Michelin Shanghai 2017. L'esordio: 2 stelle per la catena popolare Canton 8 e per Umberto Bombana

21 Set 2016, 11:01 | a cura di Livia Montagnoli

31 stelle, 26 ristoranti premiati in rappresentanza di una scena gastronomica che la Michelin giudica vivace e variegata. Eppure c'è spazio soprattutto per le insegne più rinomate, Bombana compreso. Ma la sorpresa arriva da Canton 8: il due stelle più economico del mondo. 

Pubblicità

La Rossa a Shangai. L'esordio con sorpresa

Da poche ore anche Shanghai e la sua estesa municipalità possono contare sulla mappatura gastronomica della guida Michelin. E a ben vedere l'esordio della Rossa nella metropoli cinese, che fa seguito alla prima edizione recentemente dedicata alla città-stato di Singapore, conferma la volontà di stabilire un presidio sempre più saldo sulla scena ristorativa dell'Estremo Oriente e del Sud Est Asiatico, ormai capaci di offrire gli stimoli più disparati a viaggiatori gourmet e critica di settore. E se la prima uscita di Singapore sarà ricordata per le stelle piovute su due celebri realtà dello street food locale (ora letteralmente prese d'assalto, potere della Rossa), la prima volta a Shangai dispensa riconoscimenti a 26 attività, comprese le due stelle conquistate dalla catena Canton 8, una realtà informale, ideale per la pausa pranzo e molto frequentata dalle famiglie per la varietà dell'offerta, che “riflette tutto quanto si può desiderare dalla tradizione culinaria di Shangai” ha confermato Michael Ellisdeliziosa, tecnicamente impeccabile, di qualità”; e ora si candida a diventare la più economica tavola del mondo a poter vantare le Due stelle.

Gli stellati. Lusso e cucine internazionali, da Bombana a Pairet

All'apprezzamento per la cucina popolare fanno da contraltare le stelle riconosciute a ristoranti esclusivi, come il T'ang Court, insignito con le Tre stelle, come del resto il suo corrispettivo a Hong Kong: solo sei tavoli per una proposta di moderna cucina cantonese (manzo Wagyu compreso), all'interno del Langham Hotel, alle direttive dello chef Justin Tan. La pubblicazione della guida di Shangai, non a caso, segue il percorso di Hong Kong, Taipei e Singapore, tra le città riconosciute gastronomicamente stimolanti per i secoli di storia che ne influenzano le abitudini alimentari, ma pure per lo slancio verso la modernità garantito dall'espansione economica.

Pubblicità

E i risultati si apprezzano in tavola: Canton 8 e le sue due stelle sono in buona compagnia. La catena condivide il piazzamento con altre 6 insegne, tra cui spiccano l'avamposto francese e ipertecnologico di Paul Pairet, Ultraviolet, e il fine dining italiano di Umberto Bombana, 8 ½, che a Shangai ha replicato un format di successo (8 ½ a Hong Kong detiene saldamente le Tre stelle) a partire dal 2012. Nella città cantonese il ristorante, ospitato all'interno del Rockbund, è guidato dal siciliano Riccardo La Perna (soddisfatto per la scelta dell'editore francese di premiare un panorama ristorativo “all'altezza degli standard Michelin”), che ha impressionato i critici della Rossa per la capacità di valorizzare i prodotti locali presentando nel piatto i sapori autentici della cucina italiana. Soddisfazione anche per l'Atelier di Joel Robuchon (Due stelle), che incassa l'ennesimo riconoscimento per una formula nata a Parigi, ma replicata con successo nel mondo.

Pioggia di stelle per la cucina cantonese. Ma solo quella esclusiva

Con loro, a quota due, anche tre insegne di cucina cantonese tradizionale, seppur di alto livello (e prezzi non alla portata di tutte le tasche): Yi Long Court, Yongfoo Elite, Imperial Treasure Restaurant. Prima stella per 18 realtà, quasi tutte legate alla tradizione locale, compreso il BBQ Kanpai Classic, a eccezione dei francese Phenix Eatery & Bar e Sir Elly's.

Ma c'è spazio anche per il disappunto della critica locale, seppur contenuto: se si esclude la sorpresa per Canton 8, le altre stelle (31 in tutto) premiano una cucina che rappresenta in minima parte la varietà dell'offerta gastronomica di Shangai, attestandosi principalmente sulle realtà più dispendiose. Un risultato che qualcuno ha ricondotto alla difficoltà per gli ispettori Michelin di “cogliere l'essenza delle specialità locali”.

 

Pubblicità

 

Tre stelle

T'ang Court

 

Due stelle

8 1/2 Otto de Mezzo Bombana

L’Atelier de Joel Robuchon

Canton 8

Ultra Violet

Yi Long Court

Yongfoo Elite

Imperial Treasure Restaurant

 

Una stella

Sir Elly’s

Da Dong

Madam Goose Xinzhuang

Phenix eatery & bar

Fu He Hui

Seventh Son Restaurant

Jin Xuan Chinese Restaurant

Kanpai Classic

Lao Zheng Xing Restaurant

Lei Garden

Shang-High

La Famille

Jade Mansion

Rong Chinese Cuisine

Tai'an Table

Yong Yi Ting

 

a cura di Livia Montagnoli

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X