La manifestazione promossa da Terre di Mezzo si concentra sulla sostenibilità a 360 gradi, proponendo soluzioni possibili per mangiare, vestirsi, abitare e vivere a basso impatto ambientale e condividendo le risorse. Tanti laboratori, alimentazione biologica e cruelty free, lotta allo spreco e prodotti solidali.
Pubblicità

C’è lo show cooking sulla cucina crudista, le lezioni su come scegliere varietà di pesce poco note per tutelare l’ecosostenibilità marina, ma anche il più originale laboratorio di cucina al buio, guidati da una chef esperta nella preparazione di piatti senza l’uso della vista. E sempre nel buio della roulotte Dark on the road si potrà gustare un caffè nella più totale oscurità, serviti da camerieri ipovedenti. Ma le attività gastronomiche rappresentano solo una piccola parte dell’universo presentato da Fa’ la cosa giusta, fiera nazionale del consumo critico e degli stili di vita sostenibili.
La manifestazione ospitata dal 13 al 15 marzo nei padiglioni di Fieramilanocity, torna per il dodicesimo anno nel capoluogo lombardo (nata da un’idea della casa editrice Terre di Mezzo, e poi cresciuta di pari passo con l’ascesa del concetto di sostenibilità), confermandosi un appuntamento importante per il settore dell’economia solidale. Anche l’edizione 2015 proverà a introdurre i visitatori in una città nella città proponendo un mondo di alternative possibili attraverso stand, botteghe artigiane, laboratori, ristoranti, spettacoli e incontri: tra gli espositori, ampio spazio per l’alimentazione biologica, a chilometro zero e cruelty free, ad affiancare la moda etica, le soluzioni abitative a basso impatto, i giochi sostenibili per l’infanzia, i prodotti del commercio equosolidale.
Quest’anno una sezione speciale sarà dedicata all’autoproduzione, pratica sempre più diffusa e già fenomeno di tendenza. Così, in ambito gastronomico, un focus sarà incentrato sulla panificazione casalinga con la pasta madre, un altro – più di nicchia – sulla produzione di siero di kefir; ma anche i bambini saranno coinvolti a partecipare attivamente, con i laboratori di trasformazione del latte in formaggio, le merende sane e indicate per le intolleranza, la preparazione della pasta fresca (seguiti da Slowfoodkids).
E largo anche alla sharing economy, che applicata al settore alimentare si esprime attraverso piattaforme di condivisione del cibo, gruppi d’acquisto e progetti destinati alla riduzione dello spreco.

Fa’ la cosa giusta | Fieramilanocity, padiglioni 2 e 4, viale Lodovico Scarampo, Gate 8, Milano | dal 13 al 15 marzo | ingresso 7 euro | Per il programma completo http://falacosagiusta.terre.it/