Il fondatore del brand Momofuku si lancia nel mondo del delivery service e sviluppa una nuova idea di ristorazione a domicilio: cucina dedicata, grandi chef all'opera per ideare e realizzare i piatti, tempi di consegna ridotti all'osso. A New York tra qualche mese. E poi?
Pubblicità

L’IMPERO DI DAVID CHANG

È un vero genio del marketing, oltre che un talento in cucina, David Chang. Ciò che sembra riuscire meglio a questo chef americano di origini coreane è sviluppare format e soluzioni per la ristorazione baciati dal successo su vasta scala. È andata così per il brand Momofuku – atmosfera informale, ambientazione street chic e alta cucina che incontra la tradizione fusion – che continua a moltiplicare aperture in giro per l’America e il mondo; poi, qualche giorno fa, l’annuncio dell’imminente lancio di Fuku, il locale nel cuore di Manhattan pronto a servire esclusivamente bun con pollo fritto a prezzi popolari: un successo già scritto. E l’alba di una nuova catena di fast food di qualità per cercare di contrastare la deriva junk food di cui sono vittima gli States.
Ma da qualche mese David Chang porta avanti un progetto ben più ambizioso, tangente alla cucina, che promette di rivoluzionare l’universo della consegna a domicilio nella sconfinata metropoli di New York.

IL DELIVERY SERVICE DEL FUTURO: APP, CUCINA DEDICATA, QUALITÀ, CONSEGNA LAMPO

Pubblicità

Perché bisogna ammetterlo, pensare di ottimizzare il delivery service fino a raggiungere un tempo di attesa medio per ordine non superiore ai 15 minuti in tutta l’area di Manhattan sembra fantascienza. E invece Maple – l’applicazione che sarà rilasciata nei prossimi mesi – ha già attirato gli investimenti della finanza che conta e del Ceo del sito di e-commerce Bonobos, per una cifra complessiva di 22 milioni di dollari. Niente male per una start up ancora al vaglio dei ricercatori, ma già partita con il piede giusto.
L’idea è quella di costituire un servizio di menu stagionali di livello – selezionati e sviluppati da un board gastronomico d’eccezione, con gli chef Dan Kluger, Mark Ladner e Brooks Headley – per offrire un servizio di consegna a domicilio efficiente che non rinunci alla qualità del cibo e anzi la esalti garantendo tempi di attesa minimi, grazie alla tecnologia di Maple.
I piatti saranno preparati sul momento in una cucina dedicata al delivery service nel cuore di New York e il costo di un pasto completo dovrebbe aggirarsi sui 15 dollari. Così Maple manterrà il controllo dell’intera filiera, dallo sviluppo e realizzazione dei piatti fino alla consegna davanti alla porta. E si studiano soluzioni ideali per il trasporto e il packaging. Siamo davanti alla nuova frontiera della ristorazione?