Ottanta protagonisti della cultura gastronomica made in Italy ospiti per tre giorni negli spazi del Bastille Design Center allestiti per l'occasione da Philippe Model; un mercato delle eccellenze, tavole rotonde, show cooking, cene speciali, grandi chef e laboratori per famiglie. Ecco Cultur-Al.
Pubblicità

Un palcoscenico d’eccezione per i piccoli produttori italiani

È il Festival della Cultura Alimentare. Quella Italiana. Ma si svolgerà a Parigi dal 25 al 27 aprile, accolto nello spazio suggestivo del Bastille Design Center, l’edificio industriale realizzato nel XIX secolo e per l’occasione fruibile nell’allestimento ideato dal designer Philippe Model. L’appuntamento con Cultur-Al 2015 porta nella capitale francese – croce e delizia per la sana rivalità con il Belpaese, giocata anche sul piano gastronomico – ottanta rappresentanti illustri della tradizione italiana, tra chef, produttori, pizzaioli, pasticceri, panificatori, sommelier.
L’idea è venuta lo scorso anno a Mauro Bochicchio, direttore del progetto che già taglia il traguardo della seconda edizione, dopo il primo battesimo nel 2014.
E l’obiettivo è quello di sostenere i piccoli produttori (Sabadì, Molino Quaglia, Pastificio Gentile, per citarne alcuni), coinvolgendoli in una rete di scambio, occasione di crescita e vetrina al tempo stesso; uno spot per la biodiversità e la filiera di qualità italiana. Non a caso, le realtà coinvolte rappresentano un’Italia di imprese artigianali medio-piccole che preservano il valore del settore alimentare su tutto il territorio nazionale e si affacciano su un importante palcoscenico internazionale come sa essere Parigi.

Il programma e gli chef ospiti

Pubblicità

Le tre giornate presenteranno così al pubblico francese il meglio della produzione gastronomica italiana, coinvolgendolo anche in un ricco programma di laboratori, show cooking e tavole rotonde. Sullo sfondo, il filo conduttore della dieta mediterranea che esporta nel mondo i valori della sana alimentazione, che si esprime anche attraverso la sostenibilità ambientale, il rispetto degli ecosistemi territoriali, della stagionalità e delle identità culturali.
Il percorso espositivo – su tre piani – sarà suddiviso in aree tematiche, che accoglieranno di volta in volta gli ospiti della manifestazione, dagli chef più noti (tra gli altri Anthony Genovese, Pino Cuttaia, Luca Abbruzzino, Piergiorgio Parini, Simone Tondo, Eugenio Boer, Bruno Verjus) ai pizzaioli gourmet comeSimone Padoan e Ciro Salvo, introdotti da esperti del settore (Enzo Vizzari, Francesca Barberini, Fiammetta Fadda, Eugenio Mailler, Laura Zavan, Alba Pezone, Carla Diamanti).
Tra gli eventi più attesi le cene organizzate presso due prestigiosi ristoranti parigini: il Cafè Artcurial e L’Assaggio presso l’Hotel Castille. Domenica 26, invece, appuntamento per tutta la famiglia con gli atelier di iniziazione al gusto per piccoli gourmet, che culmineranno con un Dejeuner all’italiana.
Presso il mercato delle eccellenze sarà possibile acquistare le specialità dei produttori, uno selezione di etichette italiane e le migliori proposte dell’editoria gastronomica.

Cultur-Al 2015 | Bastille Design Center, Parigi | dal 25 al 27 aprile | www.culturalfestival.eu