Fino al 28 giugno, lo spazio Kitchen ospita gli scatti che immortalano il mestiere dell’executive chef del VUN durante la creazione dei piatti e raccontano la sua vita in cucina.
Pubblicità

Mani che si muovono sapienti, con precisione quasi chirurgica e il tocco delicato di chi misura ogni gesto. Mani capaci di raccontare la personalità di un uomo: le mani di Andrea Aprea, executive chef del VUN, ristorante del Park Hyatt di Milano. Sceglie i toni del bianco e nero il fotografo freelance GaZ Blanco per immortalare il mestiere dello chef negli scatti protagonisti della mostra Mani di Chef, in scena presso la spazio Kitchen di Milano fino al 28 giugno. Una sequenza di fotografie che affastella dettagli minuziosi e gesti di Aprea e del suo staff, colti nell’atto di creare un’esperienza, e al tempo stesso restituisce il senso di un lavoro duro e nascosto alle luci dei riflettori. Lo chef del VUN descrive così la sua cucina contemporanea, frutto di “amore, arte, dedizione, sacrificio, condivisione, cultura, tradizione, benessere, ma soprattutto passione”; e Giuseppe Bianco, alias GaZ Blanco, è in grado di sublimare, attraverso la luce, l’esperienza dell’alta cucina, cogliendone l’aspetto estetico e emozionale.

Mani di Chef | Spazio Kitchen, via Edmondo de Amicis 45, Milano | ingresso gratuito fino al 28 giugno. Orari lunedì 15-19.30/ martedì-sabato 10-19.30 | www.kitchenweb.it

GaZ Blanco | www.gazblanco.com