banchi con numerosi assaggi di whisky si affiancheranno un’area food dove pranzare, fare merenda o cenare e un angolo miscelazione dove si alterneranno i bartender professionisti del Lago. Nell’angolo fumo lento a cura dello 035 Cigar Club sarà possibile sperimentare abbinamenti tra whisky e sigaro.

 

a cura di Federico Silvio Bellanca

foto di apertura di Stefano Borghesi