Il Fuorisalone meneghino è sempre più food. Accanto ad arredi e soluzioni di design il capoluogo lombardo offre anche tante soluzioni per mangiare in uno spettro ampio che abbraccia tanto il pic nic quanto la cena stellata.
Pubblicità

Le segnalazioni sull’offerta gastronomica del Fuorisalone 2014 mostrano una Milano che si sta dando molto da fare in fatto di accoglienza. L’evento che ha mosso questo fermento è il Salone del Mobile. Giunta alla 53 edizione, la grande esposizione dedicata al design dell’arredo propone un fiorire di eventi a margine dedicati all’enogastronomia di qualità. Chi visita il Salone, il Fuorisalone, il Salone Satellite e i mille altri raggruppamenti di segnalazioni ha così l’imbarazzo della scelta di fronte alle numerose alternative per mangiare. Dal panino gourmet al pic nic in un’area attrezzata, fino alla cena da chef stellati e molto altro. Insomma, quello del food potrebbe essere interpretato come un vero e proprio assedio al mobile. In questo contesto è stata lanciata Milanocityguide. Una guida al ristoro, veloce o impettito, per chi visita Milano dall’8 al 13 aprile. Un’app lanciata da Vanityfair che raccoglie gli indirizzi del mangiar bene tra un’esposizione e l’altra. Ed è così che dallo street food d’autore agli happening si avrà la possibilità di essere sempre informati su dimostrazioni e showcooking, iniziative proposti dai grandi ristoranti della scena meneghina e luoghi attrezzati per una sosta relax con cocktail, magari quando si avvicina l’ora dell’aperitivo. E ancora tutti gli eventi ‘off’ in cui le soluzioni di design incontrano le esigenze della cucina e vengono organizzate dimostrazioni con assaggi, come l’evento di Okite per offrire al pubblico una dimostrazione concreta di come i piani da cucina vengono usati da chef del Gambero Rosso, ovviamente con assaggi. O il Pubblic Design Festival organizzato da Esterni con proposte di soluzioni innovative e di design rivolte allo street food.