Dall'Orto di Guerra allo sguardo di una bambina mentre assiste alla preparazione delle orecchiette. Sono rigorosamente in bianco e nero le foto, pubblicate sulla pagina Facebook di Gambero Rosso, che ritraggono scene di vita quotidiana di un'Italia scomparsa. Laboriosa e amante del cibo. Una collaborazione con Cinecittà Luce
Pubblicità

Sono volti per lo più anonimi, ma si riferiscono ai veri protagonisti che hanno contribuito a formare le eccellenze che dai piatti di tutto il mondo sono ambasciatrici di tradizione, cultura e genuinità tutta italiana. Si tratta di momenti rubati dai fotografi dell’Istituto Luce e ritraggono attimi significativi della vita di tutti i giorni. Noi le stiamo pubblicando sulla nostra pagina Facebook in modo da mantenere saldo il filo che ci lega al passato. Un passato fatto di tradizioni e laboriosità. In cui il cibo non era solo spettacolo, ma un vero e proprio momento di condivisione. Le donne del paese si radunavano intorno al tavolo per impastare e fare le orecchiette, tanto per citare un esempio, e al contempo educavano i figli, trasmettevano segreti e tecniche, si confrontavano tra loro. E questo prima di sedersi a mangiare. Perché il cibo nasce prima di finire nel piatto, già cotto e fumante e porta con se le storie di chi l’ha preparato. E poi ancora l’Orto di Guerra, cose che in pochi ricordano, ma che hanno permesso, durante i momenti più cupi della guerra, di portare qualcosa sulle tavole svuotate delle città martoriate dal conflitto. Tutto questo e molto ancora, perché, per capire dove stiamo andando, è necessario aver ben presente da dove veniamo.L’iniziativa, che tutti possono seguire cliccando ‘mi piace’ sulla nostra pagina Facebook (che in questi giorni di festività ha doppiato gli 80mila like), nasce da una collaborazione tra Cinecittà Luce e Gambero Rosso.

www.cinecittashop.it