La cucina di casa. Ricetta: sarde al profumo di finocchio

31 Gen 2018, 16:39 | a cura di Gambero Rosso

Ricette semplici ma gustose, utili per chi è appassionato di cucina ma non è un cuoco esperto. Qui la ricetta delle sarde al profumo di finocchio spiegata passo dopo passo. Cominciate con l'andare dal pescivendolo di fiducia a comprare un chilo di sarde freschissime.  

Pubblicità

Dopo avervi deliziato con una polentina agli spinaci e salsiccia (Paparot friulano) e con un primo piatto tipicamente romano, la pasta e broccoli in brodo di arzilla, ecco un secondo perfetto per questa stagione: le sarde al profumo di finocchio.

Due finocchi

I finocchi

Originari del Medio Oriente, questi ortaggi hanno raggiunto il bacino mediterraneo nel tardo Medioevo, trovando un'area di sviluppo ottimale. Tant'è che il finocchio è forse uno degli ortaggi più presenti sulle tavole dell’area del Mediterraneo. Delle due varietà di finocchio, quello selvatico cresce in maniera spontanea e viene usato come pianta aromatica. Quello dolce coltivato viene usato principalmente in cucina. Quest'ultimo, croccante e dal sapore simile a quello dell'anice (dovuto alla presenza piuttosto consistente di anetolo), è composto principalmente di acqua, quindi ipocalorico. Contiene minerali, soprattutto potassio, e vitamine, come la C, la pro-vitamina A e alcune vitamine del gruppo B. Il finocchio è noto per le sue proprietà depurative e digestive; ha infatti la capacità di evitare la formazione di gas intestinali. Piccolo aneddoto: pare che i cantinieri prima di far assaggiare un vino, offrivano spicchi di finocchio perché le sue sostanze aromatiche rendono buono anche un vino scadente. Da qui il termine “infinocchiare”.

Pubblicità

La parte commestibile è la parte bianca che si sviluppa alla base (le grosse guaine fogliari), ma si possono usare anche i fiori, i germogli e i frutti, erroneamente chiamati semi. Quelli che andrete a utilizzare nella preparazione della ricetta.

Sarde al profumo di finocchio

Ingredienti

1 kg di sarde freschissime

800 g di polpa di pomodoro

Pubblicità

1 cucchiaio di concentrato di pomodoro

3 cipolle medie

3 cucchiai d'olio extravergine d'oliva

½ bicchiere di vino bianco secco

2 cucchiai di pan grattato

1 cucchiaio di semi di finocchio

1 peperoncino

Sale e pepe

 

Scaldate due cucchiai d'olio in una padella e fatevi appassire, a fuoco moderato, le cipolle affettate sottili. Quando cominciano a prendere colore, bagnatele con il vino, rialzate la fiamma e fatelo sfumare.

Aggiungete la polpa di pomodoro, il concentrato e il peperoncino spezzettato quindi insaporite con sale e pepe e lasciate cuocere la salsa per una mezz'ora fino a quando sarà ben asciugata. Nel frattempo raschiate leggermente le sarde per squamarle, decapitatele e svuotatele quindi lavatele sotto l'acqua corrente e asciugatele.

Versate la salsa di pomodoro in una teglia e stendetela in modo da ricoprire il fondo e accomodatevi sopra le sarde, una vicina all'altra, in un solo strato. Insaporitele con sale e pepe e spolveratele prima con i semi di finocchio e dopo con il pangrattato.

Spruzzatele con poco olio e mettete la teglia nel forno precedentemente scaldato a 200° lasciandole cuocere per 25 minuti.

A cottura ultimata, trasferite delicatamente le sarde sul piatto da portata e servitele tiepide o fredde. Saranno ancora migliori se le preparerete con un giorno di anticipo.

 

Nelle puntate precedenti:

L'antipasto: Paparot friulano con gli spinaci

Il primo: Pasta e broccoli in brodo di arzilla

cross linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X