Il Premio tende a valorizzare e a diffondere, anche nell’ottica degli obiettivi di Expo 2015, le opere e le pubblicazioni che meglio descrivono l’apporto del patrimonio enogastronomico allo sviluppo economico, culturale e turistico dei territori italiani.
Pubblicità

Il Premio Nazionale l’Italia delle Tipicità giunge alla seconda edizione. Bandito da Associazione Italiana del Libro e Res Tipica, la rete delle città di identità aderente all’Associazione nazionale dei comuni italiani (ANCI), si rivolge ad autori, giornalisti, studiosi, case editrici, istituti scolastici, universitari e di ricerca, aziende, associazioni culturali, enti pubblici e privati. Quattro le sezioni che comprendono le opere edite, quelle inedite, le istituzionali e la sezione opere inedite riservate alle scuole. Si concorre con libri, pubblicazioni, saggi, ricerche o articoli in lingua italiana. L’obiettivo è dare visibilità alle grandi potenzialità dell’agroalimentare italiano e a come possano essere spese per sostenere lo sviluppo economico, culturale e turistico dell’Italia. Sempre più spesso si parla di turismo enogastronomico e di agroalimentare come unici settori che, in contro tendenza rispetto a quanto avviene nel resto d’Europa, registrano dati in crescita costante. Il Premio Nazionale l’Italia delle Tipicità intende valorizzare, premiandole, le migliori opere di divulgazione, che siano articoli giornalistici, saggi o addirittura interi libri che trattino questi argomenti. Per presentare le proprie opere al concorso c’è tempo fino al 31 ottobre 2014 (31 dicembre 2014 per le scuole). Inoltre è possibile partecipare a più sezioni e con più pubblicazioni. Ecco nel dettaglio le opere ammesse al concorso:
sezione opere edite: libri, articoli giornalistici, ricerche e pubblicazioni edite nel triennio 2012-2014. Sono ammesse anche opere non ancora materialmente stampate purché la loro pubblicazione avvenga entro il 31 dicembre 2014. Rientrano tra le opere edite anche quelle autopubblicate o pubblicate soltanto in formato elettronico o digitale. Nel caso degli articoli giornalistici occorre presentarne da un minimo di 3 ad un massimo di 5.
sezione opere istituzionali: libri, pubblicazioni e materiali di qualsiasi tipologia, di carattere istituzionale o promozionale, pubblicati in formato cartaceo o elettronico e disponibili alla data del 31 ottobre 2014;
sezione opere inedite: saggi, articoli, ricerche non ancora pubblicate. La lunghezza massima di tali opere non deve superare le 50.000 battute (spazi inclusi);
sezione opere inedite riservate alle scuole: saggi, articoli e ricerche inviate direttamente dagli studenti o selezionate dal personale insegnante sul tema di Expo 2015: “Nutrire il pianeta. Energia per la Vita”. La lunghezza massima di tali opere non deve superare le 50.000 battute (spazi inclusi). Questa sezione è riservata agli istituti di istruzione di secondo grado (scuole medie e superiori). Sono ammesse ricerche ed opere collettive realizzate in classe.
I premi non sono in denaro. I riconoscimenti assegnati vengono tuttavia integrati, quando possibile, con premi in libri o di altro genere messi a disposizione da istituzioni ed enti che collaborano con l’Associazione.

Le opere inedite presentate nell’ambito del Premio vengono valutate e promosse anche ai fini della loro eventuale pubblicazione presso le case editrici italiane

www.associazioneitalianadellibro.it