La Trattoria di Giuliana da Eataly Forlì. I primi mesi della rinata Locanda Al Gambero Rosso di Giuliana Saragoni

5 Giu 2015, 08:14 | a cura di Livia Montagnoli
Oltre mezzo secolo di storia, una tavola tradizionale tra le più apprezzate di Romagna e d’Italia. Poi la chiusura definitiva lo scorso agosto e l’inizio di una nuova avventura. Oggi la Locanda Al Gambero Rosso rivive nella Trattoria di Giuliana da Eataly Forlì. Ecco cos’è cambiato.
Pubblicità

Memoria storica. La mitica Locanda di San Piero in Bagno

Sono passati ventitré anni da quando ho lasciato il lavoro al Comune di Forlì, proprio qui di fronte, in piazza Saffi, per dedicarmi alla ristorazione a tempo pieno. Oggi vedo ogni mattina l’ufficio di un tempo, ripenso agli anni della Locanda del Gambero Rosso con gioia e guardo avanti piena di entusiasmo. Mi sento viva e più responsabile, carica di progetti”. A parlare così, con una passione che travalica la distanza telefonica e colpisce nel segno, è Giuliana Saragoni, anima e chef di cucina della storica Locanda Al Gambero Rosso di San Piero in Bagno.
Fino allo scorso agosto l’insegna fondata negli anni Cinquanta da mamma Diva e Cecco Saragoni è stata accudita con premura dal gruppo guidato da Giuliana, che dagli anni Novanta ha saputo ereditare le redini della Locanda, facendone una tavola per buongustai celebrata da guide di settore, critica e clienti affezionati, in cerca di una cucina consolatoria e godereccia, ispirata ai sapori della memoria e giocata sulle grandi materie prime della Romagna (comprese le più povere, come le erbe spontanee).

La nuova sfida. La Trattoria di Giuliana da Eataly Forlì

Oggi, dopo più di sessant’anni, la locanda non esiste più, almeno non nella forma che tutti avevano imparato ad apprezzare e ricordano con affetto. L’ultimo servizio, il 29 agosto 2014, aveva lasciato dietro di sé la nostalgia che accompagna le belle esperienze che volgono al termine e qualche incertezza per il futuro. Invece Giuliana ha stupito tutti, ripresentandosi al pubblico in quel di Forlì, all’interno del neonato Eataly, con il desiderio immutato di raccontare l’autentica cucina romagnola e trasferire nella Trattoria di Giuliana lo spirito della Locanda del Gambero Rosso, che è tornata a brillare senza scendere a compromessi.
Inaugurato alla fine del febbraio scorso - in concomitanza con il taglio del nastro dello store firmato Farinetti all’interno dello storico Palazzo Talenti Framonti - il ristorante ha già trovato la sua dimensione ideale, forte di un gruppo affiatato che è sempre lo stesso, quello in grado per esempio di conquistare per anni i Tre Gamberi nella guida del Gambero Rosso.
Una grande famiglia che vede Alyna in cucina, Michela in sala, Paolo ai vini, e poi Maria Grazia e Moreno; ci tiene a ricordare tutti Giuliana, che supervisiona l’intera attività: “Per noi sono sempre stati importanti l’accoglienza, l’ospitalità e il coinvolgimento del cliente e questi sono i valori che abbiamo portato con noi. Formiamo il personale perché comprenda la nostra filosofia, lo accogliamo in squadra; e con lo stesso impegno garantiamo anche la qualità della pizzeria (al piano di sotto, n.d.r.), di cui seguiamo gli impasti (36 ore di lievitazione, farine biologiche e forno a legna) e la selezione delle materie prime”.

Cosa si mangia in Trattoria

Ora il ristorante può contare su ottanta coperti e una clientela eterogenea, dai più affezionati frequentatori di San Piero (quasi facilitati nel raggiungere la nuova location senza passare per la E45) ai professionisti che si siedono a pranzo per un pasto veloce e tornano la sera con la famiglia. Ma il successo dell’operazione si misura soprattutto nella soddisfazione degli ospiti, che è tale da annoverare presenze in arrivo da tutto il Nord Italia (e non solo) per provare la Trattoria di Giuliana.
Il menu ha subito qualche comprensibile cambiamento per adattarsi alla nuova formula, ma in carta (che varia ogni 15 giorni) ci sono sempre i grandi classici della casa, all’insegna di alti standard qualitativi: il tortino con le erbe spontanee e i fegatini, le polpette di nonna Diva e il menu dei fiori, la carne di Mora Romagnola e la Fassona piemontese.
E Giuliana, con la sua carica ritrovata, dirige anche le attività didattiche, con corsi teorici e lezioni pratiche di cucina sempre affollati, raccontando il mondo delle erbe spontanee, rivelando i segreti delle ricette di famiglia o dedicandosi ai laboratori per bambini.

Pubblicità

Eataly Forlì

Eataly Forlì vanta uno spazio di duemila metri quadri su quattro livelli in pieno centro cittadino, mantenendo al suo interno l’allestimento più tradizionale: vendita di prodotti dell’eccellenza enogastronomica italiana e soprattutto romagnola, la pasticceria di Luca Montersino e la gelateria Lait, il caffè illy, la pizzeria e la pasta di Gragnano, il ristorante (al secondo piano), l’enoteca e le aule didattiche.

a cura di Livia Montagnoli

Trattoria di Giuliana | Eataly Forlì, piazza Aurelio Saffi 45, Forlì | aperto a pranzo e cena | per prenotazioni tel. 344 2331235

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X