Dal 4 al 6 aprile a Bagnacavallo, nel cuore della Romagna, si terrà una tre giorni di riflessioni e racconti aperti al pubblico per ricostruire dettagli, gesti, mondi sociali, sistemi morali dell'Italia. E non poteva mancare l'aspetto gastronomico.
Pubblicità

Sempre più spesso al cibo viene riconosciuto il fondamentale ruolo di vettore nello scambio e nell’incontro tra culture differenti. Anche se si parla di come si sia evoluta l’organizzazione sociale nel corso degli anni. E, anche, se a parlarne sono artisti e letterati che si incontrano per fare il punto della situazione sull’Italia presente. Un luogo frutto dell’incontro tra due realtà, due concetti che si incontrano continuamente come quello del paese con la ‘p’ minuscola e del Paese con la ‘P’ maiuscola. È in questo contesto che si colloca la Cena dei Popoli, un incontro multietnico in cui l’esempio di associazioni che lavorano per la cooperazione in altre regioni del mondo viene presentato attraverso piatti identitari di culture lontane e si fonda sul concetto che, scrivono gli organizzatori, coltivare il cibo, cuocerlo e offrirlo sono azioni che fanno parte del ciclo della vita e del suo rinnovamento in ogni parte del mondo. A ospitare la cena organizzata dalle associazioni Jam Salam e Amici del Mozambico sarà il progetto culturale Un Paese, raccontare il presente italiano. Un’iniziativa che, sotto la direzione scientifica di Christian Caliandro, è promossa dal Comune di Bagnacavallo e realizzata dall’Associazione Anthem grazie al contributo della Regione Emilia Romagna nell’ambito del programma di educazione alla pace e ai diritti umani. Ed è così che cinque ricette provenienti da Marocco, Nigeria, Polonia e Senegal verranno presentate al pubblico con tanto di ricette e preparazioni di cui offriamo un accenno.

Marocco
Harira (antico piatto arabo)
Ingredienti: datteri, pomodori maturi, concentrato di pomodoro, manzo a pezzi, ceci, lenticchie, farina, zafferano, burro salato, spezie marocchine, prezzemolo, cardamomo, sedano.
In una pentola mettere tutti gli ingredienti e lasciare cuocere per circa un’ora, poi aggiungere la farina e acqua. Girare bene per 15 minuti, aggiungere le uova. Lasciare riposare per 10 minuti.

Nigeria
Frice rice
Ingredienti: riso bianco, carote, pomodoro, olio, carne di pecora, peperoni, piselli.
Cuocere del riso bianco e metterlo da parte. In un’altra casseruola mettere della carne a cubetti, verdura, cipolle, spezie e qualsiasi altro ingrediente vogliate metterci per fare il condimento.
Prendere una casseruola e ungerla leggermente con l’olio, metterci una tazza di riso e un po’ di condimento. Usare un cucchiaio di legno per miscelare il tutto.

Pubblicità

Polonia
Torta al cioccolato e uva sultanina
Ingredienti: farina 00, zucchero, uova, margarina, cacao amaro, rum, uva sultanina, acqua, lievito.
Sciogliere lo zucchero ed il cacao nell’acqua, unire la margarina e portare a bollore. Lasciare raffreddare, poi aggiungere 4 tuorli, la farina, il lievito. Montare a neve gli albumi, incorporarli, aggiungere l’uva ammollata nel rum ed il rimanente rum. Mettere in uno stampo imburrato e informare a 180° per 50 minuti.

Senegal
Yassa
Ingredienti: riso bianco, peperoni rossi e gialli, un pizzico di pepe nero, olive, verdure miste, cipolla, olio, carne di manzo o vitello, aceto, senape, pomodori verdi, dado per brodo.
Fare soffriggere la carne con la cipolla, i pepeorni e i pomodori tagliati a quadretti, il pepe e le verdure e sfumare con l’aceto. Continuare la cottura della carne e delle verdure e condire con la senape. Cuocere il riso a parte in acqua bollita. Servire insieme.

Un Paese | 4 – 6 aprile 2014 | Bagnagcavallo, Ravenna | 1paese.com