Era l'inizio del secolo scorso quando Giovan Battista Perbellini dava il là a una storia di famiglia tutta concentrata su pasticceria e ristorazione. Il più celebre di casa è Giancarlo, ma a Bovolone suo padre e lo zio mantengono viva la storica pasticceria. Che ora cambia pelle. 

Pubblicità

La grande famiglia Perbellini. Una storia di gusto

Se a Verona dici Perbellini l’immaginazione comincia subito a galoppare sul binario del gusto, direzione girone dei golosi. E non solo perché la cucina d’autore in città porta la firma di Giancarlo (ma non è l’unico), che del ristorante di famiglia  – nato a Isola Rizza nel 1989 e oggi rinvigorito dal trasferimento a Verona dopo la decisione di separare le strade, sotto l’insegna Casa Perbellini – ha fatto un gioiello da Forchette, stelle Michelin e tanti apprezzamenti trasversali. Da quando Giancarlo ha intrapreso la sua carriera solista in città (dove gestisce anche la Dolce Locanda, che rifornisce tutti i suoi locali della pasticceria sopraffina che chiude ogni pasto), a Isola Rizza l’esperienza di ristorazione è ricominciata sotto la guida di Paola Secchi (in sala) con la cucina di Francesco Baldisarutti e Stefano Deon.

La Pasticceria di Bovolone. Rinomata Offelleria

Ma è soprattutto la storica pasticceria di Bovolone, dove l’omonimia dell’insegna oggi fa riferimento al papà e allo zio di Giancarlo, a mantenere traccia di un passato ultrasecolare speso a garanzia della qualità e dell’artigianalità. Meglio conosciuta come Antica Offelleria – dal nome della specialità lievitata ribattezzata Offella d’Oro, a marchio registrato – la Pasticceria Perbellini nasce intorno al 1900, quando Giovanni Battista prende sul serio le sperimentazioni sulla pasta lievitata; poi, negli anni Cinquanta, è suo figlio Ernesto a nobilitare l’arte dolciaria veneta, ideando diverse creazioni originali che entreranno nella storia del marchio, dal Millefoglie Strachin al Dolce Dorato. L’apprezzamento cresce, il giro d’affari anche: negli anni Settanta apre la seconda sede di Isola Rizza, che aprirà la strada alla progettazione di un ristorante. Oggi la produzione è affidata ai fratelli Giovanni Battista e Flavio, il ventaglio di specialità fresche e confezionate è cresciuto ancora. E così affianco all’Offella d’Oro chi entra in pasticceria trova un vasto assortimento di dessert freschi e biscotteria, pralineria e lavorazioni sfogliate.

Il restyling. Con caffetteria

Anche se negli ultimi tre mesi le aspettative dei clienti in visita a Bovolone sono rimaste deluse: tanto ci è voluto per portare a compimento il restyling della Rinomata Offelleria Perbellini, che si è rifatta il look per far fronte a una domanda che continua a crescere, anche dall’estero. E così, per continuare a lavorare sull’artigianalità, il rinnovamento ha riguardato in primis le strutture tecniche. Con l’occasione, però, oggi (da poche ore) la pasticceria si presenta in versione moderna e minimalista, che comprende anche la riapertura di un angolo caffetteria dedicato a colazioni e pausa caffè, accantonato per diverso tempo. Negli anni Cinquanta, infatti, l’insegna, all’epoca in piazza, era anche bar. E così sarà d’ora in avanti il negozio di via Vittorio Veneto. Il cambio di passo però riguarda anche il packaging, con la proposta in box a portar via di molte specialità di pasticceria gourmet. Ecco le prime foto.

Pubblicità

 

Pasticceria Perbellini | Bovolone (VR) | via Vittorio Veneto, 46 | tel. 045 7100599 | www.pasticceriaperbellini.it

 

a cura di Livia Montagnoli

Pubblicità