Il Culatello espugna Londra al Great Taste 2014. È il più apprezzato tra i salumi stagionati

6 Ott 2014, 16:14 | a cura di Livia Montagnoli
Il Culatello di Zibello Dop 24 mesi del salumificio Podere Cadassa di Colorno si aggiudica l’ambito riconoscimento annuale assegnato dal Guild of Fine Food di Londra alle specialità gastronomiche. A decretarne il successo una giuria di 400 fra giornalisti, gourmet e esperti gastronomi conquistati dal gusto dell’insaccato legato alla tradizione parmigiana, già menzionato in un testo del 1735 e ricavato lavorando la parte alta e posteriore della coscia del maiale.
Pubblicità

Non si può dire di aver incontrato veramente la gastronomia di Parma, se non si è conosciuto il culatello. Un salume dagli aromi e dai profumi celestiali con tanta storia, che raggiunge le tavole più ricercate del mondo, conquistando i palati dei gourmet più esigenti, ed è ormai alla ribalta dei palcoscenici enogastronomici globali. Una reputazione confermata dal brillante risultato conseguito da un’azienda del comprensorio che conquista un importante riconoscimento internazionale, blasone di cui è l’intero territorio a beneficiare.
Stiamo parlando del Great Taste 2014, appena consegnato al salumificio Podere Cadassa di Colorno. L’azienda artigianale parmense ha ottenuto a Londra il punteggio più alto del prestigioso riconoscimento, nella categoria “salumi stagionati”. Podere Cadassa ha saputo affermarsi, con il Culatello di Zibello Dop 24 mesi, entrando nell'Olimpo del Great Taste 2014, un rinomato premio annuale dedicato alle specialità enogastronomiche, organizzato dal Guild of Fine Food di Londra. Una sorta di Oscar internazionale del cibo, nel quale, una giuria composta da 400 fra giornalisti, gourmet, ed esperti di Food si sono cimentati nell’assaggiare i migliori prodotti giunti in finale al Great Taste 2014, decretando un’esclusiva classifica, e portando l’azienda di Colorno (PR) sul podio più alto.
Dietro a questo importante successo ci sono Marco Pizzigoni ed Enrico Bergonzi saldamente al timone del salumificio Podere Cadassa, una realtà produttiva artigianale nel cuore della Bassa, che produce i salumi della secolare tradizione parmigiana dal 1780, anno di nascita della storica trattoria di famiglia ”Al Vedel”, e il primato dell'arte dei Culatelli.
Considerato il re dei salumi, è il più aristocratico e raffinato tra gli insaccati ed esprime un’eccezionale prelibatezza. La sua storia ci porta almeno fino al 1735, quando il culatello è menzionato nel "Calmiero della carne porcina salata", un documento del Comune di Parma che regimentava le quotazioni degli insaccati. Si ricava lavorando la parte alta e posteriore della coscia del maiale macellato a un’età di 14 mesi, e allevato in provincia di Parma nei Comuni di Zibello, San Secondo, Busseto, Colorno, Polesine, Roccabianca, Sissa e Soragna, con prodotti naturali come siero, granone, orzo e crusca, stagionando il muscolo posteriore della coscia dagli 11 mesi fino ai 24 e anche molto oltre. Grande interesse e curiosità ha suscitato nel pubblico londinese e negli addetti ai lavori il Culatello di Zibello, Podere Cadassa, bandiera del made in Parma. L’importante riconoscimento conferma la qualità dei risultati ottenuti dall’azienda colornese, che esporta in Canada, Sud America, Inghilterra, e ora dopo il prestigioso riconoscimento, potrà ulteriormente affermarsi nei mercati internazionali.

A cura di Luca Bonacini

cross linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X