Dal '93 a oggi illycaffè, torrefazione simbolo dell'oro nero italiano, ha contribuito alla diffusione della cultura dell'espresso in Italia e nel mondo attraverso diverse iniziative. Fra le tante, vogliamo ricordare, in occasione del suo 25esimo anniversario, quella legata al mondo dell'arte. Intanto, nel settore della ristorazione, nasce una nuova miscela pensata appositamente per gli chef.

Pubblicità

illycaffè: una storia lunga 84 anni

Qualità delle materie prime e gusto estetico sono gli elementi che da sempre contraddistinguono il marchio illy, colosso del caffè che negli anni ha contribuito alla diffusione della cultura dell’espresso italiano nel mondo attraverso una serie di progetti innovativi. Lavorando con cura e costanza sulle miscele, proponendo nuovi prodotti e iniziative, da quella formativa con la nascita, ben 18 anni fa, dell’Università del Caffè, all’internazionalizzazione del brand con la creazione di 25 filiali estere situate nei principali mercati del momento. 84 anni di storia, un percorso costellato di successi e nuove idee, come l’ultimo flagship store a Montenapoleone a Milano, e la collaborazione con il creativo e designer israeliano Ron Arad, che per l’azienda triestina del caffè ha firmato la nuova Art Collection, una linea di tazzine d’autore che è stata presentata al pubblico proprio in occasione dell’inaugurazione meneghina.

 

illy, Montenapoleone

25 anni di Art Collection

Nel frattempo, la storica prima gamma della illy Art Collection celebra il suo 25esimo anniversario. Un progetto nato per coniugare il piacere sensoriale del caffè a quello estetico dell’arte, che ha completamente ripensato uno degli oggetti di uso quotidiano più comuni, la tazzina. Era il ’92 quando Francesco Illy chiese a Matteo Thun di disegnare la superficie della tazza di porcellana: da allora, oltre 100 esponenti del panorama internazionale dell’arte contemporanea sono stati coinvolti per riprogettare l’icona di illycaffè, da Michelangelo Pistoletto a Marina Abramović, da Sandro Chia a Julian Schnabel, da Robert Rauschenberg a Jeff Koons, da Joseph Kosuth a James Rosenquist. Oltre ai grandi artisti di fama internazionale, anche i giovani talenti emergenti si sono potuti esprimere grazie all’iniziativa della torrefazione, che ha dato loro la possibilità di farsi conoscere al grande pubblico. Set di tazze per espresso e cappuccino con tazzine singole contraddistinte per tirature speciali: questo il risultato dell’Art Collection, che dal 2006 si è estesa anche ai barattoli d’autore. Per festeggiare i 25 anni del progetto, l’azienda accoglierà tanti ospiti il 9 maggio presso i Magazzini del Sale di Venezia.

Pubblicità

 

tazzine

Il caffè su misura per gli chef

E mentre in Laguna fervono i preparativi per i festeggiamenti, nei giorni scorsi, durante Taste of Milano, Giancarlo Morelli, Claudio Sadler e Luigi Taglienti hanno presentato in anteprima il loro illy Personal Blend. Una miscela studiata su misura, un taglio sartoriale che illy ha pensato appositamente per e con i cuochi, una variazione sul tema del blend unico illy, a partire dai 9 elementi che lo compongono, e che verrà proposta all’interno del ristorante di ognuno. Protagonisti del progetto sono anche Viki Geunes, Antonia Kulgman, Guy Martin e Niko Romito. “Il nostro intento”, spiega Andrea Illy, presidente della torrefazione, “è quello di valorizzare la loro attitudine al gusto, creando con i maestri dell’alta cucina un prodotto che, in un’ottica di qualità assoluta, associ creatività e tecnologia, senza ‘tradire’ l’idea del blend unico”. Il Personal Blender è, infatti, una macchina brevettata da illy con cui chef e personale addetto possono combinare i 9 ingredienti della miscela in quantità e proporzioni differenti. “In questo progetto”, conclude Massimiliano Pogliani, Amministratore Delegato di illycaffè, “l’esperienza nella selezione dei migliori caffè arabica al mondo, contraddistinta da una filiera controllata e un processo di tostatura unico, rimane la base di queste miscele tailor-made; mentre la componente del blending è affidata alla sensibilità e alla competenza in tema di gusto degli chef, accompagnati in questo percorso di scoperta e creazione dall’attenta guida dei nostri esperti dell’Università del caffè”. Un nuovo inizio che dimostra ancora una volta la dedizione e la passione di un’industria che, nonostante i grandi numeri, si mette in gioco ripensando la propria specialità della casa e adattandola alle cucine più innovative del momento, senza però snaturarla.

a cura di Michela Becchi