Dal classico e internazionale binomio Croque-Madame/Monsieur alla più italiana pizza rossa, passando per pancakes e il salutistico yogurt e granola. 4 ricette per una colazione salata.
Pubblicità

Nell’Italia colpita dal Covid, anche il primo appuntamento del mattino, la colazione, cambia volto. Vietate quasi ovunque le soste al bar, si riscopre il piacere di una buona colazione domestica in casa, spesso con ritmi meno frenetici favoriti dallo smart working. Chi non vuole rinunciare al lievitato, cornetto o brioche che sia, può rivolgersi a bar e pasticcerie operative con i servizi di take away o delivery, soprattutto nelle maggiori città come Roma e  Milano (e non solo), ma tra le quattro mura domestiche le alternative non mancano.

Casalinga, salutista, esotica, regionale: le mille varianti della colazione

Che sia con le classiche fette biscottate (qui la classifica delle migliori in commercio) spalmante di marmellate o confetture di fragola o altri frutti, o con un buon ciambellone fatto in casa, l’appuntamento con la prima colazione è irrinunciabile e spesso diventa il momento per sperimentare qualche variante seguendo la gola, l’estro o le esigenze del momento e senza porre limiti alla fantasia. Basta affacciarsi fuori dai nostri confini, infatti, per scoprire come il primo pasto della giornata sia molto più vario di quello che le nostre abitudini ci suggeriscono: dal naan indiano al porridge inglese, ogni paese ha le sue tradizioni, anche a colazione, così come ogni regione.

La colazione salata

Per tutti quelli che – per gusti o necessità – non vogliono cominciare la giornata con un pasto dolce, abbiamo selezionato 4 ricette per una colazione salata d’autore. Healty, confort, opulenta, comunque ideale per cominciare con il piede giusto la giornata.

Pubblicità
yogurt con granola salata onest

Yogurt con verdure e granola salata – O|nest

Il locale di Lea Pedrinella (in cucina) e Lorenza Licciardello (in sala e responsabile della cantina) è uno spazio dinamico: enoteca con cucina, bistrot, caffetteria, secret garden e spazio pensato per l’incontro e la condivisione. E ovviamente anche take away e delivery, per ogni momento della giornata, una proposta variegata che include anche frutta, verdura, salumi, vini e birre.

O|nest – Milano – via Gerolamo Turroni, 2 – 351 857 8998 – https://www.onestmilano.com/  

Granola salata

  • 200 g. di avena
  • 20 g. di nocciole
  • 20 g. di mandorle
  • 20 g. di semi di girasole
  • 10 g. di semi di lino
  • 20 g. di anacardi
  • 30 g. di pomodori secchi
  • 1 ciuffo di finocchietto selvatico
  • 20 g. di olio evo
  • 1/2 bicchiere H2o
  • sale
  • pepe

Mescolare tutti gli ingredienti insieme in una bastardella fino a quando il tutto è umido. Stendere il composto in una teglia – mettendo sotto della carta forno – creando uno spessore di un dito.
Mettere nel forno già caldo e ventilato a 155 gradi per 15 minuti. Se c’è la funzione vapore attivarla
Una volta finita la cottura lasciare raffreddare per far sì che la granola si secchi.

Pubblicità

Si può conservare in un contenitore ermetico in luogo fresco e asciutto per più di un mese.

Purea di verdure

  • 1 zucca delica
  • salvia
  • 1/2 lime
  • pepe
  • sale

Tagliare la zucca in 8 fette, metterla in una teglia con della carta forno. Aggiungere olio, sale e pepe e infornare a 160 gradi per 25 minuti. Se c’è la funzione vapore attivarla.
Lasciare raffreddare la zucca e, con l’auto di un cucchiaio togliere la polpa e riporla in una bastardella per poterla frullare con della savia fresca e mezzo lime.
Ovviamente la verdura può essere sostituita con qualsiasi verdura di stagione.

Comporre la colazione salata
In un bicchiere a fondo largo mettere la purea di zucca, aggiungere lo yogurt, guarnire con la granola salata e condire con un filo di olio e pepe.

croque-madame DItta Artigianale

Croque-Madame/Monsieur – Ditta Artigianale

Con le sue due sedi, una a via de’ Neri e l’altra Oltrarno, Ditta Artigianale di Francesco Sanapo è uno dei punti di riferimento per gli specialty coffee. Ma oltre alla splendida selezione di monorigine con varie estrazioni, offre anche una cucina gustosa e divertente che si declina nei diversi momenti della giornata. Anche in versione take away.

Ditta Artigianale | Firenze | via de’ Neri, 32 R | tel. 0552741541 | www.dittaartigianale.it/it/catalogo.aspx

Ditta Artigianale Oltrarno | Firenze | via dello Sprone, 3

Per 4 persone

  • 8 fette di pancarrè
  • 160 g. di prosciutto cotto
  • 240 g. di emmental o edamer (12 fette)
  • 200 g. di besciamella
  • 4 uova
  • burro o olio (per friggere le uova)

Spalmare la besciamella su tutte le otto fette di pane, quindi adagiare su quattro il prosciutto affettato, ricoprendolo con una fetta di formaggio, mentre su ciascuna delle altre quattro fette di pane adagiare due fette di formaggio.
Predisporre su una teglia ricoperta di carta forno le fette di pancarrè con il prosciutto e infornare in forno preriscaldato a 200 °C.
Dopo un paio di minuti, quando il formaggio inizia a fondersi, togliere la teglia e appoggiare le fette di pane con il formaggio su quelle con il prosciutto ottenendo così quattro panini.
Infornare nuovamente, portando a conclusione la cottura, che terminerà quando i panini avranno raggiunto una gradevole doratura (circa 6-7min.)
Nel frattempo preparare 4 uova a occhio di bue che trasformeranno i nostri Croque-Monsieur in Croque-Madame.
Una volta sfornati adagiare le uova sui panini, quindi aggiustare di sale e pepe e servire subito.

Per arricchire il piatto possiamo accompagnarlo con dell’insalata verde e/o delle fette di avocado.

Per preparare la besciamella

  • 250 ml. di latte fresco intero
  • 15 g. di burro
  • 15 g. di farina
  • sale e noce moscata q.b.

In un pentolino sciogliere il burro a fuoco dolce. Aggiungere la farina e mescolare per due minuti circa (attenzione: non deve cambiare colore) Aggiungere il latte freddo e portare a ebollizione senza mai smettere di mescolare. Cuocere circa 3-4 minuti da quando il latte comincia a sobbollire; aggiungere il sale e la noce moscata. Togliere dal fuoco e far raffreddare la salsa, mescolando tanto in tanto.

pancakes salati Ornella De Felice Coromandel

Pancakes con uova strapazzate e bacon  – Coromandel

Il locale di Katia Minniti è una vera bomboniera: piccolo, raccolto, accogliente. Nel centro storico capitolino, è famosa per l’atmosfera originale, vagamente retrò, i molti dettagli e la cucina di Ornella De Felice. Tra le proposte più apprezzate: la colazione, davvero notevole.

Per 4 persone

  • 500 g. di farina
  • 6 uova intere
  • 200 g. di latte
  • 60 g. di burro fuso
  • 60 g. di zucchero
  • 15 g. di baking
  • 1 pizzico di sale

Per la farcitura

  • 3 uova a persona
  • 50 g. di panna
  • Sale
  • 3 fette di bacon

Montare le uova con lo zucchero, aggiungere il latte, il burro fuso e la farina mescolata con il baking e il sale.
Cuocere le frittelle in una padella antiaderente, 3 minuti per parte.
Sbattere le uova in una ciotola con la panna e il sale e cuocere il una padella calda con poco olio. Mentre cuociono, muovere in continuazione con una spatola finché sono cotte ma morbide.
Nel frattempo, in una padella antiaderente molto calda cuocere le fette di bacon finché sono croccanti
Impilare le frittelle e innaffiare con sciroppo d’acero secondo il gusto.
Accompagnare con le uova e il bacon

Coromandel – Roma – via di Monte Giordano, 60 – 06 68802461 – www.coromandel.it

pizza rossa forno brisa

Pizza rossa – Forno Brisa

Nato come un forno, Brisa sta diventando una galassia sempre più articolata. Dal pane alla pizza, il passo è stato breve, ma poi sono arrivati i caffè  (e che caffè) a completare l’offerta che non smette però mai di avere al centro di tutto l’arte bianca.

Forno Brisa – Bologna – via Galliera, 34 d- 051 248556 – www.facebook.com/fornobrisa/?fref=ts

Rinfresco della madre e preparazione del lievito

  • 200 g. di farina di grano tenero tipo 2
  • 200 g. di acqua

Prendere la pasta madre dal frigorifero, in una ciotola da 25 cm mettere: 50 g di pasta madre, solo la parte nel cuore del barattolo, scartando il cappello e il fondo), 50 g di farina di grano tenero tipo 2, 50gr d’acqua a temperatura 40°; mescolare il tutto con un cucchiaio finché l’impasto sarà più o meno omogeneo, lasciar riposare a temperatura ambiente per 4 ore, nella ciotola coperta.

Dare un’altra carica di energia al lievito prima di fare la pizza: prendere una nuova ciotola e metterci dentro: tutta la madre lievitata nelle 4 ore prima, 150 g. di farina di grano tenero tipo 2, 150 g. di d’acqua a temperatura di 30°, mescolare il tutto con un cucchiaio finché l’impasto sarà più o meno omogeneo, prendere un barattolo di vetro vuoto e mettirci dentro 150g di madre, lasciarlo 1 ora a temperatura ambiente poi metterlo in frigorifero per la prossima volta, chiudendolo con un coperchio non ermetico, lasciar riposare il resto della madre nella ciotola a temperatura ambiente per 4 ore, poi ci siamo!

Preparazione della pizza

  • 500 g. di farina di grano tenero tipo 1
  • 500 g. di farine miscuglio di grani teneri
  • 750 g. di acqua
  • 50 g. di lievito madre
  • 30 g. di olio extra vergine di oliva
  • 20 g. di sale
  • Passata di pomodoro

In una ciotola versare tutte le farine e l’acqua a 30° mescolare col cucchiaio grossolanamente lasciando la farina e l’acqua stringere un legame e poi riposare per 30 meritati minuti.
Nella ciotola aggiungere tutto il sale, la rimanente acqua un po’ alla volta mentre si impasta col cucchiaio, poi a filo aggiungerre l’olio mentre si continua ad impastare, finché l’impasto sarà omogeneo e morbido.
Prendere l’altra ciotola, ungerla con un filo d’olio, rovesciarci dentro l’impasto, coprirlo con della pellicola e metterlo a lievitare per 6 ore nel forno spento, con sportello chiuso. Nel forno mettere anche una ciotola con dell’acqua calda, per creare una cella di lievitazione casalinga.
Porzionare l’impasto facendo le palline, per calcolare di che peso farle noi seguiamo questa formula matematica: misura del lato della teglia per la misura dell’altro lato, diviso 2. Esempio: 44cm × 35cm ÷ 2 = 770gr. Poi se vuoi la pizza più alta aumenta un pò il peso.
Mettere ogni pallina in una ciotola oliata, coprirla con un canovaccio e lasciarla lievitare per 2 ore a temperatura ambiente. In queste 2 ore preparare e cucinare i condimenti per la pizza.
Dopo 1 ora accendere il forno a 250°. Finite le 2 ore di lievitazione, cospargere con un po’ di farina un tavolo e capovolgere la ciotola con dentro la pallina sul tavolo, schiacciare con le dita la pallina e stenderla. Prendere la teglia e ungerla omogeneamente con dell’olio, mettere l’impasto steso nella teglia e completa la stesura. Spalmare la passata di pomodoro, precedentemente salata, sulla pizza.
Infornare la teglia nella parte più bassa del forno per 15 minuti, poi spostarla nella parte centrale del forno, dopo altri 10 minuti controllare se la pizza è cotta. Sfornare e profumare con origano.

a cura di Antonella De Santis

Leggi tutti gli articoli sulla colazione in Italia e nel mondo