Un viaggio nella cucina del mondo attraverso i grandi protagonisti del panorama internazionale – attesi Acurio, Robuchon, Martinez, Benallal, Tsumura – e tra i sapori di casa (quelli della tradizione spagnola) nella sezione Saborea España. Nazione ospite la Cina, cucina invitata quella colombiana, focus su Helsinki. In scena dal 2 al 4 febbraio al Palacio Municipal de Congresos della capitale spagnola.
Pubblicità

Sarà dedicata alla cocina viajeras la prossima edizione di Madrid Fusion, il congresso gastronomico che dal 2 al 4 febbraio tornerà per il dodicesimo anno nella capitale spagnola. Una cucina di viaggio (e in viaggio) intesa come avventura verso la conoscenza, alla scoperta dell’universo culturale gastronomico e delle sue contaminazioni.
Il Palacio Municipal de Congresos riunirà per tre giornate i migliori chef di Spagna (e non solo) per discutere delle ultime tendenze e approfondire tanto le istanze più all’avanguardia di una cucina in grande fermento, quanto il contatto con la tavola della tradizione (cui sarà dedicata la sezione Saborea España). Più di cento gli chef in arrivo da dodici Paesi, tra cui si segnala l’enclave cinese accolta come ospite ufficiale dell’edizione 2015. La città invitata è invece Helsinki, la capitale finlandese individuata come meta gastronomica del futuro e rappresentata in congresso da Filip Langhoff (e le sue radici commestibili), Jari Vesivalo e Timo Siitonen. Mentre la cucina ospite sarà quella colombiana.

Giocano in casa i fratelli Roca, Andoni Luis Aduriz (protagonista anche dell’omaggio alla filosofia del Mugaritz nel mondo), Martin Berasategui, David Muñoz, Josean Alija, Angel Leon, Eneko Atxa. Paco Roncero, Paco Torreblanca, Ramon Freixa, Elena Arzak e una moltitudine di nomi delle vecchia guardia e del nuovo corso che coesistono nella variegata costellazione gastronomica della penisola iberica.

I relatori stranieri più attesi? Joel Robuchon, Akrame Benallal e Jean Francois Piege dalla Francia, Da Dong maestro della cucina cinese, Yoshihiro Narisawa per il Giappone, Mitsuaro Tsumura in rappresentanza della cucina nikkei, fusione tra tendenze asiatiche e sudamericane che ben si presta a illustrare il tema.
Gli interventi si protrarranno da mattina a sera tra l’Auditorium (con il congresso Madrid Fusion durante la mattinata e Saborea Espana nel pomeriggio) e la Sala Polivalente che accoglierà incontri, approfondimenti e concorsi tematici, come il curioso Campionato del mondo Joselito per l’esecuzione della migliore crocchetta di jamon o il Concorso del panino d’autore. Enofusion sarà l’area destinata al vino e alla cultura enologica.
Tra le lezioni da non perdere il ceviche di Gaston Acurio e Virgilio Martinez nel pomeriggio della prima giornata, i cocktail creativi di David Rios dal Jigger Cocktail Bar di Bilbao, il cioccolato di José Maria Guerola. Durante la manifestazione una giuria di esperti decreterà lo chef rivelazione dell’ultimo anno. Grandi assenti gli chef italiani.

Pubblicità

Madrid Fusiòn 2015 | Palacio Municipal de Congresos, Campo de las Naciones, Madrid | Dal 2 al 4 febbraio dalle 9 alle 20 | www.madridfusion.net